Home Bonus Edilizia Bonus Casa 50% e Superbonus: come usufruire di entrambe le agevolazioni

Bonus Casa 50% e Superbonus: come usufruire di entrambe le agevolazioni

Un riassunto (con esempio) su quali sono le aliquote e i massimali applicabili e come funziona il "carattere assorbente" per gli interventi di categoria superiore rispetto a quelli di categoria inferiore

4950
Bonus casa 50 e Superbonus

Gli interventi di miglioramento energetico e/o di riduzione del rischio sismico degli edifici, prevedono spesso anche “normali” interventi di recupero, che possono usufruire dell’aggiuntiva agevolazione Bonus Casa 50%.

È noto che le opere di recupero del patrimonio edilizio esistente possono essere agevolate secondo quanto previsto dall’Art. 16-bis del TUIR.

>> Vorresti ricevere aggiornamenti sul tema? Clicca qui, è gratis

Si tratta del cosiddetto Bonus Casa o Bonus Ristrutturazione ed attualmente è prevista una detrazione pari al 50% della spesa con ripartizione in 10 anni su un importo non superiore a 96.000 Euro iva inclusa per unità immobiliare.

Nato nel 1986, è stato nel tempo affiancato o integrato da altre agevolazioni, in particolare Ecobonus e Sismabonus, compreso l’attuale Superbonus che ne prevede la maggiorazione di queste ultime all’aliquota 110%.

Leggi anche: Bonus edilizi e Antifrode: modulistica per le asseverazioni dei lavori

I bonus edilizi a disposizione per gli interventi di recupero

Superbonus = Super Ecobonus + Super Sismabonus

Come è noto il Superbonus è suddiviso nelle due costole Super Ecobonus e Super Sismabonus, ma nei due casi le modalità di agevolazione Bonus Casa di concomitanti opere di recupero sono differenti.

Super Ecobonus e Bonus Casa

Come indicato nella prassi e Guida Agenzia delle Entrate “Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico” (marzo 2019), sono previsti due percorsi totalmente distinti per l’Ecobonus (o Super Ecobonus) e per il Bonus Casa: ognuno con suo massimale e sua aliquota, che nel secondo caso saranno di 96.000 Euro Iva inclusa e 50%.

Super Sismabonus e Bonus Casa

Il Super Sismabonus come noto prevede sostanzialmente un aumento dell’aliquota agevolativa del Sismabonus, introdotto con il DL 63/2013, pertanto da questa agevolazione deriva l’attuale prassi dell’Agenzia delle Entrate sul Super Sismabonus.

Le opere di riduzione del rischio sismico erano già precedentemente agevolate unitamente alle altre spese di recupero, in particolare secondo la Lettera i), Comma 1, Art. 16-bis e il DL 63/2013 ha previsto l’alternativa Sismabonus con riduzione del periodo di ripartizione (da 10 a 5 anni) e aumento delle aliquote agevolative.

>> Trasformare Sismabonus in Superbonus? Sì ma attenzione all’attestazione congruità spese

Sulla possibilità di applicare allo stesso intervento, oggetto anche di opere di riduzione del rischio sismico, agevolazioni diverse da quelle Super Sismabonus e in particolare quelle previste dal Bonus Casa, si riporta un estratto dell’ultima revisione della Guida dell’Agenzia delle Entrate “Sisma Bonus: le detrazioni per gli interventi antisismici” (luglio 2019):

Pertanto, in presenza di agevolazioni Super Sismabonus, non è disponibile in aggiunta una distinta agevolazione Bonus Casa per le restanti opere di recupero all’interno dello stesso intervento complessivo e le seconde sono assorbite nelle prime, nello stesso massimale ed con stessa aliquota di agevolazione.

Potrebbe interessarti: Bonus edilizi, quante volte è possibile usufruirne?

No al Bonus Casa per le restanti opere del Super Sismabonus

Si tratta di un meccanismo diverso da quello previsto dall’Agenzia delle Entrate per l’Ecobonus (quindi anche Super Ecobonus) ed è sempre stato applicato negli interventi agevolati con SismaBonus, quanto meno dalla fine del 2017 quando è stata pubblicata la Risoluzione 147/E, il primo documento di prassi sull’argomento, che di seguito analizziamo.
L’intervento descritto è di “ristrutturazione edilizia” con anche opere di riduzione del rischio sismico.

L’istante riporta un’ipotesi di spesa, con specifici riferimenti normativi:

a) Euro 120.000 per interventi di cui alla lett. i) dell’art. 16-bis del TUIR, relativi all’adozione di misure antisismiche;

b) Euro 40.000 per interventi di cui alla lett. b) dell’art. 16-bis del TUIR, ovvero opere di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia sulle singole unità immobiliari residenziali.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

L’Agenzia delle Entrate risponde al quesito con:

…la scrivente, concordando con l’istante, ritiene che anche per gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche possa valere il principio secondo cui l’intervento di categoria superiore assorbe quelli di categoria inferiore ad esso collegati o correlati. La detrazione prevista per gli interventi antisismici può quindi essere applicata, ad esempio, anche alle spese di manutenzione ordinaria e straordinaria necessarie al completamento dell’opera.

L’opera da completare, in questo caso non vi è dubbio sia l’intervento di ristrutturazione, non la sola porzione riguardante gli specifici interventi di riduzione del rischio sismico. Inoltre AdE riporta che la detrazione (maggiorata) degli interventi antisismici è quella che deve essere applicata anche alle altre opere.

>> Sismabonus ordinario o super? Con il 110% non è possibile scegliere

In nessuna porzione della risoluzione viene menzionata l’indicazione che le opere di cui al punto “b” sovrastante debbano essere agevolate con una detrazione prevista per le opere di Recupero del patrimonio edilizio esistente (oggi 50%). Tutto ciò, nonostante la risoluzione si preoccupi di specificare che tutte queste opere hanno un unico massimale agevolativo (oggi di 96.000 Euro).

Si può quindi concludere che le opere collegate e correlate a quelle di Sismabonus o Super Sismabonus, ciò le opere non direttamente incidenti sul rischio sismico dell’edificio, ma di recupero e previste nell’intervento complessivo progettato, non possono essere agevolate con massimale e aliquota distinti e devono essere assorbite da massimale e aliquota della porzione di intervento di riduzione del rischio sismico, considerata di categoria superiore.

Anche le recenti Circolari (fra tutte si richiama la recente Circ. 30/e del 22/12/2021, punto 4.4.3.) e risposte ad interpello pubblicate dall’Agenzia delle Entrate riportano per il Super Sismabonus gli stessi concetti.

Non perderti: Super Sismabonus: gli interventi di riparazione o locali sono ammessi?

Il carattere assorbente

L’agenzia delle Entrate ha introdotto per la prima volta il concetto di carattere assorbente degli interventi di categoria “superiore” rispetto a quelli di categoria “inferiore”, con la Circolare 57/E del 24 febbraio 1998.

In quella occasione intendeva specificare che in presenza ad esempio di un intervento complessivamente considerato di manutenzione straordinaria, anche gli interventi di manutenzione ordinaria realizzati in concomitanza ed anche se riferenti a porzioni distinte dell’unità immobiliari, potevano essere agevolati con il Bonus Casa. Ciò anche se sulla singola unità immobiliare (a differenza che sulle parti comuni dell’edificio) tali sole opere di manutenzione ordinaria, non sarebbero state agevolabili con il Bonus Casa.

Lo stesso concetto è stato traslato alle opere di recupero collegate e correlate agli interventi di Sismabonus e Super Sismabonus, che (anche se realizzate in zone dell’unità immobiliare non interessate dall’intervento strutturale) sono assorbite all’interno della propria agevolazione.

Non perderti: Asseverazioni Sismabonus e Super Sismabonus. Quali e quante ne occorrono?

Diversa convenienza nell’applicazione del Bonus Casa a Super Ecobonus e Super Sismabonus

Questo meccanismo del Super Sismabonus, se confrontato con quello del Super Ecobonus è in genere economicamente meno vantaggioso.

Vediamo un esempio con i seguenti importi (iva inclusa):

  • opere di riduzione del rischio sismico: 90.000 Euro;
  • restanti opere di recupero collegate e correlate: 100.000 Euro.

AdE prevede l’agevolazione al 110% per i primi 96.000 Euro dei complessivi 190.000 Euro, con un risparmio effettivo pari a 105.600 Euro ovvero il 55,6%.

Se anche per il Super Sismabonus fosse possibile la stessa modalità agevolativa del Super Ecobonus, il contribuente avrebbe potuto agevolare con l’aliquota del 110% tutti i 90.000 Euro, con un risparmio effettivo pari a 99.000 Euro oltre ad un altro 50% su altri 96.000 Euro, pari a 48.000 Euro, in totale 147.000 Euro ovvero il 77,4%.

Articolo a cura dell’Ing. Guido Violani

Consigliamo

Guida tecnica per il super sismabonus e il super ecobonus 110% - Libro

Guida tecnica per il super sismabonus e il super ecobonus 110% - Libro

Questa guida si configura come un vero e proprio prontuario di riferimento per i tecnici, chiamati a studiare e ad applicare, per la propria committenza, gli interventi di miglioramento strutturale antisismico e di efficientamento energetico degli edifici nell’ambito delle agevolazioni fiscali del 110% (i c.d. Super Sismabonus e Super Ecobonus introdotti con il decreto Rilancio).

L’opera è divisa in due parti.

La prima parte, a cura di Andrea Barocci, riporta tutte e tre le possibilità di detrazione legate agli interventi strutturali: il bonus ristrutturazione, il sismabonus, il superbonus.

Per ciascuno di essi si offre la disamina della nascita e delle possibilità di applicazione, al fine di comprenderne lo scopo e le condizioni al contorno, compreso il tema delicato delle asseverazioni.

In parallelo alla possibilità fiscale, si affronta l’allineamento con le Norme Tecniche delle Costruzioni in quanto, al di là delle detrazioni, ogni intervento dovrà essere inquadrato all’interno di un procedimento edilizio ai sensi del d.P.R. 380/2001.

La seconda parte, a cura di Sergio Pesaresi, tratta il tema del Super Ecobonus, suddividendo il percorso progettuale, per la parte finalizzata alla detrazione, in due fasi operative: lo studio di fattibilità e il progetto preliminare.

Con lo studio di fattibilità il progettista potrà verificare preliminarmente, passo per passo, se l’edificio e i committenti possiedono i requisiti richiesti dall’art. 119 del decreto Rilancio per l’accesso alla detrazione.

Nella seconda fase operativa il progettista comincerà a redigere il progetto preliminare che, combinando in modo oculato i mezzi messi a disposizione dal decreto Rilancio, dovrà soddisfare i requisiti tecnici previsti.

 

Andrea Barocci
Ingegnere, Fondatore di IDS-Ingegneria Delle Strutture, si occupa di strutture e rischio sismico sia in ambito professionale che come componente di Organi Tecnici, Comitati, Associazioni. Autore di pubblicazioni in materia e docente in numerosi corsi e seminari.
Sergio Pesaresi
Ingegnere civile, Progettista specializzato in costruzioni ecosostenibili e di bio-architettura. Consulente e Docente dell’Agenzia CasaClima di Bolzano. Progettista di case passive certificato dal Passvhaus Institut di Darmstadt (D) e accreditato presso il PHI-Ita di Bolzano. Supervisor della Fondazione ClimAbita e SouthZeb designer. Tecnico base di ARCA e Tecnico ufficiale Biosafe. Studioso delle tematiche del Paesaggio e della Mobilità Sostenibile. Docente in corsi di aggiornamento professionale e consulente di Fisica Edile.

Andrea Barocci, Sergio Pesaresi (a cura di), 2020
20.00 € 19.00 €
Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici e sisma bonus

Aggiornato alla legge n. 58/2019 (conversione del d.l. 34/2019 c.d. Decreto Crescita) il prontuario si configura come un supporto operativo indispensabile per il professionista nell’analisi e nell’interpretazione della disciplina per la classificazione della vulnerabilità sismica degli edifici (d.m. 65/2017 – attribuzione e miglioramento della classe di rischio) con esempi pratici dettagliati secondo i due metodi previsti dalla normativa: metodo convenzionale e metodo semplificato, senza tralasciare la fase di asseverazione che il progettista deve rilasciare.
Il testo evidenzia anche le novità riguardanti gli interventi su edifici esistenti previsti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni 2018 (d.m. 17 gennaio 2018) e dalla circolare esplicativa n. 7/2019. Vengono esaminate le procedure di valutazione della sicurezza e della classe di rischio ante e post operam. Oltre agli aspetti tecnici, altrettanto importante è la parte fiscale a cui è dedicato un intero capitolo approfondito e corredato da esempi per l’applicazione del Sisma Bonus.

Struttura del prontuario
Edifici esistenti e normativa antisismica nazionale Classificazione del rischio sismico:
• Linee guida n. 65/2017
• Attribuzione della Classe di Rischio
• Miglioramento della Classe di Rischio
• Procedura di asseverazione
Esempio di applicazione con metodo convenzionale e metodo semplificato Aspetti fiscali del Sisma Bonus ed esempi pratici

Matilde Fiammelli, Roberto Cornacchia, 2019, Maggioli Editore
24.00 € 22.80 €
Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Ecobonus e Sismabonus al 110% sono i nuovi strumenti messi a disposizione dal legislatore italiano per l’efficientamento energetico e miglioramento sismico del patrimonio edilizio italiano.

Il presente testo ha lo scopo di fornire una serie di informazioni utili per professionisti

tecnici operanti in tale settore. Il manuale è diviso in due parti principali: la prima riguarda

il collaudo degli interventi che rientrano nell’Ecobonus, la seconda parte riguarda gli interventi possibili del Sismabonus ed infine la parte finale con la raccolta di modelli e check list da poter utilizzare durante le attività tecniche di collaudo.

L'opera analizza,a nche con l'ausilio di diversi schemi e immagini esplicative, le attività tecniche di collaudo su:
• impianti fotovoltaici 
• impianti di climatizzazione
• strutture 
• fondazioni

Pietro Salomone
Ingegnere civile specializzato in project management e sicurezza del patrimonio edilizio. Attualmente lavora nella p.a., dove si occupa di lavori pubblici e manutenzione. Collabora con riviste nazionali ed internazionali nella redazione di articoli tecnici ed è docente in numerosi seminari e convegni su tutto il territorio nazionale. 

 

Pietro Salomone, 2020, Maggioli Editore
15.90 € 13.52 €

Foto:iStock.com/Alena Zharava


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here