Testo normativa

Articolo 2 - Progettazione antisismica
S.O. 8/5/2003 n. 72

1. Le regioni provvedono, ai sensi dell'art. 94, comma 2, lettera a), del decreto legislativo n. 112 del 1998, e sulla base dei criteri generali di cui all'allegato 1, all'individuazione, formazione ed aggiornamento dell'elenco delle zone sismiche. In zona 4 e' lasciata facolta' alle singole regioni di introdurre o meno l'obbligo della progettazione antisismica.
2. Per le opere i cui lavori siano gia' iniziati e per le opere pubbliche gia' appaltate o i cui progetti siano stati gia' approvati alla data della presente ordinanza, possono continuare ad applicarsi le norme tecniche e la classificazione sismica vigenti. Per il completamento degli interventi di ricostruzione in corso continuano ad applicarsi le norme tecniche vigenti. In tutti i restanti casi, fatti salvi gli edifici e le opere di cui al comma 3, la progettazione potra' essere conforme a quanto prescritto dalla nuova classificazione sismica di cui al comma 1, con la possibilita', per non oltre 18 mesi, di continuare ad applicare le norme tecniche vigenti. I documenti di cui agli allegati 1, 2, 3 e 4 potranno essere oggetto di revisione o aggiornamento, anche sulla base dei risultati della loro sperimentazione ed applicazione e con particolare riferimento agli interventi di riduzione del rischio sismico nei centri storici, con il concorso di tutte le componenti istituzionali e scientifiche interessate.(1) (2) (3) (4) (5)
3. E' fatto obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, ai sensi delle norme di cui ai suddetti allegati, sia degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali la cui funzionalita' durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalita' di protezione civile, sia degli edifici e delle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso. Le verifiche di cui al presente comma dovranno essere effettuate entro cinque anni dalla data della presente ordinanza e riguardare in via prioritaria edifici ed opere ubicate nelle zone sismiche 1 e 2, secondo quanto definito nell'allegato 1.
4. In relazione a quanto previsto al comma 3, entro sei mesi dalla data della presente ordinanza il Dipartimento della protezione civile e le regioni provvedono, rispettivamente per quanto di competenza statale e regionale, ad elaborare, sulla base delle risorse finanziarie disponibili, il programma temporale delle verifiche, ad individuare le tipologie degli edifici e delle opere che presentano le caratteristiche di cui al comma 3 ed a fornire ai soggetti competenti le necessarie indicazioni per le relative verifiche tecniche, che dovranno stabilire il livello di adeguatezza di ciascuno di essi rispetto a quanto previsto dalle norme.
5. Nel caso di opere progettate secondo le norme vigenti successivamente al 1984 e relative, rispettivamente, alla prima categoria per quelle situate in zona 1, alla seconda categoria per quelle in zona 2 ed alla terza categoria per quelle in zona 3, non e' prescritta l'esecuzione di una nuova verifica di adeguatezza alla norma.
6. La necessita' di adeguamento sismico degli edifici e delle opere di cui sopra sara' tenuta in considerazione dalle Amministrazioni pubbliche nella redazione dei piani triennali ed annuali di cui all'art. 14 della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni, nonche' ai fini della predisposizione del piano straordinario di messa in sicurezza antisismica di cui all'art. 80, comma 21, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

...............

(1) Comma modicato da errata-corrige pubblicata nella G.U. 9 luglio 2003, n. 157; successivamente annullata da comunicato pubblicato nella G.U. 12 luglio 2003, n. 160.
(2) Termine prolungato di 6 mesi ai sensi dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, 5 novembre 2004 n. 3379.
(3) Termine prolungato di tre mesi ai sensi dell' art.2 dell' ordinanza n.3431/2005
(4) Termine prolungato di due mesi ai sensi dell' art.6 dell'Ordinanza Presidente del Consiglio dei Ministri 1/8/2005 n. 3452.
(5) Termine prorogato fino al 23 ottobre 2005 ai sensi dell'art.1 dell'Ordinanza Presidente del Consiglio dei Ministri 13/10/2005 n. 3467.


Articolo 1

Approvazioni
Programmi di formazione

Torna all'Elenco Articoli Ordinanza Presidente del Consiglio dei Ministri 20/3/2003 n. 3274