Home Bonus Edilizia Ecobonus e sconto in fattura al 65%: una soluzione per accedervi

Ecobonus e sconto in fattura al 65%: una soluzione per accedervi

Grazie all'incentivo si possono rendere le abitazioni più ecosostenibili, attraverso interventi per ridurre il consumo di energie. Come accedere alle detrazioni anche negli acquisti

650

Riqualificazione energetica e rispetto per l’ambiente sono concetti che fanno parte, ormai, della vita quotidiana e influenzano le scelte di famiglie e di comunità.

Infatti, per contribuire a invertire la rotta dei cambiamenti climatici si può iniziare a rendere le abitazioni sempre più ecosostenibili: scegliendo infissi e serramenti innovativi, installando caldaie a condensazione o a biomassa, capaci di ridurre il consumo di energie non rinnovabili.

Per stimolare i cittadini e le imprese a migliorare l’efficienza energetica di palazzi, case, uffici e ville, il Governo interviene da alcuni anni concedendo rilevanti agevolazioni fiscali: veri e propri sconti Ecobonus fino al 65% da applicare ai prodotti e alle opere destinate all’efficientamento energetico. I contribuenti possono detrarre tali importi dalle imposte dovute allo Stato oppure ottenere uno sconto immediato in fattura.

Ed è ciò che viene proposto anche dalla nota catena di negozi Leroy Merlin che riconoscono all’acquirente una riduzione Ecobonus fino al 65% direttamente sullo scontrino. Vediamo nel dettaglio.

Come ricevere lo sconto dell’Ecobonus in fattura

Il personale presente nei punti vendita fisici è a disposizione dei clienti per eventuali informazioni e consigli finalizzati all’ottenimento dello sconto immediato in fattura.

Una volta scelti i prodotti da acquistare, è possibile fissare un appuntamento con i tecnici specializzati che lavorano in partnership con Leroy Merlin: il loro sopralluogo ha lo scopo di verificare l’esistenza delle condizioni per accedere all’Ecobonus. Gli utenti che si registrano attraverso il loro sito internet, godono degli stessi vantaggi oltre a qualche codice sconto Leroy Merlin riservato esclusivamente agli acquirenti online (la registrazione è gratuita e non appena effettuata si può ottenere la carta fedeltà Ideapiù Easy gratuita).

Se il parere dei professionisti tecnici risulta positivo, si può procedere a effettuare il pagamento per l’acquisto dei beni e dei servizi attraverso un bonifico, ma sempre ricordando che, il bonifico deve essere riservato alle agevolazioni per l’efficientamento energetico. I consumatori che utilizzano l’home banking trovano questa specifica dicitura nella sezione dedicata ai pagamenti; ma è possibile recarsi in banca o alla posta facendo presente all’operatore lo scopo del bonifico e le modalità richieste dalla legge.

>> Vuoi rimanere aggiornato sulla sorte di tutti i bonus? Clicca qui e ricevi le news

Inoltre, occorre presentare all’Agenzia delle Entrate la Comunicazione dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica“, fornendone poi una copia ai professionisti tecnici insieme alla “Ricevuta della Comunicazione di avvenuta presentazione“.

Al termine dei lavori, i cittadini sono tenuti a comunicare online all’ENEA (“Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie energia sviluppo economico sostenibile“) le informazioni relative:

  • ai dati anagrafici del beneficiario dell’Ecobonus,
  • all’immobile oggetto dell’intervento,
  • al tipo di intervento eseguito,
  • e al relativo costo.

Chi può usufruire delle detrazioni fiscali?

La platea dei consumatori che possono beneficiare dell’Ecobonus è davvero estesa:

  • persone fisiche,
  • professionisti,
  • società di persone e di capitali,
  • esercenti arti e professioni,
  • enti e associazioni non titolari di reddito di impresa, sia residenti che non residenti in Italia.

Tali soggetti giuridici possono essere proprietari dell’immobile oggetto degli interventi oppure conviventi del proprietario, inquilini e condomini: occorre cioè che vantino un diritto reale sull’immobile. Alle categorie sopra elencate vanno aggiunte le cooperative di abitazione e gli Istituti autonomi delle case.

Quali sono gli interventi agevolabili?

Sono altrettanto numerose le opere che possono godere dello sconto immediato in fattura, purché gli interventi siano finalizzati a rendere l’abitazione più efficiente dal punto di vista energetico, limitando gli sprechi e massimizzando i benefici legati all’uso di tecnologie innovative.

Rientrano in questa lista, e sono quindi agevolabili, le seguenti opere:

  • acquisto e installazione di caldaie a condensazione, che sfruttano i vapori dell’acqua utilizzata dall’impianto per ridurre considerevolmente il consumo di combustibile;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con sistemi dotati di caldaia a biomassa. Pellet, cippato e legno sono infatti considerati combustibili eco-sostenibili;
  • acquisto e installazione di impianti ibridi, quelli cioè che integrano la pompa di calore con la caldaia a condensazione;
  • acquisto e installazione di generatori d’aria calda a condensazione, ideali per riscaldare ambienti di grandi dimensioni come industrie e capannoni;
  • acquisto e installazione di micro-cogeneratori: perfetti per ambienti di dimensioni medio piccole, sono veri e propri micro-impianti di potenza inferiore a 50 KW, capaci di generare sia calore sia elettricità utilizzando biomasse, biogas, rifiuti solidi e carburanti di origine fossile.

Altri interventi che godono dell’incentivo

I benefici derivanti dall’uso di tali dispositivi sarebbe vanificato se il calore prodotto venisse disperso attraverso infissi e finestre vetuste e inefficienti ed è per questo che godono dell’Ecobonus anche:

  • acquisto e la posa in opera di infissi con doppi vetri e profili anti-spiffero;
  • sostituzione di vetri, infissi e strutture accessorie come persiane, avvolgibili, scuri, tende da sole con sistemi di oscuramento chiudibili che consentono di lasciare entrare la luce e di proteggere gli ambienti dal caldo torrido dei mesi estivi.

É possibile valersi dell’Ecobonus anche per tutti gli interventi sull’involucro degli edifici che producano un reale miglioramento dell’efficienza energetica ovvero:

  • rifacimento di tetti, coperture, pavimenti e pareti interne ed esterne;
  • sostituzione dei portoni, allorquando ciò contribuisca a delimitare le aree riscaldate degli immobili;
  • coibentazione dell’involucro.

Naturalmente, anche l’acquisto, l’installazione e la posa in opera di pannelli solari rientrano tra gli interventi agevolabili, trattandosi di uno dei metodo più “green” per la produzione di acqua calda sanitaria e il riscaldamento degli ambienti.

  • Sono infine agevolabili i costi di acquisto, installazione e messa in opera di tutti quei dispositivi multimediali che permettono di controllare e regolare da remoto gli impianti di climatizzazione, riscaldamento e produzione di acqua calda.

Restano esclusi: gli edifici di nuova costruzione e quelli già conformi agli indici previsti dalle norme vigenti.

Qual è il limite di spesa dell’Ecobonus?

Gli importi per i quali è possibile usufruire delle detrazioni o dello sconto in fattura hanno però dei limiti, diversi per ciascuna tipologia di intervento:

  • per le caldaie a biomassa e a condensazione e per le pompe di calore il tetto è fissato a 30.000 euro;
  • è pari a 60.000 euro per l’acquisto e l’installazione dei pannelli solari, per gli interventi sull’involucro degli edifici, nonché per l’acquisto e la posa in opera di schermature solari;
  • 100.000 euro è il limite per l’acquisto di micro-cogeneratori e le opere di “Riqualificazione energetica globale” degli edifici esistenti.

Per maggiori informazioni:

Leroy Merlin

Foto di copertina: iStock/photobyphotoboy


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here