Home Bonus Edilizia Bonus edilizi: quando non servono visto di conformità e asseverazione congruità spese

Bonus edilizi: quando non servono visto di conformità e asseverazione congruità spese

Ecco i casi in cui, per usufruire dei Bonus edilizi, non sono richiesti. Il Decreto Antifrode non avrà un percorso parlamentare a sé, il testo è confluito in un emendamento del Ddl Bilancio 2022

4307
Bonus edilizi no visto di conformità e asseverazione congruità spese

È ripartito il canale telematico dell’Agenzia delle entrate per l’invio delle comunicazioni per la cessione del credito per i bonus casa per le operazioni di fatto concluse ma rimaste “congelate” dall’entrata in vigore del decreto antifrode.

Sul sito dell’Agenzia si legge: “Le procedure telematiche di comunicazione all’Agenzia delle entrate delle opzioni (sconto in fattura e cessione del credito) relative alle detrazioni per lavori edilizi (diverse dal Superbonus) sono state aggiornate in base a quanto previsto dalla FAQ pubblicata il 22 novembre 2021, per consentire l’invio delle comunicazioni delle opzioni esercitate entro l’11 novembre 2021, per le quali non è richiesta l’apposizione del visto di conformità“.

>> Vorresti riceve aggiornamenti sul tema? Clicca qui, è gratis

Potranno quindi essere inviate le comunicazioni per tutte le fatture pagate con lo sconto fino all’11 novembre scorso, dato che in questi casi il visto di conformità non serve.

Ecco quali sono.

Leggi anche: Bonus edilizi dopo l’Anti-frodi: per fatture pagate no visti e asseverazioni

Le cessioni “salvate” dal blocco

Come indicato dalle Entrate nelle FAQ del 22 novembre scorso, ad essere ancora esentate dall’obbligo di asseverazione delle spese e di visto di conformità, sono le fatture emesse e pagate fino all’11 novembre:

  • con lo sconto del 50 per cento per ristrutturazione e alcuni interventi che rientrano nell’ecobonus;
  • con lo sconto del 65 per cento per l’ecobonus;
  • con lo sconto del 90 per il bonus facciate.

Salve anche le fatture, sempre entro la stessa data, per le quali era già stato raggiunto un accordo formale per la cessione del credito mediante la relativa annotazione sul documento stesso.

>> No asseverazione e visto di conformità? Stop allo sconto per lavori in corso

In questi casi l’operazione di cessione del credito è salva ed è possibile inviare da oggi le relative comunicazioni telematiche all’Agenzia delle entrate, utilizzando la procedura ad hoc.

Non perderti: Sblocco Bonus edilizi: ripartono i servizi di cessione credito di Poste Italiane

Sì anche per le cessioni successive alla prima

Sbloccate anche le cessioni già accettate e rimaste nel limbo, ossia quelle per le quali per le quali l’Agenzia delle entrate ha rilasciato regolare ricevuta di accoglimento entro l’11 novembre.

Anche in questo caso non sono richiesti l’apposizione del visto di conformità e l’asseverazione della congruità delle spese. I relativi crediti possono essere accettati, ed eventualmente ulteriormente ceduti, senza richiedere il visto di conformità e l’asseverazione della congruità delle spese.

Leggi anche: Bonus Facciate senza SAL. È sufficiente asseverare il preventivo?

Le operazioni rimaste al palo

E chi invece ha pagato tutto entro l’11 novembre convinto di poter andare in baca o allo sportello postale per aprire la pratica e cedere il credito senza problemi? Niente da fare, in questo caso è ancora tutto bloccato.

>> Modello cessione o sconto in fattura. Entrate modifica il format

Nelle FAQ il problema non è eppure lontanamente affrontato, mancano tutte le regole operative, e non si sa nulla sulla possibilità di portare in detrazione anche il costo di asseverazione e visto.

Che dire poi del fatto che, anche volendo richiedere l’asseverazione delle spese non c’è nessun modello ufficiale, né si dice da nessuna parte come regolarsi per questa certificazione?

Potrebbe interessarti: Asseverazione Bonus Facciate: le novità dopo il Decreto anti-frodi

Una partita ancora aperta

A conti fatti, dunque, quella dei lavori conclusi e pagati fino all’11 novembre è ancora una partita del tutto aperta. Tra l’altro il Governo ha deciso di mettere mano a tutta la questione nell’ambito dell’esame parlamentare della manovra di Bilancio.

Il Decreto Antifrode, infatti, è stato “abbandonato” e non avrà un percorso parlamentare a sé, in quanto il testo è confluito in un emendamento all’articolo 9 del disegno di legge di Bilancio, quello che proroga il Superbonus e l’opzione per la cessione del credito, già presentato ufficialmente in Senato.

Vedremo se ci saranno correttivi su input del Parlamento.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

Da non perdere

Per avere un quadro più chiaro su cosa sta accadendo dopo l’entrata in vigore del Decreto Anti-frodi, EdilTecnico con Maggioli Formazione organizza il corso online in diretta Bonus Casa e Decreto Anti Frode. L’impatto sui lavori in corso e indicazioni operative a cura di Antonella Donati.

Indicazioni pratiche e approfondimenti sulle questioni più controverse con l’obiettivo di fornire gli strumenti utili per risolvere i problemi legati alle agevolazioni edilizie.

>> Clicca qui per l’iscrizione <<

Consigliamo

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) +  Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Kit Superbonus: Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) + Check list conformità (pacchetto 10 licenze)

Superbonus, 2021, Maggioli Editore

Il kit Superbonus è composto dai seguenti software: 1) Superbonus 110% - Calcolo del beneficio (pacchetto 10 licenze) Il software consente di: - Individuare gli interventi «trainanti» (o principali)- Verificare la spettanza del super bonus anche per gli interventi «trainati» (o...



Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

L’asseverazione o perizia tecnica asseverata è una particolare forma di perizia in cui il relatore afferma che tutto quanto viene riportato è veritiero: si assume la responsabilità della veridicità di tutto quanto viene riportato e, di conseguenza, risponde...



Foto:iStock.com/marchmeena29


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here