Detrazione 65% e 50% 2018: Ecobonus riqualificazione energetica

    122167

    Per l’Ecobonus, detrazione del 65% sugli interventi di efficienza energetica, la nuova Circolare delle Entrate (Circolare n. 7/E) effettua alcuni nuovi chiarimenti, soprattutto sul calcolo dell’ammontare di spesa massima agevolabile in caso di lavori in condominio e sulla possibilità di cessione del credito di detrazione. Leggi l’articolo sulle ultimissime novità.

    Ecobonus 2018: la nuova Guida Enea

    L’Enea ha pubblicato una serie di nuove Guide per chiarire i nuovi tetti massimi di detrazione e i requisiti che gli interventi detraibili con l’Ecobonus 2018 devono possedere. Una di queste guide riguarda la “riqualificazione energetica globale” cioè la riqualificazione energetica in generale.

    Scarica la nuova Guida Enea sull’Ecobonus in generale

    La categoria “interventi di riqualificazione energetica” comprende qualsiasi intervento o insieme di interventi che incide sulla prestazione energetica dell’edificio. Questi interventi hanno accesso a una detrazione del 65% delle spese totali, per un limite massimo ammissibile di 100.000 euro. Si può richiedere la detrazione solo per edifici “esistenti” e già dotati di impianto termico. L’intervento deve: 1) assicurare un indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale non superiore ai valori limite definiti all’allegato A del DM 11 marzo 2008; 2) rispettare le leggi e le normative nazionali e locali sulla sicurezza e l’efficienza energetica.

    Si possono agevolare le opere provvisionali e accessorie funzionali alla realizzazione degli interventi e le spese per le prestazioni professionali necessarie, redazione dell’APE compresa. Il cliente dovrà conservare la “Scheda descrittiva”, l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato con il rispetto dei requisiti tecnici e gli APE di ogni singola unità immobiliare.

    Ecobonus 2018, le altre Guide nuove dell’Enea

    Ecobonus 2018, le nuove guide dell’Enea per detrarre le spese per: la coibentazione, i serramenti, le schermature solari, le caldaie, le pompe di calore, sistemi ibridi pompa di calore / caldaia a condensazione, building automation, collettori solari.

    Ecobonus 2018: nuovo sito per trasmissione dati

    È attivo dal 30 marzo 2018 il sito ENEA per la trasmissione della “Scheda descrittiva” con i dati relativi agli interventi di riqualificazione energetica ammesso all’ecobonus conclusi dopo il 31 dicembre 2017, cioè nel 2018: finanziaria2018.enea.it

    Ecobonus e Legge di Bilancio 2018

    La Manovra finanziaria 2018 ha prorogato l’Ecobonus a tutto il 2018, con alcune novità. Per acquisto e installazione di finestre, infissi e schermature solari, la detrazione non è più al 65% ma scende al 50%. Invariato a 65% il bonus per pannelli solari per l’acqua calda, pompe di calore, cappotti termici e altri interventi sull’involucro edilizio. Confermati gli sconti del 70 e del 75% per i condomini fino a tutto il 2021.

    In condominio: l’ Ecobonus 2018 prevede una detrazione del 65% che può arrivare al 70% se riguarda l’involucro (il cappotto) dell’edificio e al 75% se la certificazione prova il miglioramento della prestazione energetica invernale e estiva. Il Bonus è stabilizzato fino al 2021 e rimane detraibile in 10 anni. L’Ecobonus vale anche per gli alberghi.

    Ecobonus al 65% o più

    Come conferma il sito dell’Enea, le agevolazioni confermate sono:

    a) al 65% l’aliquota per interventi di
    – coibentazione dell’involucro opaco,
    – pompe di calore,
    – sistemi di building automation,
    – collettori solari per produzione di acqua calda,
    – scaldacqua a pompa di calore,
    – generatori ibridi (pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro).

    b) al 70% e al 75% le aliquote di detrazione valgono per gli interventi in condominio per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 con il limite di spesa di 40.000 euro per ogni unità immobiliare.

    Se gli interventi sono in zona sismica 1, 2 o 3 e finalizzati alla riduzione del rischio sismico determinando il passaggio a una classe di rischio inferiore, la detrazione è dell’80%. Riducendo di 2 o più classi di rischio sismico la detrazione prevista passa all’85%. Il limite massimo di spesa consentito passa a 136.000 euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

    Ecobonus 65% per building automation

    In caso di installazione di sistemi di building automation (tutti i sistemi di automazione delle funzioni di un edificio, per i quali è possibile detrarre il 65% delle spese totali sostenute) l’intervento deve essere configurato come fornitura e messa in opera, nelle unità abitative, di dispositivi che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria o climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali. I dispositivi devono consentire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto. Devono inoltre mostrare i consumi energetici, fornitura periodica dei dati, condizioni di funzionamento correnti e temperatura di regolazione degli impianti. Per questo tipo intervento.

    Riduzione Ecobonus dal 65% al 50%

    La riduzione dell’aliquota di detrazione dal 65% al 50% si ha per:
    – interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi,
    – schermature solari,
    – caldaie a biomassa,
    – caldaie a condensazione (purché abbiano un’fficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.18/2013).

    Le caldaie a condensazione possono accedere alle detrazioni del 65% solo se oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti di classe V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.

    Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

    Legge di Bilancio 2018: tutte le novità per i professionisti

    2017, Maggioli Editore

    Guida pratica in forma ebook che illustra tutte le novità contenute nel testo definitivo della Legge di Bilancio 2018 presentato in Parlamento lo scorso 31 ottobre.La Manovra vale complessivamente 20,4 miliardi di euro e punta alla crescita con il sostegno agli investimenti e...



    Clicca qui per tutte le info sul sito dell’Enea. Clicca qui invece per le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico a cura dell’Agenzia delle Entrate (aggiornamento marzo 2016). Presto saranno pubblicati dall’Enea il Vademecum e le informazioni per l’invio dei dati.

    Ecobonus: tutti i dettagli

    ECOBONUS 2018

    ECOBONUS 2018

    Lisa De Simone, 2018, Maggioli Editore

    Il 2018 segna uno spartiacque rispetto al passato e rinnova profondamente la disciplina delle agevolazioni fiscali sulla casa. In particolare, la Legge Finanziaria 2018 interviene in maniera profonda sul c.d. Ecobonus per interventi di risparmio energetico. Diversi e importanti i cambiamenti:...



    Schede di lavoro dell’ENEA

    Il Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica dell’ENEA ha realizzato delle pratiche schede lavoro per tutte le tipologie di interventi che possono sfruttare la Detrazione 65%. Ogni scheda contiene i requisiti formali e tecnici da rispettare, l’elenco dettagliato delle opere agevolabili per ognuna delle macro categorie, la documentazione da conservare a cura del contribuente e la documentazione da inviare all’ENEA entro 90 giorni dal termine dei lavori.

    Caldaie a condensazione

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 30.000 euro, che equivale a una spesa massima di 46.153,85 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Caldaie a condensazione (a cura dell’ENEA)

    Caldaie a biomassa

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 30.000 euro, che equivale a una spesa massima di 46.153,85 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Caldaie a biomassa (a cura dell’ENEA)

    Pannelli solari

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 60.000 euro, che equivale a una spesa massima di 92.307,69 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Pannelli solari (a cura dell’ENEA)

    Pompe di calore

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 30.000 euro, che equivale a una spesa massima di 46.153,85 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Pompe di calore (a cura dell’ENEA)

    Coibentazione di pareti e coperture

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 60.000 euro, che equivale a una spesa massima di 92.307,69 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Coibentazione di pareti e coperture (a cura dell’ENEA)

    Riqualificazione energetica globale

    Il tetto massimo di detrazione prevista è di 100.000 euro, che equivale a una spesa massima di 153.846,20 euro.

    Scarica la Scheda Lavoro Detrazione 65% per Riqualificazione energetica globale (a cura dell’ENEA)

    Tabella di confronto tra Detrazione 65%, 50% e Conto Termico

    A cura dell’ing. Massimo Scuderi, qui di seguito vi è la tabella di raffronto tra le nuove agevolazioni del 65% per l’efficienza energetica, la detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie, i titoli di efficienza energetica e il conto termico (scarica la Tabella di confronto in formato PDF).

    Tabella confronto tra conto termico e detrazione 65%

     

    L’Ecobonus si pone cinque obiettivi, così sintetizzabili:

    1. la promozione del miglioramento della prestazione energetica degli edifici;

    2. lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici;

    3. il sostegno alla diversificazione energetica;

    4. la promozione della competitività dell’industria nazionale attraverso lo sviluppo tecnologico;

    5. il conseguimento degli obiettivi nazionali in materia energetica e ambientale.