Home Progettazione Appalti Lavori ferroviari: RFI rettifica bando lavori per la soppressione dei passaggi a...

Lavori ferroviari: RFI rettifica bando lavori per la soppressione dei passaggi a livello

Dopo la dura contestazione di A.I.FERR. Rete Ferrovie Italiane corregge il tiro

119
bando lavori soppressione passaggi a livello

Invariabilità dei prezzi e mancanza della documentazione di progetto.

Sono queste le “pietre dello scandalo” che hanno spinto A.I.FERR., l’associazione delle imprese ferroviarie, a contestare il recente bando di gara predisposto da RFI avente come oggetto l’esecuzione di lavori funzionali alla soppressione dei passaggi a livello.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Una gara importante, del valore di diverse centinaia di milioni di euro (850, per la precisione), che Rete Ferroviaria Italiana, in qualità di stazione appaltante, ha di recente esperito, trovando la contrarietà delle imprese private e degli operatori del settore che fanno capo all’associazione con sede a Genova.

Leggi anche: Sicurezza sul lavoro nei cantieri ferroviari: le imprese A.I.FERR. sono virtuose, lo certifica RFI

Annullata la clausola di invariabilità dei prezzi

La protesta dell’associazione è stata prontamente recepita dalla direzione di RFI, spingendola alla rettifica l’Accordo Quadro, annullando la clausola di invariabilità dei prezzi, rivedendo le tariffe applicabili a base d’asta e prorogando il termine di presentazione delle offerte di oltre un mese.

In buona sostanza, A.I.FERR. aveva contestato alla stazione appaltante una clausola che prevedeva l’invariabilità dei prezzi proposti. “Si tratta di una condizione irricevibile”, aveva protestato il presidente delle imprese, Marco Nani.

La decisione da parte di RFI di escludere la possibilità della revisione dei prezzi, infatti, andava in contrasto con lo spirito del c.d. decreto Sostegni bis (decreto legge 73/2021) emanato per contrastare gli effetti negativi della crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19 ed alla conseguente volatilità del mercato.

Con i prezzi delle materie prime sulle montagne russe, imporre il congelamento dei prezzi avrebbe rischiato di diventare una tagliola potenzialmente mortale per qualsiasi impresa.

Leggi anche: Sicurpass. Parte la patente a punti per la sicurezza nel settore ferroviario

Le modifiche apportate

In sintesi, RFI ha rimodulato il tutto, apportando diverse modifiche qui riassunte:

  • annullamento della “vituperata” clausola di invariabilità dei prezzi;
  • aggiornamento delle tariffe poste alla base delle varie tabelle richiamate nello schema di Accordo Quadro;
  • incremento del valore stimato complessivo dell’appalto, portandolo da circa 757 ad oltre 850 milioni di euro;
  • mettendo a disposizione degli operatori economici interessati il manuale di progettazione relativo alle lavorazioni richieste;
  • prorogando, in conseguenza delle rettifiche sopra elencate, il termine di presentazione delle offerte di oltre un mese (vale a dire, alla data del 14 marzo p.v.);
  • differendo conseguentemente il termine temporale entro cui chiedere chiarimenti in ordine alla procedura di gara.

Consigliamo

Le concessioni di infrastrutture nel settore dei trasporti

Le concessioni di infrastrutture nel settore dei trasporti

Il Rapporto 2019 si incentra sulle analisi della vasta problematica delle concessioni infrastrutturali nei trasporti – aeroportuali, autostradali, ferroviarie e portuali – e delle relative subconcessioni.

È una materia di grande complessità e delicatezza che investe diversi profili e che pertanto va affrontata con rigore e ponderazione, guardandola alla luce della storia e delle esperienze internazionali.

É anche crocevia di tutti i deficit che da sempre affliggono le politiche pubbliche del nostro Paese – industriali, regolatorie e di finanza pubblica – che tanto più stanno venendo al pettine nel settore dei trasporti e che richiedono interventi tempestivi.

Con questo volume Sipotra si propone di offrire alla discussione un contributo costruttivo, nella laicità e nella pacatezza che, nelle analisi e nelle proposte, ne caratterizzano lo stile, cercando di combinare rigore e pragmatismo. 

La novità di questo volume è affrontare congiuntamente le concessioni infrastrutturali di trasporto allo scopo di porne in evidenza gli aspetti comuni e quelli che li differenziano, di distinguere con l’analisi per comparazione ciò che in positivo vi è di mutuabile da ciò che in negativo le accomuna.

Sebbene infatti i comparti qui affrontati siano destinati a soddisfare domande di mobilità parzialmente diverse e vi sia scarsa concorrenza fra di loro, tutti concorrono al benessere della collettività, a causa del loro impatto sui mercati dei servizi di cui costituiscono input essenziale e tutti competono almeno sul mercato dei capitali.

Motivo di più per essere oggetto di politiche pubbliche che guardino al quadro nel suo insieme.

Il volume si articola in cinque capitoli, nel primo dei quali sono discussi aspetti trasversali che accomunano i diversi comparti, con il duplice scopo di individuare un primo levelled playing field e di evitare ripetizioni o sovrapposizioni fra le parti successive.

Ciascuno dei capitoli che seguono è dedicato a un singolo settore – nell’ordine, le concessioni autostradali, aeroportuali, ferroviarie e portuali – e ciascuno segue una comune impostazione tesa a evidenziare gli aspetti di maggiore interesse e problematicità. 

Infine, le conclusioni tentano di tirare le fila del lavoro nel suo insieme, evidenziando criticità e proposte.

Hanno contribuito al volume: Agostino Cappelli, Claudio Cataldi, Paolo Celentani, Pierluigi Coppola, Sergio De Lazzari, Pierluigi Di Palma, Fabrizio Doddi, Luca Golisano, Paolo Guglielminetti, Vittorio Mazza, Giuseppe Mele, Francesco Munari, Sabrina Paris, Piero Rubino, Lorenzo Saltari, Mario Sebastiani, Valentina Silvestri, Dario Tedesco

Leggi descrizione
AA.VV., 2020, Maggioli Editore
34.00 € 32.30 €
INFRASTRUTTURE FERROVIARIE, METROPOLITANE, TRANVIARIE E PER FERROVIE SPECIALI

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE, METROPOLITANE, TRANVIARIE E PER FERROVIE SPECIALI

Il volume presenta i criteri fondamentali di progettazione geometrico-funzionale delle infrastrutture per i sistemi di trasporto a guida vincolata tra i quali si annoverano sia quelli extraurbani, come le ferrovie convenzionali e ad alta velocità, sia quelli urbani come le metropolitane (“pesanti”, “leggere” ed “automatiche”), le tranvie ed i people movers. Per ogni sistema di trasporto sono descritti gli orientamenti tecnici - progettuali e costruttivi - ritenuti più rilevanti, le peculiarità trasportistiche (ad esempio i valori di capacità massima) ed i principali riferimenti normativi adottati per la definizione dei singoli elementi compositivi del tracciato delle linee, delle stazioni e delle fermate. I contenuti del testo possono essere di utilità pratica nell’ambito delle attività di pianificazione e di progettazione dei suddetti sistemi di trasporto.

Marco Guerrieri (Palermo, 24 dicembre 1976) è laureato con lode in Ingegneria Civile Trasporti. Nell’anno 2006 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Ingegneria delle Infrastrutture Viarie (Università degli Studi di Palermo). Svolge attività di ricerca nel settore scientifico disciplinare ICAR/04 (strade, ferrovie ed aeroporti). È Professore a contratto di “Infrastrutture per la mobilità ed i trasporti” presso la Scuola Politecnica dell’Università degli Studi di Palermo. Abilitato a Professore di I fascia per il SSD ICAR/04 “Strade, ferrovie ed aeroporti” (ASN 2016) ed in precedenza a Professore di II fascia nel medesimo settore scientifico (ASN 2013). È autore di oltre 80 pubblicazioni scientifiche e di alcuni brevetti tecnici. Componente dell’Editorial Board e reviewer di diverse riviste scientifiche. Progettista di numerose infrastrutture di trasporto ed estensore di studi di traffico e piani urbani del traffico. È stato consulente di Enti pubblici e privati.

Leggi descrizione
Marco Guerrieri, 2017, Maggioli Editore
24.00 € 22.80 €

Foto:iStock.com/Art Wager


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here