Home Bonus Edilizia Superbonus e immobili vincolati: il dilemma delle scadenze

Superbonus e immobili vincolati: il dilemma delle scadenze

Quali saranno quelle per i lavori solo trainati nei condomini con vincolo per cui non si può fare il cappotto? Considerare la data prevista comunque per i condomini o quella per gli edifici unifamiliari?

240
Superbonus immobili vincolati scadenze

Termini di scadenza del Superbonus fissati dalla Legge di Bilancio 2022 in maniera definitiva per condomini, immobili plurifamiliari di un unico proprietario e immobili unifamiliari.

È stato fatto per questo un grande sforzo di chiarezza in Parlamento per far sì che non restassero dubbi o questioni in sospeso per i proprietari delle villette e per i proprietari di appartamenti in condominio quanto al periodo di durata dell’agevolazione al 110 per cento e alle condizioni per usufruirne a seconda della tipologia dell’immobile di proprietà.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Ma è davvero così? Sono stati fugati tutti i dubbi? Non è rimasta nessuna area di incertezza? Ebbene no, non è così nonostante gli sforzi fatti c’è ancora una questione che dovrà essere risolta quanto prima da parte dell’Agenzia delle Entrate.

In caso contrario una grossa fetta di proprietari tendenzialmente interessati al Superbonus non potrà programmare i lavori. Di chi stiamo parlando? Dei proprietari degli appartamenti negli immobili vincolati.

Leggi anche: Superbonus e beni vincolati, no dal MIBAC per le ricostruzioni con modifiche

Quando il cappotto è vietato dalle norme

Come prevede l’ultimo periodo del comma 2 dell’articolo 119 del decreto Rilancio, infatti, qualora l’edificio sia sottoposto ad almeno uno dei vincoli previsti dal Codice dei beni culturali, o gli interventi di coibentazione siano vietati da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali, la detrazione si applica a tutti gli interventi trainati anche se non eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti, ferma restando la necessità di ridurre di due classi di consumo energetico dell’immobile oggetto degli interventi stessi.

Grazie a queste disposizioni, in sostanza, in tutti gli edifici storici, o comunque costruiti da almeno settant’anni e per questo vincolati alla rispetto dei requisiti architettonici, è possibile ottenere la detrazione del 110% anche se il condominio non può accedere all’agevolazione.

Potrebbe interessarti: Superbonus Edifici Vincolati, per quali interventi

Cosa possono fare i singoli condomini

Considerando che la quota degli immobili vincolati è pari a circa il 20 per cento del totale degli edifici, un quinto dei proprietari di casa si trova ad abitare in fabbricati nei quali sono vietate modifiche sull’esterno, ma può effettuare interventi di efficientamento energetico e ottenere il Superbonus.

Possibile quindi:

  • sostituire la caldaia,
  • installare infissi a risparmio energetico (ce ne sono di tanti tipi, ormai, e non è più un problema rispettare il decoro architettonico dell’edificio),
  • schermature solari,
  • sistemi di building automation,
  • climatizzatori a pompa di calore ed eventualmente anche pannelli solari nel caso in cui dell’edificio sia presente una terrazza sulla quale possono essere istallati in maniera da non essere visibile dal basso, e usufruire della maxi agevolazione.

Non perderti: Superbonus condomini fino al 2025 anche per lavori trainati nei singoli appartamenti

Il dilemma delle scadenze

Fin qui tutto chiaro. Il problema però sorge in riferimento ai termini di scadenza dell’agevolazione.

Per risolvere le questioni emerse nel corso del dibattito sulla legge di Bilancio infatti, è stato deciso di indicare chiaramente che per gli interventi trainanti e trainati effettuati dai condomini e per quelli “effettuati dalle persone fisiche sulle singole unità immobiliari all’interno dello stesso condominio o dello stesso edificio” sono previste le stesse scadenze, ossia:

  • 2023 con aliquota al 110%,
  • 2024 con aliquota al 70% e
  • 2025 con aliquota al 65%.

Ma se il condominio non può eseguire interventi trainanti, come devono regolarsi i proprietari dei singoli appartamenti? Considerare la data prevista comunque per i condomini o quella per gli edifici unifamiliari? E in questo caso occorre realizzare almeno il 30% degli interventi previsti entro il prossimo mese di giugno per avere la detrazione fino alla fine dell’anno?

Bella domanda. Il testo di legge nulla dice in materia. Speriamo che ci sia quanto prima un chiarimento da parte dell’Agenzia delle entrate.

Bonus edilizi dopo la Legge di Bilancio 2022: i Webinar da non perdere

Vorresti essere aggiornato sulle novità in edilizia dopo la Legge di Bilancio e sciogliere i dubbi? Non perderti i prossimi webinar di Ediltecnico e Maggioli Formazione in programma:

  • Giovedì 20 gennaio – Bonus Edilizi in Condominio: le novità dopo la Legge di Bilancio 2022. Aspetti fiscali, giuridici e operativi per l’applicazione delle agevolazioni edilizie nei condomini.
    • A cura di Giuseppe Bordolli, Silvia Andreani, Gianluca Rossi, Lorenzo Rossi.

> Clicca qui per l’iscrizione <

  • Venerdì 28 gennaio – Super Sismabonus e Super Ecobonus 2022: aspetti fiscali e tecnici. Gli aspetti fiscali della detrazione Superbonus 110% per l’efficienza energetica e per l’antisismica. Gli aspetti tecnici: interventi ammissibili, provvedimenti tecnici, visto di conformità e congruità delle spese, asseverazioni e responsabilità alla luce della Legge di Bilancio 2022 e della disciplina Anti Frode.
    • A cura di Matilde Fiammelli, Andrea Barocci, Sergio Pesaresi.

> Clicca qui per l’iscrizione <

Consigliamo

In Bonus casa e Regole anti frode, la modulistica per le Asseverazioni dei Lavori (si tratta di un pacchetto scaricabile in formato zip, con modulistica editabile e personalizzabile), il professionista troverà:

  • i moduli di asseverazione per la congruità delle spese sostenute per tutti i lavori agevolabili (Bonus Facciate e Bonus Facciate Termico, Fotovoltaico, Sismico, Colonnine di ricarica, Ristrutturazioni) aggiornati alla Legge di Bilancio 2022;
  • un ebook di spiegazione delle novità dal titolo Bonus Casa e Regole Antifrode a cura di Antonella Donati;
  • una raccolta di oltre 60 casi risolti a partire da quesiti reali posti dai lettori di EdilTecnico.it;
  • la tabella con indicati i massimali specifici di costo per gli interventi sottoposti a dichiarazione del fornitore o dell’installatore;
  • una circolare operativa redatta dagli esperti di Fisco & Tasse con un’analisi dettagliata delle regole anti frode in base alla recente circolare dell’Agenzia delle Entrate di dicembre 2021 – Elenco delle attività che rientrano in edilizia libera.

Foto:iStock.com/BrianAJackson


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here