Home Gli articoli dei nostri autori Obbligo Pos professionisti: sanzioni per chi non accetta pagamenti elettronici

Obbligo Pos professionisti: sanzioni per chi non accetta pagamenti elettronici

Le sanzioni, introdotte con la Legge di conversione per l’attuazione del PNRR, verranno applicate a partire dal 1° gennaio 2023

287
Pagamenti Pos professionisti

Con la legge di conversione del DL 152/2021 che contiene disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose vengono introdotte misure sanzionatorie per commercianti e professionisti che non accettano pagamenti elettronici con carte di debito e credito.

Le disposizioni sul tema sono contenute all’interno dell’art. 19-ter della legge 29 dicembre 2021, n. 233 > qui il testo coordinato < recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 novembre 2021, n. 152, recante disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”.

>>Vorresti ricevere aggiornamenti come questo? Clicca qui, è gratis

La novità quindi non riguarda l’obbligo di Pos per i professionisti, già previsto dal 30 giugno 2014 dall’art. 15 comma 4 del D.L. 179/2012, bensì l’introduzione di sanzioni nei confronti dei trasgressori.

Ricordiamo che il comma 4 del D.L. 179/2012 recita: “a decorrere dal 30 giugno 2014, i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito; tale obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Sono in ogni caso fatte salve le disposizioni del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231″. 

Vediamo nel dettaglio a quanto ammontano queste sanzioni e da quando sono applicabili.

Leggi anche: Il professionista assunto dalla PA non potrà mantenere l’iscrizione alla cassa privata

Come si calcolano le sanzioni

Le sanzioni scattano dal 1° gennaio 2023. Rientrano tra i trasgressori, esercenti e professionisti che non accettano un pagamento digitale di qualsiasi importo.

La sanzione amministrativa è pari a 30 euro a cui va aggiunta una percentuale pari al 4% del valore del pagamento rifiutato. Come spiega Altroconusmo, ciò significa che se un esercente dovesse rifiutare un pagamento di 100 euro rischierebbe una sanzione di 34 euro, la sanzione sarebbe pari a 30,20 euro se dovesse rifiutare un pagamento di cinque euro.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

No al pagamento in misura ridotta

All’articolo 19-ter si legge che per le sanzioni relative a a tali violazioni si applicano le procedure e i termini previsti dalla legge 24 novembre 1981, n. 689, a eccezione dell’articolo 16 in materia di pagamento in misura ridotta.

Non perderti: Convertito in legge il Decreto Fisco Lavoro: tutte le novità in un e-book

Questo vuol dire che per i trasgressori non è consentito, entro 60 giorni dalla contestazione immediata o, se questa non vi è stata, dalla notificazione degli estremi della violazione, pagare una somma pari alla terza parte del massimo della sanzione o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo, oltre alle spese del procedimento.

Consigliamo

Questo strumento operativo per l’attuazione del Recovery Plan:

PNRR Guida all’applicazione del Recovery Plan negli Enti della P.A.

PNRR Guida all’applicazione del Recovery Plan negli Enti della P.A.

Maria Carla Manca, 2021, Maggioli Editore

Questo libro nasce dall’esigenza di dotarsi di un primo strumento operativo per l’attuazione del “Recovery Plan”. La struttura è così costituita:› il primo capitolo è dedicato all’analisi del “PNRR Piano Nazionale di Ripresa e...



E la nuova uscita:

Le Asseverazioni del Tecnico e il Visto di Conformità per il Superbonus 110% e i Bonus Edilizi ordinari - e-Book in pdf

Le Asseverazioni del Tecnico e il Visto di Conformità per il Superbonus 110% e i Bonus Edilizi ordinari - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

Questo e-book, giunto alla sua terza edizione, viene ampiamente rinnovato ed aggiornato con l'obiettivo di accompagnare il tecnico-asseveratore ad approfondire il concetto e il contenuto dell’asseverazione che gli viene richiesta dal Decreto Rilancio. Viene inoltre trattato anche il visto di...



Foto:iStock.com/Ridofranz


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here