Testo normativa

Articolo 33 - Sanzioni
B.U.R 6/6/2007 n. 11

TITOLO V - Disposizioni finali e transitorie

Sanzioni

1. La Giunta regionale, in caso di inerzia da parte degli enti attuatori nella realizzazione degli interventi inseriti nel Programma di cui all’articolo 3, comma 4, può disporre, previa diffida, la revoca anche parziale del contributo concesso.
2. In caso di svolgimento dell’attività di produzione di energia senza il rispetto dei limiti minimi obbligatori di cui all’articolo 6, comma 1 si applica una sanzione amministrativa da euro 500,00 ad euro 5.000,00 per ogni megawatt termico di potenza nominale dell’impianto superiore a quello stabilito.
3. In caso di mancata realizzazione del programma di adeguamento di cui all’articolo 6, comma 3, approvato ai sensi del comma 4 del medesimo articolo entro il termine dello stesso stabilito, si applica una sanzione amministrativa da euro 5.000,00 ad euro 50.000,00. Tale sanzione è raddoppiata se l’impresa non realizza il programma entro l’ulteriore termine assegnato dalla Regione dopo l’irrogazione della prima sanzione.
4. La costruzione e l’esercizio degli impianti di cui all’articolo 8, comma 1, lettere a), b), c), d) ed e) in assenza dell’autorizzazione di cui all’articolo 10, comma 1, o a condizioni difformi da quelle previste nel titolo autorizzatorio comporta la applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.500,00 a euro 10.000,00.
5. La mancata trasmissione della DIA prevista dall’articolo 11 o della comunicazione prevista dall’articolo 12, comma 2, comporta la applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da euro 250,00 a euro 1.000,00.
6. All’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui ai commi 2, 3, 4 e 5 provvede ARPAL secondo le procedure di cui alla legge regionale 2 dicembre 1982, n. 45 (Norme per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di competenza della Regione o di enti da essa individuati, delegati o subdelegati).
7. Nel caso in cui al comma 4, ferma restando l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie, i gestori sono tenuti alla immediata rimozione degli impianti. Qualora questi non provvedano, gli interventi sono realizzati d’ufficio dal Comune, con addebito delle relative spese ai gestori.
8. Chiunque realizza nuovi impianti di illuminazione pubblica o privata in difformità a quanto previsto dal titolo III è punito, previa diffida a provvedere all’adeguamento entra sessanta giorni, con la sanzione amministrativa da euro 200,00 a euro 500,00 per punto luce, fermo restando l’obbligo allo spegnimento di ciascun punto luce difforme sino all’adeguamento che deve essere effettuato dal proprietario dello stesso.
9. Le sanzioni di cui al comma 8 sono comminate dai comandi di Polizia Municipale competenti per territorio e sono impiegate dai Comuni per l’adeguamento degli impianti di illuminazione pubblica ai criteri di cui al presente titolo.
10. Il costruttore che non consegna al proprietario, contestualmente all’immobile, l’originale della certificazione energetica di cui all’articolo 28, comma 1, è punito con la sanzione amministrativa di cui all’articolo 15, comma 7, del D.Lgs. n. 192/2005 e successive modifiche e integrazioni.
11. Il professionista abilitato al rilascio dell’attestato di certificazione energetica di cui all’articolo 28, che rilascia un attestato non veritiero o dichiara un impedimento all’installazione di un impianto solare termico di cui all’articolo 27, comma 1 non veritiero, è punito con la sanzione amministrativa di cui all’articolo 15, comma 2, del D.Lgs. n. 192/2005 e successive modifiche e integrazioni.
[12. In caso di violazione dell’obbligo previsto dall’articolo 28, comma 3, il contratto è nullo. La nullità può essere fatta valere solo dall’acquirente.] (1)
[13. In caso di violazione dell’obbligo previsto dall’articolo 28, comma 4, il contratto è nullo. La nullità può essere fatta valere solo dal conduttore.] (1)
14. All’accertamento e alla contestazione delle sanzioni di cui ai commi 10 e 11 provvedono i Comuni competenti per territorio.
15. Per i casi non previsti dalla presente legge, si applicano le sanzioni di cui alla normativa nazionale di riferimento.
---------

(1) Comma abrogato dall'art. 3, L.R. 24/11/2008, n. 42.


Articolo 32

Esercizio, manutenzione ed ispezione degli impianti termici
Norma finanziaria

Torna all'Elenco Articoli Legge Regionale Liguria 29/5/2007 n. 22