Testo normativa

Articolo 185 - Sostegno di artisti, interpreti ed esecutori
G.U. 19/5/2020 n. 128

CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 17/7/2020, N. 77
---------------------------------------------------------------------------------

Titolo VIII

MISURE DI SETTORE

Capo I

Misure per il turismo e la cultura

Sostegno di artisti, interpreti ed esecutori

1. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, i Commissari liquidatori dell’IMAIE in liquidazione, di cui all’articolo 7 del decreto-legge 30 aprile 2010, n.64, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 giugno 2010, n. 100, depositano il bilancio finale di liquidazione, comprensivo anche dell’ultimo piano di riparto. Nel bilancio finale di liquidazione e’ indicata, come voce distinta dal residuo attivo, l’entita’ deicrediti vantati da artisti, interpreti ed esecutori e sono altresi’ indicati i nominativi dei creditori dell’ente e i crediti complessivamente riferibili ad artisti, interpreti, esecutori dell’area musicale e quelli riferibili ad artisti, interpreti, esecutori dell’area audiovisiva, come risultanti dagli stati passivi esecutivi per i quali sia stato autorizzato il pagamento dei creditori.
2. Ai crediti di cui al comma 1 si applica il termine stabilito dall’articolo 5, comma 4, della legge 5 febbraio 1992, n. 93, con decorrenza dalla pubblicazione dei nominativi degli aventi diritto ai sensi degli avvisi pubblicati nella Gazzetta Ufficiale in attuazione del comma 3 del medesimo articolo, fatto salvo, per i titolari dei crediti ammessi agli stati passivi i cui nominativi sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale - Parte Seconda, n. 130 del 3 novembre 2016, il diritto di richiedere il pagamento entro il termine perentorio di trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto.
3. Approvato il bilancio finale, le somme corrispondenti al residuo attivo, comprese le somme relative ai diritti non esercitati nei termini stabiliti, sono versate all’entrata del bilancio dello Stato per la successiva riassegnazione allo stato di previsione del Ministero per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo e sono ripartite in favore degli artisti, interpreti ed esecutori, per il tramite degli organismi di gestione collettiva e delle entita’ di gestione indipendente di cui al decreto legislativo 15 marzo 2017, n.35, che intermediano diritti connessi al diritto d’autore spettanti agli artisti, interpreti ed esecutori, secondo le modalita’ definite con decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo, tenendo conto dell’impatto economico conseguente all’adozione delle misure di contenimento del COVID-19 e della condizione reddituale dei destinatari.
4. Al termine della procedura di esecuzione dell’ultimo piano di riparto, l’eventuale ulteriore residuo attivo, comprese le ulteriori somme relative ai diritti non esercitati nei termini stabiliti, e’ versato all’entrata del bilancio dello Stato per la successiva riassegnazione allo stato di previsione del Ministero per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo e ripartito in favore dei medesimi soggetti secondo le modalita’ definite con decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo adottato ai sensi del comma 3.
5. E’ abrogato il comma 2 dell’articolo 47 del decreto legislativo 15 marzo 2017, n.35.

 

(1) Articolo modificato dalla legge di conversione 17/7/2020, n. 77.


Articolo 184

Fondo per la cultura
Patrimonio culturale immateriale tutelato dall’UNESCO

Torna all'Elenco Articoli Decreto Legge 19/5/2020 n. 34