Home Bonus Edilizia Sostegni Ter. Dal 17 febbraio per Bonus Edilizi cessione del credito consentita...

Sostegni Ter. Dal 17 febbraio per Bonus Edilizi cessione del credito consentita una sola volta

Con la legge di conversione del Sostegni Ter in Gazzetta Ufficiale, la stretta viene allentata e le cessioni consentite passano da una a tre

5313
iStock.com/Pitiphat Kanjanamukda

**Aggiornamento del 29 marzo 2022: La conversione in legge del Sostegni Ter (Legge 28 marzo 2022, n.25) è in Gazzetta Ufficiale n. 73 del 28 marzo 2022. Si tratta della conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 27 gennaio 2022, n. 4, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico.

**Aggiornamento del 17 marzo 2022: Con il DDL del decreto Sostegni Ter, sul quale il governo ha preannunciato la fiducia, sono state confermate tutte le norme del decreto 13 del 26 febbraio 2022 (correttivo al Sostegni Ter) che consente due ulteriori cessioni del credito oltre alla prima, quindi non più limitata la sola e unica cessione come inizialmente annunciato.

**Aggiornamento del 21 febbraio 2022: Il Decreto Legge del 27 gennaio 2022, n. 4 (detto Sostegni Ter) è stato pubblicato in Gazzetta.

Si potrebbe parlare di un Antifrode Bis vista la nuova stretta per Superbonus e Bonus Edilizi introdotta dal Decreto ‘Sostegni Ter’ sulla cessione del credito che verrà limitata ad una sola volta.

La data di entrata in vigore delle regole Sostegni-Ter, inizialmente prevista per il 7 febbraio, è stata poi posticipata al 17 febbraio 2022 (ossia entro il 16 febbraio 2022) per via della necessità di aggiornamento del software per la trasmissione telematica della comunicazione delle opzioni.

Le nuove disposizioni sono contenute nel DL recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico” che prevede una modifica dell’art. 121 del Decreto Legge n. 34/2020.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Le regole iniziali (poi corrette) prevedono che il credito di imposta per Superbonus, Ecobonus, Bonus Ristrutturazioni, Sismabonus e Bonus Facciate venga ceduto una sola volta.

Come fare nel il periodo di transizione? Per i crediti già oggetto di cessione, al 16 febbraio si potrà procedere con una sola ulteriore cessione. I contratti che violeranno le nuove norme sulle cessioni del credito saranno considerati nulli.

L’Agenzia delle entrate ha modificato nuovamente il modello da utilizzare per comunicare le opzioni di cessione o sconto in fattura relative ai bonus edilizi, alla luce delle modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2022 (legge n. 234/2021) e dal decreto Sostegni Ter (Dl n. 4/2022) > ne abbiamo parlato meglio qui <

La nuova stretta non è stata ben vista dalle associazioni RTP, ANCE e FederlegnoArredo che attraverso comunicati esprimono le proprie posizioni.

Vediamo quali sono le modifiche previste per l’art. 121 e 122 del Decreto Rilancio e introdotte dall’articolo 28 del DL n.4 del 27 gennaio 2022.

Potrebbe interessarti: Edilizia libera: niente autorizzazione ma detrazione garantita

Come cambia il decreto Rilancio

La stretta iniziale introdotta dal Sostegni-Ter, prevede per i beneficiari della detrazione la cessione del credito ad altri soggetti, come le banche, che a loro volta non potranno cederlo. I fornitori che decidono di praticare lo sconto in fattura potranno cederlo ad altri soggetti ma a questi ultimi sarà impedito di cederlo ulteriormente.

Ecco le modifiche che interessano l’art. 121, comma 1 e l’art.122, comma 1 del DL 34/2020:

1. I soggetti che sostengono, negli anni 2020, 2021, 2022, 2023 e 2024, spese per gli interventi elencati al comma 2 possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione spettante, alternativamente:

a) per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi e da questi ultimi recuperato sotto forma di credito d’imposta, di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successiva cessione del credito cedibile dai medesimi ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari senza facoltà di successiva cessione;

b) per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari senza facoltà di successiva cessione.

All’articolo 122, comma 1, dopo le parole «altri intermediari finanziari» sono inserite le seguenti: «, senza facoltà di successiva cessione».

Non perderti: Sismabonus, Bonus Casa 50% e condomini: moltiplicazione di massimali?

RTP: i professionisti tecnici preoccupati dalla stretta sulla cessione del credito

La Rete Professioni Tecniche esprime forte preoccupazione sulle misure contenute nel testo.

A detta della RTP, queste modifiche continue generano incertezza e confusione tra gli operatori del settore e tra i cittadini beneficiari che rischiano di ridurre fortemente l’efficacia dei provvedimenti.

Quelle relative alla limitazione della cessione del credito rappresentano un ulteriore ostacolo che toglie forza agli incentivi. RTP pur comprendendo perfettamente l’esigenza del Governo di evitare frodi e speculazioni, ritiene che gli strumenti informatici e l’utilizzo delle banche dati e delle informazioni a disposizione, in tempo reale, dell’Agenzia delle Entrate siano perfettamente in grado di poter verificare tempestivamente tutti i possibili passaggi successivi delle cessioni, anche tra società controllate, evitando così che si commettano abusi, costituendo anche un forte deterrente.

Per questo motivo, viene richiesto di fare un passo indietro, lasciando le possibilità attuali di cessione del credito e di potenziare i controlli utilizzando tutte le possibilità oggi consentite.

Leggi anche: Disposizioni antifrode alleggerite per i Bonus Casa: nuove regole dal 1° gennaio 2022

ANCE: ogni mese una nuova norma che genera confusione e rischia di fermare i cantieri

“L’ennesima modifica alle misure in corso, con il limite alla cessione dei crediti, rischia di bloccare le imprese e penalizzare le famiglie più bisognose. Non è così che si fermano le frodi…Basta con i continui cambiamenti. L’incertezza delle regole, anche con provvedimenti retroattivi, scoraggia il mercato e le imprese più serie”. Queste le parole del Presidente ANCE, Gabriele Buia, che ha poi aggiunto: “giusto l’obiettivo di contrastare le frodi ma non si possono colpire continuamente migliaia di cittadini e di imprese corrette impegnate in interventi di riqualificazione energetica e sismica, che ora dovranno necessariamente rivedere le condizioni contrattuali con i proprietari, generando migliaia di contenziosi e un blocco del mercato”.

Il Presidente ANCE ha poi ricordato: Non è la prima modifica in corso al funzionamento dei bonus edilizi, Ogni mese ci troviamo di fronte a qualche nuova norma che genera confusione e rischia di fermare i cantieri”

Potrebbe interessarti: Sismabonus. Differenza tra opere collegate e correlate all’intervento di riduzione rischio sismico

FederlegnoArredo: servono immediati chiarimenti

FederlegnoArredo si augura che le notizie di stampa che stanno circolando in queste ore sull’ipotesi di una stretta sulla cessione del credito per i bonus edilizi prevista dal DL Sostegni Ter siano destituite di fondamento.

In caso contrario, Claudio Feltrin, presidente di FederlegnoArredo ha dichiarato: “ci troveremmo costretti a prendere atto che il Governo ha deciso di rinnegare sé stesso, gettando imprenditori e famiglie nel caos più completo e bloccando un settore trainante come lo è l’edilizia per l’intero Paese”.

“Una decisione davvero incomprensibile, oltre che ingiustificata, che renderebbe, di fatto, l’opzione dello sconto in fattura inapplicabile da parte di tutti gli imprenditori, grandi e piccoli, che proprio sulla base di quanto deciso con la legge di Bilancio di fine anno, hanno pianificato investimenti e piano di lavoro. Chiediamo al Governo un immediato chiarimento affinché non venga prevista nessuna modifica all’attuale meccanismo di cessione del credito dal Governo stesso recentemente deliberato”.

> Scarica il testo del Sostegni Ter <

Da non perdere

In Le nuove regole della cessione del credito per i bonus edilizi – Pacchetto operativo scaricabile di Lisa De Simone, il professionista troverà:

  • una maxi circolare operativa, realizzata dall’Autrice, con la spiegazione chiara e dettagliata di tutte le novità intervenute dopo l’entrata in vigore del decreto Sostegni ter, relativamente all’applicazione dei bonus edilizi;
  • il modulo per la cessione del credito in vigore a partire dal 4 febbraio 2022;
  • le istruzioni per la compilazione del modulo per la cessione del credito;
  • il glossario generale che riporta la classificazione di legge dell’edilizia libera;
  • una tabella (all’interno della circolare operativa) con i riferimenti delle risoluzioni e degli interpelli dell’Agenzia delle Entrate collegate agli interventi di edilizia libera.

Gli acquirenti del pacchetto operativo riceveranno gratuitamente la versione aggiornata alla legge di conversione del decreto Sostegni Ter, non appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

Consigliamo anche

Foto:iStock.com/Pitiphat Kanjanamukda


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here