Home Bonus Edilizia Superbonus 110 aree terremotate: proroga al 2025 e nessuna riduzione percentuale

Superbonus 110 aree terremotate: proroga al 2025 e nessuna riduzione percentuale

Nello specifico la misura interessa tutti i comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza

14032
Proroga superbonus 2025 aree terremotate

Aggiornamento del 17 febbraio 2022_Un’ulteriore conferma sulla data di scadenza del Superbonus 110% al 31 dicembre 2025, per gli interventi sugli immobili siti nei territori colpiti da eventi sismici, arriva dalle Entrate attraverso la risoluzione 8/E del 15 febbraio 2022.

Il testo ufficiale e definitivo della Legge Bilancio 2022Legge 30 dicembre 2021 n. 234 – è stato pubblicato nel supplemento n.49 della GU Serie Generale 310 del 31 dicembre 2021. L’approvazione del testo è avvenuta, da parte della Camera, nella seduta del 30 dicembre 2021, senza apportare modifiche rispetto alla versione confermata in Senato.

Tra gli emendamenti alla Legge di Bilancio 2022, approvati in commissione alla Camera, ce n’è uno che prevede la proroga al 31 dicembre 2025 del Superbonus per gli interventi edilizi effettuati nelle aree colpite dal terremoto negli ultimi anni, ovvero si tratta dei Comuni del centro Italia.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti sul tema? Clicca qui, è gratis

Nello specifico la misura interessa tutti i comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

Leggi anche: I comuni impediscono l’agevolazione delle opere collegate al Super Sismabonus?

Nessuna riduzione di percentuale fino al 2025

La conferma è arrivata con la pubblicazione in Gazzetta della Legge di Bilancio 2022: nessuna riduzione di percentuale per il 110 applicato agli interventi effettuati nei comuni dei territori colpiti da eventi sismici verificatisi a far data dal 1° aprile 2009 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza. La riduzione graduale della percentuale è invece prevista nelle altri parti d’Italia.

Già leggendo il testo dell’emendamento approvato dalla commissione Bilancio del Senato è emerso che la misura prevede lo stanziamento di 6 miliardi di euro.

Mauro Coltorti (M5S), presidente della Commissione Lavori pubblici e Infrastrutture del Senato, sulle cifre messe a disposizione ha dichiarato: “si tratta di cifre importanti che insieme al pacchetto di norme presentate dal Movimento 5 Stelle per il cratere sismico 2016-2017, consentiranno il rilancio economico di questi tormentati territori. Tutto il Paese necessiterebbe di un provvedimento analogo per rimodellare il nostro tessuto urbanistico. Ma è evidente che le zone colpite dai terremoti devono avere la priorità”

>> Interventi locali Sismabonus 110: possibilità e limiti

La richiesta di una proroga era stata avanzata dal  Commissario Straordinario alla Ricostruzione Post Sisma 2016, Giovanni Legnini che aveva dichiarato qualche mese fa: “per la ricostruzione nei crateri post sisma è necessaria una proroga del Superbonus 110% di quattro anni, con o senza décalage, che riguardi anche le case unifamiliari”.

>> Superbonus unifamiliari, salta il tetto ISEE?

La necessità di un’estensione per le unifamiliari e le bifamiliari è da ricercarsi nella larga diffusione di questa tipologia di edifici nelle aree colpite dal sisma 2016. Difatti, le abitazioni sono per la maggior parte unifamiliari e bifamiliari, sia prime, sia seconde case.

Per Legnini “la proroga generalizzata del Superbonus al 110% fino al 2025 nelle aree colpite dai terremoti apre uno scenario molto positivo per la ricostruzione del Centro Italia, una delle più vaste e complesse che il Paese si è trovato ad affrontare”.

Leggi anche: Guida Sismabonus Ecobonus aree terremotate: pubblicata una raccolta di quesiti e soluzioni

Consigliamo

Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Aggiornato alla legge n. 58/2019 (conversione del d.l. 34/2019 c.d. Decreto Crescita) il prontuario si configura come un supporto operativo indispensabile per il professionista nell’analisi e nell’interpretazione della disciplina per la classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici (d.m. 65/2017 – attribuzione e miglioramento della classe di rischio) con esempi pratici dettagliati secondo i due metodi previsti dalla normativa: metodo convenzionale e metodo semplificato, senza tralasciare la fase di asseverazione che il progettista deve rilasciare.
Il testo evidenzia anche le novità riguardanti gli interventi su edifici esistenti previsti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 (d.m. 17 gennaio 2018) e dalla circolare esplicativa n. 7/2019. Vengono esaminate le procedure di valutazione della sicurezza e della classe di rischio ante e post operam. Oltre agli aspetti tecnici, altrettanto importante è la parte fiscale a cui è dedicato un intero capitolo approfondito e corredato da esempi per l’applicazione del Sisma Bonus.

Struttura del prontuario
Edifici esistenti e normativa antisismica nazionale Classificazione del rischio sismico:
• Linee guida n. 65/2017
• Attribuzione della Classe di Rischio
• Miglioramento della Classe di Rischio
• Procedura di asseverazione
Esempio di applicazione con metodo convenzionale e metodo semplificato Aspetti fiscali del Sisma Bonus ed esempi pratici

Matilde Fiammelli, Roberto Cornacchia, 2019, Maggioli Editore
24.00 € 22.80 €
Valutazione sismica e tecniche di intervento per edifici esistenti in c.a.

Valutazione sismica e tecniche di intervento per edifici esistenti in c.a.

Il presente volume fornisce agli ingegneri strutturisti e a tutti quei professionisti che, in generale, operano nell’ambito della valutazione sismica degli edifici esistenti in cemento armato, gli strumenti necessari per effettuare in modo ancora più consapevole le opportune verifiche di sicurezza sismica secondo la normativa vigente. A tal proposito sono discusse le più appropriate strategie di modellazione/analisi strutturale in ambito non lineare sia statico (pushover) che dinamico (time-history).

Vengono inoltre trattate le più diffuse tecniche di intervento per la riabilitazione degli edifici esistenti in cemento armato, ricorrendo anche ad esempi di modellazione numerica di alcuni interventi di adeguamento/miglioramento sismico. Nel testo si farà riferimento alla versione aggiornata delle Norme Tecniche per le Costruzioni – ossia le recenti NTC 2018 – e alla relativa circolare esplicativa (Circolare 21 gennaio 2019 n. 7).

Rui Pinho
Ingegnere, professore associato presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia, socio fondatore delle società Seismosoft e Mosayk, è autore di innumerevoli pubblicazioni scientifiche sul tema della valutazione del rischio sismico di strutture esistenti.

Federica Bianchi
Ingegnere, socio fondatore e direttore tecnico di Mosayk srl, svolge la libera professione con particolare attenzione alla valutazione della vulnerabilità sismica di edifici in cemento armato.

Roberto Nascimbene
Ingegnere, socio fondatore e CEO di Mosayk srl, professore a contratto presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Pavia, ha approfondito particolarmente le tematiche della modellazione numerica avanzata nel campo dell’ingegneria civile.

Rui Pinho, Federica Bianchi, Roberto Nascimbene, 2019, Maggioli Editore
39.00 € 37.05 €

Foto:iStock.com/Rudolf Ernst


Condividi

2 Commenti

  1. Leggendo il testo normativo, mi è venuto il dubbio che l’estensione del 110 al 2025 riguardi solo gli edifici lesionati dal sisma (spero di aver capito male!). Qualcuno può darmi dei chiarimenti? Grazie

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here