Testo normativa

Articolo 80 - Foro delle societa’ con sede all’estero
G.U. 21/6/2013 n. 144

ARTICOLO SOPPRESSO DALLA LEGGE DI CONVERSIONE 9/8/2013, N. 98
-------------------------------------------------------------------------------------

TITOLO III - MISURE PER L’EFFICIENZA DEL SISTEMA GIUDIZIARIO E LA DEFINIZIONE DEL CONTENZIOSO CIVILE
CAPO IV - Misure processuali

Foro delle societa’ con sede all’estero

1. Per tutte le cause civili nelle quali e’ parte, anche nel caso di piu’ convenuti ai sensi dell’articolo. 33 del codice di procedura civile, una societa’ con sede all’estero e priva nel territorio dello Stato di sedi secondarie con rappresentanza stabile, che secondo gli ordinari criteri di ripartizione della competenza territoriale e nel rispetto delle disposizioni normative speciali che le disciplinano dovrebbero essere trattate dagli uffici giudiziari di seguito elencati, sono inderogabilmente competenti:
a) gli uffici giudiziari di Milano per gli uffici giudiziari ricompresi nei distretti di Brescia, Genova, Milano, Torino, Trento e Bolzano (sezione distaccata), Trieste, Venezia;
b) gli uffici giudiziari di Roma per gli uffici giudiziari ricompresi nei distretti di Ancona, Bologna, Cagliari, Sassari (sezione distaccata), Firenze, L’Aquila, Perugia, Roma;
c) gli uffici giudiziari di Napoli per gli uffici giudiziari ricompresi nei distretti di corte d’appello di Bari, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Catanzaro, Lecce, Taranto (sezione distaccata), Messina, Napoli, Palermo, Potenza, Reggio Calabria, Salerno.
2. Quando una societa’ di cui al comma 1 e’ chiamata in garanzia, la cognizione cosi’ della causa principale come dell’azione in garanzia, e’ devoluta, sulla semplice richiesta della societa’ stessa, con ordinanza del giudice, all’ufficio giudiziario compente a norma del medesimo comma.
3. Le norme ordinarie di competenza restano ferme per i giudizi relativi ai procedimenti esecutivi e fallimentari, nei casi di intervento volontario, e nei giudizi di opposizione di terzo. Resta altresi’ ferma la disposizione di cui all’articolo 25 del codice di procedura civile.
4. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano alle cause di cui agli articoli 25, 409 e 442 del codice di procedura civile, e alle cause di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.
5. Le disposizioni del presente articolo si applicano ai giudizi instaurati a decorrere dal trentesimo giorno successivo a quello di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.


Articolo 79

Semplificazione della motivazione della sentenza civile
Modifiche ai regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12

Torna all'Elenco Articoli Decreto Legge 21/6/2013 n. 69