Home Focus Recupero dell’esistente: ex chiese e caserme convertite in nuovi spazi

Recupero dell’esistente: ex chiese e caserme convertite in nuovi spazi

L'architettura del riuso permette di dare nuova vita al patrimonio edilizio italiano per realizzare residenze, servizi, parcheggi e mercati, evitando il consumo di suolo. 3 esempi di rigenerazione urbana ed edilizia

216

La legge di conversione n. 233 del 29 dicembre 2021, con modificazioni, del decreto legge 6 novembre 2021, n. 152, recante “disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 310 del 31 dicembre 2021. > Leggi tutto l’articolo qui <

Le risorse del Piano consentono di rigenerare, attraverso progetti di qualità, il tessuto urbano in un’ottica di sostenibilità non solo economica e sociale, ma anche ambientale, evitando ulteriore consumo di suolo.

Esistono tanti esempi di questi progetti, oggi ne vediamo tre nell’ambito del Programma PinQua, che hanno interessato la riqualificazione di ex conventi e caserme per creare nuovi luoghi e servizi moderni.

>> Leggi anche il nostro focus su PNRR e Next Generation EU <<

PinQua, programmi di rigenerazione urbana e edilizia

Con il decreto firmato a ottobre 2021 dal Ministro delle Infrastrutture e la Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, vengono assegnati 2,8 miliardi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e circa 20 milioni derivanti da residui 2019 e 2020 per attuare il Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare (PinQua).

Il 40% dei fondi é destinato a progetti da realizzare nelle regioni del Mezzogiorno. Gli interventi previsti sono finalizzati a:

  • ridurre il disagio abitativo aumentando il patrimonio di edilizia residenziale pubblica;
  • rigenerare il tessuto socioeconomico dei centri urbani;
  • migliorare l’accessibilità, la funzionalità e la sicurezza di spazi e luoghi degradati, spesso localizzati nelle periferie.

Approvate 159 proposte di progetti di rigenerazione urbana e di edilizia residenziale pubblica presentate da Regioni, Comuni e Città Metropolitane per un valore complessivo di 2,82 miliardi di euro. Tra cui: 8 sono classificati ‘progetti pilota’ ad alto rendimento.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

La dead line per l’ultimazione dei lavori e la fruibilità delle opere è fissata, coerentemente con i tempi di realizzazione delle opere del PNRR, al 31 marzo 2026.

L’inserimento del PINQuA nel PNRR ha determinato un accorciamento dei tempi di realizzazione degli interventi rispetto alla scadenza originaria, prevista per il 2033 (ricordiamo che il PINQuA parte con 800 milioni di fondo nel settembre 2020). Per questo gli enti beneficiari hanno dovuto trasmettere al Ministero, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto, il cronoprogramma dei singoli progetti rimodulato sulla nuova scadenza per confermare la volontà di aderire al programma.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

3 esempi di recupero dell’esistente

Ad oggi il mercato immobiliare e i cantieri investono e puntano sempre di più verso il recupero dell’esistente. Diversi sono i progetti di riqualificazione del patrimonio storico e architettonico italiano. Qui tre esempi progettuali:

  1. La chiesa dei Gesuiti di Belluno del 1700, vicino al centro storico, ex convento, poi diventata Istituto Militare di Educazione Inferiore asburgico. Grazie al bando periferie del 2016, l’edificio è stato inserito nel piano di rigenerazione urbana “Progetto Belluno, da periferia del Veneto a capitale delle Dolomiti“, finanziato con 18 milioni di euro. L’ex chiesa è diventata la sede al piano terra di un mercato coperto con affaccio sul nuovo percorso pedonale, mentre il primo piano è stato trasformato in una sala polifunzionale di 500mq da usare per convegni, feste, eventi e concerti. Questo intervento ha spinto il Demanio regionale a interessarsi anche della parte del complesso non ancora utilizzata, con l’intento di recuperarlo e destinarlo a sede di uffici pubblici.
  2. Il complesso dell’ex convento della Roverella (candidato al PinQua) si estende su 10mila mq all’interno del centro storico di Cesena, con cortili inusati. Il progetto di riqualificazione vuole sfruttare questi ampi spazi per realizzare un nuovo modello abitativo (simile al cohousing) di accoglienza per fasce di popolazione fragili (rifugiati, richiedenti asilo e studenti). Al piano terra l’idea progettuale è quella di creare spazi commerciali per aiutare le micro economie.
  3. La “Via dei conventi” di Chieti è un progetto finanziato dal ministero delle Infrastrutture che punta a recuperare quattro conventi e una caserma per ripopolare il centro storico. Nuovi edifici abitativi per ospitare temporaneamente ricercatori e docenti, come anche famiglie fragili da inserire in due conventi (ex Conservatorio delle Clarisse e del Conservatorio San Raffaele Arcangelo). Inoltre, il progetto consiste anche nella realizzazione di nuove infrastrutture, un parcheggio multipiano nel piano sotterraneo e un parco pubblico nella parte superiore, oltre all’apertura degli antichi orti murati dei conventi vicini.

>> Potrebbe interessarti anche: Riuso immobili pubblici, i nuovi bandi di concessione del Demanio <<

Consigliamo

Il progetto di rigenerazione urbana

Il progetto di rigenerazione urbana

Il tema del recupero e della rigenerazione dei brownfield, ambiti rilevanti che derivano dalle dinamiche di crescita della città post-industriale, rappresenta un argomento di grande attualità, che offre delle occasioni uniche per il ripensamento strategico dello sviluppo urbano. Su questi contesti si riversano aspettative divergenti, che includono la domanda delle comunità locali, le attese economiche degli stakeholder e dei developer e gli interessi delle pubbliche amministrazioni. Coniugare in un’unica visione progettuale la molteplicità di questi approcci rappresenta una sfida decisiva per la riflessione architettonica contemporanea, per favorire ambienti urbani in sintonia con le attese pubbliche. Il testo si concentra sull’area dello scalo di Porta Romana a Milano. La rilevanza della localizzazione, gli interessi di operatori internazionali che confluiscono nella zona, lo sviluppo di nuovi insediamenti terziari e residenziali limitrofi, caratterizzano l’area come una delle più interessanti del tessuto cittadino, dove si giocherà una partita fondamentale per l’intero sud-est di Milano. 
L’analisi punta a evidenziare il nesso imprescindibile, e non sempre riscontrabile nei progetti in corso, tra i processi di trasformazione, le nuove ipotesi insediative e le condizioni di contesto. Nell’ottica di sottolineare un possibile approccio metodologico da perseguire, che sappia mettere in luce peculiarità e potenzialità del comparto. Il testo si pone come l’esito di una ricerca avviata da anni in varie sedi: dall’insegnamento universitario, alla formulazione di ipotesi progettuali; dall’organizzazione di incontri e dibattiti pubblici, al confronto diretto con stakeholder ed esponenti politici locali.

Fabrizio Schiaffonati Architetto, Professore di Tecnologia dell’architettura al Politecnico di Milano.
Giovanni Castaldo Architetto, PhD in Architettura, ingegneria delle costruzioni e ambiente costruito al Politecnico di Milano.
Martino Mocchi Dottore in Filosofia, PhD in Progetto  e tecnologie per la valorizzazione dei beni culturali al Politecnico di Milano.

Fabrizio Schiaffonati, Giovanni Castaldo, Martino Mocchi, 2017, Maggioli Editore
15.00 € 14.25 €
Rigenerazione sociale, urbana e sostenibile

Rigenerazione sociale, urbana e sostenibile

Giuliano Colombini, Architetto, Lari (PI) 1948, attivo nella progettazione architettonica e urbanistica. Ha tenuto per oltre dodici anni seminari di Igiene Ambientale, Impianti Urbani, Progettazione Ambientale, presso la Facoltà di Architettura di Firenze e la Facoltà di Architettura La Sapienza di Roma. Dal 1997 al 2017 è stato Presidente dell’Ordine degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della provincia di Pisa. Dal 2000 al 2005 è stato Presidente della Federazione Toscana degli Ordini Provinciali degli Architetti. È stato membro della Segreteria Nazionale del Consiglio Nazionale degli Architetti e Coordinatore della Commissione Urbanistica presso il Consiglio Nazionale Architetti. Ha partecipato a numerosi convegni sui temi dell’architettura, dell’urbanistica, del governo del territorio e della trasformazione del territorio, sulle problematiche burocratiche, sociali e legisla- tive nell’ambito dell’urbanistica e dell’architettura. È stato membro di varie commissioni di concor- si di architettura e urbanistica nazionali e internazionali.
Ha pubblicato saggi sull’urbanistica e sulla professione di architetto e i volumi:
• Architettura nell’ambiente, Giardini, Ghezzano 1988
• Le piazze; recupero del luogo urbano, Giardini, Ghezzano 1988
• Ambiente e Progetto,Alinea, Firenze 1990
• Quarrata – Atti del Convegno, per una conoscenza del territorio comunale.“L’uomo e l’ambiente”, Bandecchi e Vivaldi, Pontedera 1996
• Riconquistare l’Italia – sconfiggere la crisi patologica, Roma Prospettive Edizioni 2009

Oggi, più che mai, ci dobbiamo interrogare sulle questioni che giocano un nuovo ruolo nei confronti dell’umanità; mai come oggi l’umanità è entrata in una spirale complessa e disumanizzante dove sistemi concatenati non possono più essere affrontati e gestiti separatamente. L’Autore avverte la necessità di affrontare la questione della “rigenerazione sociale e urbana sostenibile”, che potrebbe apparire tema esclusivamente tecnico-urbanistico, rifacendosi invece alla complessità dei sistemi, analizzando altri fattori (sociali, economici, culturali e antropologici) fortemente in crisi nel nostro Paese e che, se non risolti o quanto meno affrontati e gestiti con attenzione, non consentiranno di giungere a nessuna rigenerazione sociale e urbana sostenibile. L’autore inoltre non si limita ad osservare il concetto di rigenerazione urbana come avvenuto nel passato attraverso leggi speciali che individuavano la rigenerazione come semplice visione di recupero, riuso, o riqualificazione, del costruito, la questione è più ampia. Il riferimento va allargato riferendoci ad una rigenerazione economica, culturale e sociale. La prima importante rigenerazione dovrà riguardare proprio i comportamenti umani, in quanto il potere dell’uomo su di sé e sull’am- biente deve essere infatti rigenerato, per ritrovare la coesione sociale, ed individuare i limiti della crescita economica e consumistica. Dopo di che sarà possibile affrontare la rigenerazione sociale e urbana sostenibile nella sua complessità e valutare gli attuali meccanismi legislativi che ne impediscono la realizzazione.

Giuliano Colombini, 2018, Maggioli Editore
15.00 € 14.25 €

Per la riqualificazione energetica

La novità editoriale Manuale di progettazione per la riqualificazione energetica:

Foto di copertina: iStock/robyvannucci


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here