Testo normativa

Articolo 24 - Impianti termici civili
B.U.R 11/12/2006 n. 50 S.O.1

TITOLO III - Misure prioritarie

Impianti termici civili

1. La Giunta regionale, con appositi atti, dispone le limitazioni e le relative modalità di applicazione, riguardanti l’utilizzo di olio combustibile e di carbone negli impianti termici civili.
2. Entro sei mesi dall’entrata in vigore della presente legge la Giunta regionale definisce, con apposito atto:
a) i requisiti minimi di prestazione energetica e le relative configurazioni degli impianti termici per il riscaldamento ad uso civile, alimentati con combustibili di origine fossile, degli edifici di nuova costruzione o sottoposti agli interventi di cui all’articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell’edilizia);
b) le prescrizioni da rispettare nel caso di sostituzione di generatori di calore, alimentati con combustibili di origine fossile, collegati a canne fumarie collettive ramificate (CCR), o collegati a canne fumarie per le quali non è tecnicamente possibile l’installazione di generatori di calore che rispettino le configurazioni di cui alla lettera a).
3. La Giunta regionale, nel provvedimento di cui al comma 2, individua altresì fasi e tempi di applicazione delle disposizioni a tutti gli edifici, con anticipazione temporale per gli edifici pubblici.
4. Le province e i comuni, nell’ambito delle competenze relative al controllo sul rendimento energetico degli impianti termici previste dagli articoli 28, comma 1, lettera c) e 27, comma 1, lettera d), della l.r. 26/2003, provvedono al controllo del rispetto delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2. (1)
----------

(1) Comma modificato dall'art. 7, comma 10, lettera b), LR 31/7/2007, n. 18


Articolo 23

Rinnovo e riqualificazione del parco autobus e filobus destinato ai servizi del trasporto pubblico locale
Certificazione e diagnosi energetica

Torna all'Elenco Articoli Legge Regionale Lombardia 11/12/2006 n. 24