Testo normativa

Articolo 41 ter - Norme ambientali per gli impianti ad inquinamento scarsamente significativo
G.U. 21/6/2013 n. 144

ARTICOLO INSERITO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 9/8/2013, N. 98
-----------------------------------------------------------------------------------------

TITOLO II - SEMPLIFICAZIONI
CAPO I - MISURE PER LA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA

Norme ambientali per gli impianti ad inquinamento scarsamente significativo

1. Alla parte I dell’allegato IV alla parte V del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) alla lettera m) sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, nonche’ silos per i materiali vegetali»;
b) dopo la lettera v) e’ inserita la seguente:
«v-bis) impianti di essiccazione di materiali vegetali impiegati da imprese agricole o a servizio delle stesse con potenza termica nominale, per corpo essiccante, uguale o inferiore a 1 MW, se alimentati a biomasse o a biodiesel o a gasolio come tale o in emulsione con biodiesel, e uguale o inferiore a 3 MW, se alimentati a metano o a gpl o a biogas»;
c) alla lettera z), la parola: «potenzialmente» e’ soppressa;
d) dopo la lettera kk) sono aggiunte le seguenti:
«kk-bis) Cantine che trasformano fino a 600 tonnellate l’anno di uva nonche’ stabilimenti di produzione di aceto o altre bevande fermentate, con una produzione annua di 250 ettolitri per i distillati e di 1.000 ettolitri per gli altri prodotti. Sono comunque sempre escluse, indipendentemente dalla produzione annua, le fasi di fermentazione, movimentazione, travaso, addizione, trattamento meccanico, miscelazione, confezionamento e stoccaggio delle materie prime e dei residui effettuate negli stabilimenti di cui alla presente lettera. kk-ter) Frantoi».
2. Alla parte II dell’allegato IV alla parte V del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) dopo la lettera v) e’ inserita la seguente:
«v-bis) Impianti di essiccazione di materiali vegetali impiegati o a servizio di imprese agricole non ricompresi nella parte I del presente allegato»;
b) dopo la lettera oo) e’ aggiunta la seguente:
«oo-bis) Stabilimenti di produzione di vino, aceto o altre bevande fermentate non ricompresi nella parte I del presente allegato».


Articolo 41 bis

Ulteriori disposizioni in materia di terre e rocce da scavo
Disciplina dell’utilizzo del pastazzo

Torna all'Elenco Articoli Decreto Legge 21/6/2013 n. 69