Home Bonus Edilizia Superbonus, come fare per i lavori iniziati prima di luglio?

Superbonus, come fare per i lavori iniziati prima di luglio?

Il contribuente che ha iniziato i lavori a monte del 1° luglio 2020 può scegliere a quale detrazione accedere? Ecco un utile esempio applicativo

375

Cosa succede ai contribuenti che avevano già iniziato interventi edilizi alla data del 1° luglio 2020? Possono rientrare nel Superbonus al 110%? Hanno possibilità di scegliere a quale agevolazione accedere?

Mentre i professionisti sono a «caccia» della migliore polizza per le asseverazioni, come stabilito dai recenti decreti attuativi Mise, pubblicati ora in GU, i contribuenti stanno cercando informazioni sempre più specifiche per ottenere le detrazioni previste dal DL rilancio. Tra le richieste più frequenti, la possibilità di accedere alle detrazioni per lavori iniziati prima dell’attuazione vera e propria dei decreti. Ecco un utile esempio.

>> Superbonus 110%, il sogno è realtà! Decreti attuativi in Gazzetta <<

Superbonus, come fare per i lavori iniziati prima di luglio?

Prendiamo un qualunque contribuente che ha iniziato un intervento di risparmio energetico o antisismico, pagando un primo SAL (stato di avanzamento lavori) lo scorso maggio. Supponiamo anche che questo intervento sia tra quelli trainanti di cui all’articolo 119 del Dl 34/2020 e che le spese sostenute da luglio a dicembre 2020 (data di fine lavori seguita dalle previste asseverazioni tecniche) superino decisamente gli importi massimi previsti dalla legge.

Leggi anche: Asseverazioni per il Superbonus: tutte le regole

Ipotizziamo che per il sismabonus sia stato pagato un acconto a maggio di 40 mila euro e il saldo a novembre sia pari a 100 mila euro. Ne consegue che il totale è ben superiore al massimale di 96mila euro.

Come accedere al Superbonus?

A questo punto il dubbio da risolvere è: l’accesso al Superbonus è ammesso solo per i 56 mila euro di differenza tra il tetto di 96 mila e quanto già speso al 1° luglio (che fruirebbe del vecchio bonus) o si può indicare una differente soluzione, consistente nell’agevolare al 110% tutti i 96 mila euro, lasciando indietro soltanto i primi 40 mila?

Come segnalato anche dal Sole 24 Ore, sembra corretta la seconda affermazione, anche se rimaniamo in attesa di un chiarimento da parte di Entrate.

> Leggi: Superbonus in 8 fasi operative. Guida dallo studio di fattibilità all’APE

Il precedente

Una cosa simile era già successa nel 2012, quando l’Agenzia rispose con la circolare 13/E/2013. Nello specifico, il 26 giugno di quell’anno, per effetto dell’articolo 11 del Dl 83/2012, per le spese di recupero edilizio di cui all’articolo 16-bis Tuir si passò dalla percentuale di detrazione del 36% a quella del 50 e da un limite di spesa di 48mila euro per unità immobiliare ad un importo raddoppiato. Da ciò lo stesso dubbio dell’attuale sul Superbonus.

All’epoca Entrate affermò che «in assenza di norme che dispongano diversamente, si ritiene che il contribuente abbia la facoltà di avvalersi delle detrazione del 50% con riguardo alle spese sostenute nel 2012 a decorrere dal 26 giugno e fino al 31 dicembre 2012, in luogo della detrazione di quelle sostenute fino al 25 giugno 2012».

Se ne deduce che se le spese ricadono sotto diversi livelli di detrazione, ed eccedono il limite massimo, è il contribuente a scegliere quella più conveniente, purché naturalmente rispetti i requisiti di entrambe.

Nell’esempio sopra riportato, l’asseveratore documenterà la congruità di spesa (prevista anche per il Superbonus sismico) per i 96 mila euro spesi dopo il 1° luglio.

INTONACO A RISPARMIO ENERGETICO
Lo si può usare per il Superbonus 110%
È davvero equivalente al cappotto termico? Altrettanto efficace?

Ecobonus, come funziona?

C’è qualche perplessità in questo caso. L’articolo 119 (al comma 3) richiede infatti il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio (o delle unità immobiliari indipendenti) da dimostrare mediante l’attestato di prestazione energetica (Ape) riferito a «prima e dopo l’intervento».

Nella circolare 24/E/2020 dello scorso 8 agosto non se ne parla, ma è ipotizzabile che il tecnico che ha seguito i lavori, e che quindi conosce bene gli immobili su cui ci sono stati gli interventi, sia in questo caso in grado di produrre a fine lavori anche l’Ape «pre-intervento». In caso contrario, il 110% per i lavori di risparmio energetico già iniziati al 1° luglio scorso non è realistico.

> Approfondisci: Superbonus 110%, quanto costa cedere il credito d’imposta?

Prontuario tecnico per l’Ecobonus 110%: guida passo passo per il professionista

Studio di fattibilità e progetto preliminare per gli interventi di risparmio energetico rientranti nel Superbonus 110%

Prontuario tecnico per l’ecobonus e il super ecobonus - eBook in pdf

Prontuario tecnico per l’ecobonus e il super ecobonus - eBook in pdf

Sergio Pesaresi, 2020, Maggioli Editore

Dopo il lockdown era necessario fare ripartire la filiera dell’edilizia, e il d.l. Rilancio (d.l. 19 maggio 2020, n. 34, convertito in legge 17 giugno 2020, n. 77) si propone di farlo lanciando una proposta coraggiosa e molto intrigante: un piano dal sapore keynesiano con il quale lo stato...



Cessione del credito

  • Quanto costa cedere
  • Cessione del credito o sconto in fattura
  • Le regole per la cessione de i crediti condominiali
  • La cessione per il condominio minimo e quando l’amministratore non c’è
  • La cessione del credito per gli incapienti
  • La Comunicazione per l’Agenzia delle Entrate
  • Le questioni ancora aperte
La cessione dei crediti

La cessione dei crediti

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Nell'ebook tutte le novità e le indicazioni per la compilazione del modello di comunicazione della cessione del credito. Superbonus 110%, Ecobonus, Sismabonus, Bonus facciate e Ristrutturazioni. Al via dal 15 ottobre la piattaforma per la cessione dei crediti per il Superbonus e tutti...



Foto: iStock/CasarsaGuru


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here