Home Gli articoli dei nostri autori Riforma TU Sicurezza: cosa cambia dopo la conversione in legge del Decreto...

Riforma TU Sicurezza: cosa cambia dopo la conversione in legge del Decreto Fisco Lavoro

Di rilievo è la novità che riguarda la formazione dei datori di lavoro (già prevista per i dirigenti e i preposti) che diventa obbligatoria con aggiornamento periodico

1128
Riforma Testo unico Sicurezza

Con la legge di conversione del Decreto Fisco Lavoro (D.L. n. 146/2021) vengono introdotte delle novità che interessano il Testo Unico della Sicurezza (D.lgs. 81/2008).

Il 15 ottobre 2021, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge, poi pubblicato in Gazzetta il 21 ottobre 2021, recante “misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”> ne abbiamo parlato in dettaglio qui <

Il provvedimento normativo prevede una revisione del D.Lgs. 81/2008, quindi introduce una serie di misure che interessano la sicurezza sui luoghi di lavoro ed in particolar modo incentivano l’attività di vigilanza e migliorano il coordinamento dei soggetti che si assicurano del rispetto delle disposizioni di sicurezza.

Si parla addirittura di una mini-riforma al TUSL, soprattutto in riferimento al Titolo I.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti come questo? Clicca qui, è gratis

Gli articoli del Decreto Fisco Lavoro che regolamentano in materia di rafforzamento della disciplina in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sono il 13 e il 13-bis e vanno a toccare 14 articoli del TUSL.

L’articolo 13 interviene su alcune disposizioni del D.Lgs. 81/2008 con l’obiettivo di incentivare e semplificare l’attività di vigilanza e il coordinamento dei soggetti che devono presidiare il rispetto delle norme di prevenzione. L’articolo 13-bis reca specifiche disposizioni in materia di sicurezza delle istituzioni scolastiche.

Con il Decreto Fisco Lavoro viene, inoltre, sostituito integralmente l’Allegato I al TUSL.

Vediamo di seguito cosa cambia per: la formazione dei datori di lavoro, la sospensione dell’impresa a causa del lavoro sommerso e le funzioni di vigilanza da parte del preposto.

Vorresti saperne di più sul Decreto Fisco Lavoro? Ti consigliamo questo e-book

Formazione dei datori di lavoro

Indubbiamente di rilievo è la novità che riguarda la formazione adeguata e specifica dei datori di lavoro (già prevista per i dirigenti e i preposti) che diventa obbligatoria con aggiornamento periodico, in funzione del lavoro e dei compiti svolti, in materia di salute e sicurezza, così come stabilito nell’Accordo adottato in Conferenza Stato-Regioni.

Questa novità va ad incidere sul comma 7 dell’articolo 37 che stabilisce che oltre ai dirigenti e ai preposti, anche i datori di lavoro ricevono un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico su salute e sicurezza.

Inoltre, la modifica all’art. 37, comma 2 del TUSL, prevede entro il 30 giugno 2022 un accordo, da parte della conferenza permanente Stato Regioni e province autonome di Trento e Bolzano, che andrà ad individuare durata, contenuti minimi e modalità della formazione obbligatoria a carico del datore di lavoro, oltreché la specificazione delle modalità della verifica finale di apprendimento obbligatoria per i discenti di tutti i percorsi formativi e di aggiornamento obbligatori e delle verifiche di efficacia della formazione durante lo svolgimento della prestazione lavorativa.

>> Green Pass rafforzato e consegna del certificato verde al datore di lavoro, le novità

Le novità introdotte dal Decreto Fisco Lavoro interessano anche il comma 5 dell’articolo 37 del TUSL, in tema di addestramento, al quale sono aggiunti i seguenti periodi: “L’addestramento consiste nella prova pratica, per l’uso corretto e in sicurezza di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale; l’addestramento consiste, inoltre, nell’esercitazione applicata, per le procedure di lavoro in sicurezza. Gli interventi di addestramento effettuati devono essere tracciati in apposito registro anche informatizzato”.

Sempre a proposito di formazione, altra novità riguarda l’inserimento del comma  7-ter che prevede, per assicurare l’adeguatezza e la specificità della formazione nonché l’aggiornamento periodico dei preposti, che le relative attività formative debbano essere svolte interamente con modalità in presenza e devono essere ripetute con cadenza almeno biennale e comunque ogni qualvolta sia reso necessario in ragione dell’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi.

Potrebbe interessarti: Pubblicato bando ISI-INAIL 2021: in arrivo fondi per 274 milioni per la sicurezza

Sospensione impresa lavoro sommerso

Tra gli aspetti oggetto di revisione del Decreto Fisco Lavoro, rientrano i provvedimenti a contrasto del lavoro irregolare, in particolare le modifiche riguardano l’art. 14 del D.Lgs. n. 81/2008.

Si legge nella legge di conversione che l’Ispettorato nazionale del lavoro adotta un provvedimento di sospensione, quando riscontra che almeno il 10 per cento dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro risulti occupato, al momento dell’accesso ispettivo, senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro ovvero inquadrato come lavoratori autonomi occasionali in assenza delle condizioni richieste dalla normativa.

Potrebbe interessarti: Il professionista assunto dalla PA non potrà mantenere l’iscrizione alla cassa privata

Vigilanza da parte del preposto

Il preposto che ricordiamo essere “la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa” ha una serie di obblighi richiamati all’ art. 19 del TUSL.

>> Opere PNRR, DURC e subappalto: nasce un osservatorio per monitorare i cantieri

Con al mini-riforma viene rafforzata la figura del preposto al quale viene chiesto di intervenire, fornendo le necessarie indicazioni di sicurezza, per modificare il comportamento non conforme riscontrato in ambito lavorativo. Ovvero al comma 1, dell’articolo 19, alla lettera a) viene aggiunta la parte in grassetto:

Non perderti: DURC di congruità: dal 1° novembre 2021 obbligo per cantieri pubblici e privati

“a) sovrintendere e vigilare sull’osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonché delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di rilevazione di comportamenti non conformi alle disposizioni e istruzioni impartite dal datore di lavoro e dai dirigenti ai fini della protezione collettiva e individuale, intervenire per modificare il comportamento non conforme fornendo le necessarie indicazioni di sicurezza. In caso di mancata attuazione delle disposizioni impartite o di persistenza dell’inosservanza, interrompere l’attività del lavoratore e informare i superiori diretti”.

>> Scarica il testo del TUSL aggiornato gennaio 2022 <<

Per saperne di più in materia fiscale, continua a leggere dall’e-book

Nell’e-book è contenuta una raccolta su cosa cambia dopo il Decreto Fisco Lavoro a proposito di:

  • regime IVA per il Terzo Settore
  • modifiche sulle accise di alcol e bevande alcoliche
  • nuovo caso di esenzione IMU
  • agevolazioni per start up a vocazione sociale
  • nuovo termine per pagare le cartelle del 2021
  • non impugnabilità dell’estratto di ruolo

Consigliamo

La nuova Guida ai Piani di Sicurezza 2.0, giunta alla seconda edizione, si rinnova e si aggiorna allo stato dell’arte tecnico e normativo per offrire un vero e proprio percorso guidato per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), del Fascicolo Tecnico (FT), del Piano Operativo di Sicurezza (POS) e del Piano Sostitutivo di Sicurezza (PSS), accompagnando il lettore passo per passo nella redazione, nell’organizzazione e nella gestione della documentazione.

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore

La guida è aggiornata con il capitolo “Integrazione ai Piani di Sicurezza – Rischio Covid-19” a cura di Marco Ballardini e Carmine Moretti. L’aggiornamento, completo di oltre 50 moduli editabili e personalizzabili, fornisce strumenti utili e indicazioni da seguire...



Foto:iStock.com/BalkansCat


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here