Home Patologie edilizie Impermeabilizzazioni, un confronto tra normativa italiana e inglese

Impermeabilizzazioni, un confronto tra normativa italiana e inglese

Formazione flash sulla normativa relativa alle impermeabilizzazioni e sulla differenza tra l'approccio italiano e quello inglese, con due professionisti del settore

76
video impermeabilizzazioni norme tecniche

Formazione flash sulle norme tecniche relative alle impermeabilizzazioni e sulla differenza tra l’approccio italiano e quello inglese, con due professionisti del settore: Marco Argiolas, esperto in patologie edilizie e autore di numerose pubblicazioni in materia, e Veronica Fiore, building control surveyor che opera a Londra.

Si stima infatti che circa l’80% dei problemi degli edifici sia legato direttamente o indirettamente all’acqua, e quindi all’impermeabilizzazione. Eppure in Italia si assiste ancora a una carenza di tecnici specializzati e a un’assenza di protocolli e di linee guida, situazione che porta in sostanza ogni tecnico a fare di testa propria.

In questo video (della durata di circa 38 minuti), grazie all’esperienza di Veronica Fiore, vediamo invece come funziona in Regno Unito. Marco Argiolas inoltre darà un aggiornamento importante sullo sviluppo della figura professionale del Patologo Edile (>> di cui ci ha parlato in questo video).

>> Vorresti rimanere aggiornato su questo tema? Ricevi direttamente le notizie

Consigliamo

Questo volume della collana I Quaderni di Patologia Edilizia incentrato sulle impermeabilizzazioni in edilizia e scritto da Marco Argiolas. Il manuale esamina materiali, condizioni di utilizzo, difetti e correttivi e presenta schede online illustrate e commentate:

Impermeabilizzazioni in edilizia

Impermeabilizzazioni in edilizia

Marco Argiolas, 2017, Maggioli Editore

Le impermeabilizzazioni sono sempre state un elemento di particolare criticità delle costruzioni, dove i rischi sono rilevanti, gli errori molto frequenti, e i danni talvolta importanti. Spesso la correzione dei difetti diventa molto onerosa, anche perché non si limita alla pura e semplice...




Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here