Home Bonus Edilizia Superbonus unifamiliari: cosa si intende per il 30% dei lavori?

Superbonus unifamiliari: cosa si intende per il 30% dei lavori?

Entrate spiega che il 30% si riferisce all’intervento complessivo che comprende non solo lavori ammessi al Superbonus ma anche lavori agevolati con altre detrazioni

9036
Superbonus unifamiliari 30% lavori

Le Entrate chiariscono come qualificare e quantificare la percentuale del 30% dei lavori realizzati sulle unità unifamiliari, una condizione necessaria da soddisfare entro il 30 giugno 2022, affinché si possa beneficiare del Superbonus fino al 31 dicembre 2022.

Con la Legge di Bilancio 2022 è stata prevista una proroga Superbonus per gli interventi effettuati dai condomini e mini condomini in mono proprietà (fino a 4 unità immobiliari), compresi quelli effettuati su edifici oggetto di demolizione e ricostruzione di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d), del DPR 380/2001, al:

Come abbiamo ricordato ad inizio articolo, la proroga 110% è invece prevista fino al 31 dicembre 2022 per gli interventi effettuati dalle persone fisiche su edifici unifamiliari a condizione che:

  • alla data del 30 giugno 2022 sia stato realizzato il 30% dei lavori.

Scopri tutte le scadenze Superbonus aggiornate

Quali lavori considerare?

Entrate fa luce su quali sono i lavori da considerare. Tra le FAQ datate 28 gennaio 2022, si legge il chiarimento alla domanda:

Si chiede conferma che per il calcolo del 30% dei lavori complessivi, soglia che permette alla persona fisica di sostenere spese detraibili al 110% nelle unità unifamiliari ai sensi dell’articolo 119 D.L. n. 34/2020, tale percentuale vada “commisurata all’intervento complessivamente considerato” (risposta ad interpello n. 791/2021) comprendendo, quindi, non solo tutti gli interventi programmati al 110%, ma anche quelli a diverse percentuali di detrazione (es. spese di ristrutturazione detraibili al 50%). Vanno comprese anche le spese per interventi non agevolati?

In risposta, Entrate spiega che il 30% si riferisce all’intervento complessivo e non solo ai lavori ammessi al Superbonus, pertanto vanno considerati anche i lavori agevolati con altre detrazioni.

L’Agenzia per chiarire la questione, fa inoltre riferimento all’interpello n. 791/2021 – Superbonus – criteri per il raggiungimento della percentuale del 60% dei lavori di cui al comma 8-bis dell’articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34.

Potrebbe interessarti: Edilizia libera e lavori sotto i 10 mila 2021: no asseverazione e visto se cessione trasmessa nel 2022

Entrate aveva già espresso un parere sul tema

Un parere delle Entrate sul tema era già stato fornito attraverso la risposta all’interpello n.791/2021, dove vengono indicati i criteri per definire la percentuale dell’intervento da completare per ottenere il Superbonus che va commisurata all’intervento complessivamente considerato e non solo ai lavori agevolabili con la detrazione Superbonus.

Nella risposta si legge che non basta considerare l’avanzamento del singolo intervento agevolabile per estendere i tempi del Superbonus, ma è necessario considerare l’intervento complessivo.

La risposta all’interpello n.791/2021 è stata rilasciata dalle Entrate nel novembre 2021, pertanto va tenuto conto che la normativa a cui si fa riferimento è quella vigente allora > ne abbiamo parlato meglio in questo articolo <

Da non perdere

In Le nuove regole della cessione del credito per i bonus edilizi – Pacchetto operativo scaricabile di Lisa De Simone, il professionista troverà:

  • una maxi circolare operativa, realizzata dall’Autrice, con la spiegazione chiara e dettagliata di tutte le novità intervenute dopo l’entrata in vigore del decreto Sostegni ter, relativamente all’applicazione dei bonus edilizi;
  • il modulo per la cessione del credito in vigore a partire dal 4 febbraio 2022;
  • le istruzioni per la compilazione del modulo per la cessione del credito;
  • il glossario generale che riporta la classificazione di legge dell’edilizia libera;
  • una tabella (all’interno della circolare operativa) con i riferimenti delle risoluzioni e degli interpelli dell’Agenzia delle Entrate collegate agli interventi di edilizia libera.

Gli acquirenti del pacchetto operativo riceveranno gratuitamente la versione aggiornata alla legge di conversione del decreto Sostegni Ter, non appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Consigliamo anche

Foto:iStock.com/Devenorr


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here