Cila | Comunicazione di inizio lavori asseverata | Ediltecnico.it

Quantcast
Home Tag Cila

Cila

La CILA è disciplinata dall’art. 6 bis del Testo Unico Edilizia, norma introdotto dall’art. 3 del Decreto Legislativo n. 222/2016

CILA cos’è

È la comunicazione di inizio lavori asseverata. La caratteristica particolare della categoria di interventi soggetti ad essa è la natura residuale.

Leggi anche CILA, come funziona e come si presenta

La comunicazione è utilizzabile ogni volta che ci troviamo davanti ad un intervento che non può essere ricondotto alle ipotesi previste dall’art. 6 (attività edilizia libera), dall’articolo 10 (attività edilizia soggetta al rilascio preventivo del permesso di costruire) e dall’articolo 22 (attività edilizie sottoposte a segnalazione certificata di inizio attività – SCIA).

Cila Roma

Nel Comune di Roma (Municipio IX) per la CILA può presentare la richiesta il proprietario dell’immobile o chi ne abbia titolo. Si può fare la richiesta quando si vogliono eseguire le seguenti tipologie di lavori: gli interventi di manutenzione straordinaria (compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio) e le modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d’impresa (sempre che non riguardino le parti strutturali, ovvero le modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa).

La comunicazione di inizio lavori asseverata va presentata esclusivamente in modalità telematica attraverso la piattaforma SUET, attiva sul sito del Dipartimento P.A.U. Per gli altri Municipi di Roma, si può consultare il sito istituzionale del Comune di Roma.

Leggi anche Dove presentare la CILA a Milano

Costo CILA

La CILA a Roma costa 251,24 euro di diritti di segreteria. In caso di mancata comunicazione dell’inizio lavori (mancata trasmissione della relazione tecnica), viene previsto il pagamento di 251,24 euro di diritti di segreteria e una sanzione pecuniaria di 1.000,00 euro. Si prevede la riduzione della sanzione di due terzi (33,00 euro), solo nel caso in cui la comunicazione viene inviata spontaneamente, se pur in ritardo, e l’intervento è in corso di esecuzione.

CILA fine lavori

È auspicabile che, il richiedente dell’istanza, terminati i Lavori, comunichi all’Ufficio Tecnico la data di ultimazione degli stessi, allegando alla stessa un certificato di collaudo finale, sottoscritto dal Direttore dei Lavori, che attesti la conformità dell’opera al progetto presentato. È indispensabile, invece, presentare la ricevuta dell’avvenuta richiesta di variazione catastale o la dichiarazione che non sono intervenute modifiche di classamento.

Gli ultimi articoli