Home Bonus Edilizia Bonus edilizi dopo l’Anti-frodi: per fatture pagate no visti e asseverazioni

Bonus edilizi dopo l’Anti-frodi: per fatture pagate no visti e asseverazioni

Le Entrate chiariscono cosa succede qualora un contribuente abbia completato il pagamento delle fatture entro l’11 novembre 2021, senza però effettuare la comunicazione dell’opzione. Qui spieghiamo tutto

5267
Decreto antifrode fatture pagate

**Aggiornamento del 31 dicembre 2021_Il Decreto Antifrodi (e tutte le disposizioni in esso contenute) viene inglobato nel testo finale della Legge di Bilancio 2022, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2021.

In questo modo viene sancita l’abrogazione del Dl 157/2021, le cui misure introdotte per il contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche, vengono inserite nei commi da 28 a 36 della Legge di Bilancio 2022. Come specificato anche dalle Entrate restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodotti e i rapporti giuridici nati sulla base di decreto Antifrodi.

Pertanto non cambia nulla se non lo strumento normativo.

** Aggiornamento del 24 novembre 2021_L’Agenzia delle Entrate ha parlato! Dopo giorni di caos cominciano ad esserci i primi chiarimenti che fanno ben sperare sull’applicabilità del Bonus Facciate al 90% entro fine anno, l’agevolazione per la quale si è temuto il peggio > qui ne parliamo meglio <

Il Decreto Antifrodi ha scosso gli animi (e il mercato dell’edilizia) introducendo l’obbligo di asseverazione congruità costi e visto di conformità per poter usufruire dello sconto in fattura e della cessione del credito per tutti i bonus edilizi diversi dal 110.

>> Vorresti riceve aggiornamenti sul tema? Clicca qui, è gratis

In attesa di maggiori chiarimenti, e per cercare di capire meglio, c’è stato uno stop all’invio delle comunicazioni delle opzioni alle Entrate, nonostante il velocissimo aggiornamento della piattaforma. Anche gli istituti di credito hanno fermato i sistemi, tra i quali Poste spa, che ha bloccato il servizio di cessione del credito subito dopo l’entrata in vigore del Decreto Anti-frodi > qui spieghiamo cosa sta succedendo <

Vediamo nel dettaglio quali sono gli ultimi chiarimenti delle Entrate sul tema estensione adempimenti e fatture pagate.

Leggi anche: Tutto sul visto di conformità: cos’è, a cosa serve, chi può rilasciarlo

12 novembre 2021: prima e dopo

La data è da ricordare, perché è il giorno dell’entrata in vigore del Decreto Anti-frodi.

Le Entrate chiariscono cosa succede qualora un contribuente abbia completato il pagamento delle fatture entro l’11 novembre 2021 e sottoscritto i relativi accordi con il cessionario, senza però effettuare la comunicazione dell’opzione per lo sconto in fattura attraverso la piattaforma delle Entrate.

L’Agenzia spiega che in questo caso l’obbligo di visto di conformità e asseverazione dei costi, ai fini dell’opzione per lo sconto in fattura o la cessione del credito, si applica alle comunicazioni trasmesse dopo il 12 novembre 2021.

>> No asseverazione e visto di conformità? Stop allo sconto per lavori in corso

Inoltre c’è da dire che le Entrate si stanno attrezzando per aggiornare le procedure telematiche (entro il prossimo 26 novembre) e consentire le comunicazioni semplificate, ovvero quelle che escludono la presentazione del visto di conformità. Difatti nelle FAQ viene spiegato che: “si ritiene meritevole di tutela l’affidamento dei contribuenti in buona fede che abbiano ricevuto le fatture da parte di un fornitore, assolto i relativi pagamenti a loro carico ed esercitato l’opzione per la cessione, attraverso la stipula di accordi tra cedente e cessionario, o per lo sconto in fattura, mediante la relativa annotazione, anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 157 del 2021, anche se non abbiano ancora provveduto all’invio della comunicazione telematica all’Agenzia delle entrate; si ritiene, pertanto, che in tali ipotesi non sussista il predetto obbligo di apposizione del visto di conformità alla comunicazione dell’opzione all’Agenzia delle entrate e dell’asseverazione. Al riguardo, si precisa che, per consentire la trasmissione di tali comunicazioni, le relative procedure telematiche dell’Agenzia delle entrate saranno aggiornate entro il prossimo 26 novembre 2021”.

>> Cantieri e aumento prezzi rilevati dal Mims: l’elenco dei materiali sotto la lente

Resta sospesa la questione, sollevata dal responsabile del dipartimento politiche fiscali di CNA, Claudio Carpentieri, delle fatture emesse ma non pagate, che in caso di assenza di congruità dovrebbero esser riemesse, con un netto a pagare evidentemente più alto.

>> Check list visto di conformità Bonus Facciate: in arrivo tutte le indicazioni

Per quanto riguarda invece la questione valori massimi di alcuni beni, ai fini l’individuazione dei dell’asseverazione della congruità delle spese, Entrate precisa che è possibile fare riferimento ai prezzari individuati dal decreto del ministero dello Sviluppo economico del 6 agosto 2020, in vista del successivo decreto del ministero della Transizione ecologica che individuerà tali parametri, come stabilito dal Dl “Rilancio” (articolo 119, comma 13-bis).

Potrebbe interessarti: Superbonus e illeciti per crediti d’imposta: i rischi per i soggetti coinvolti

Asseverazioni, asseveratori e detraibilità spese professionali

Una delle FAQ delle Entrate chiarisce anche il tema asseverazione prevista per gli interventi oggetto dei Bonus diversi dal Superbonus e cosa viene attestato attraverso la stessa.

I tecnici abilitati asseverano la sola congruità delle spese sostenute e non devono attestare l’effettiva realizzazione del lavoro. Ciò rende possibile anticipare, anche con lo sconto in fattura, i pagamenti rispetto ai lavori ad esempio per il Bonus Facciate, pagando con bonifico anche solo il 10% dell’importo complessivo e quindi grazie al principio di cassa, l’intera spesa si considera sostenuta nel corso del 2021.

>> Check list visto di conformità: i documenti per ottenere il Superbonus

Sugli asseveratori, le Entrate specificano che i tecnici abilitati al rilascio delle asseverazioni relative ai lavori rientranti nel Superbonus possono asseverare per lo stesso tipo di intervento anche la congruità delle spese sostenute, prevista dal Decreto Anti-frodi.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

Resta da chiarire la questione circa la detraibilità delle spese professionali, sostenute per l’estensione di tali adempimenti. Bruno Panieri, direttore delle politiche economiche di Confartigianato, ha dichiarato «il Parlamento deve intervenire sulla detraibilità delle spese professionali per visto e asseverazione per lavori extra superbonus, o almeno esentare da questi adempimenti i lavori sotto i 20-30mila euro».

Da non perdere

Bonus casa e Regole anti frode - Pacchetto scaricabile in formato zip - II edizione

Bonus casa e Regole anti frode - Pacchetto scaricabile in formato zip - II edizione

Il decreto 157 del 12 novembre 2021 ha introdotto una significativa stretta sulle operazioni di cessione del credito per i bonus casa alla luce non solo delle frodi per crediti inesistenti accertate dall’Agenzia delle entrate, ma anche per contrastare il fenomeno dei prezzi “gonfiati” a causa dell’addebito al committente delle spese per gli oneri di cessione del credito. Il pacchetto antifrode è ora confluito, dopo la pubblicazione della Legge di Bilancio 2022, negli articoli 119, 121 e 122-bis del decreto Rilancio. L’impianto resta confermato ma ci sono alcune novità rispetto al testo originario.

Il presente materiale operativo raccoglie una serie di documentazione di supporto per l'attività del tecnico, che vuole comprendere cosa è cambiato nella normativa e quali sono i nuovi requisiti e i nuovi obblighi imposti dal legislatore.

In BONUS CASA e REGOLE ANTI FRODE, il professionista troverà, aggiornati alla Legge di Bilancio 2022:
- I moduli di asseverazione per la congruità delle spese sostenute per tutti i lavori agevolabili (Bonus Facciate e Bonus Facciate Termico, Fotovoltaico, Sismico, Colonnine di ricarica, Ristrutturazioni), aggiornati alla Legge di Bilancio 2022
- Un ebook di spiegazione delle novità dal titolo "Bonus Casa e Regole Antifrode" a cura di Antonella Donati, aggiornato alle Legge di Bilancio 2022
- Una raccolta di oltre 60 casi risolti a partire da quesiti reali posti dai lettori di EdilTecnico.it
- La tabella con indicati i massimali specifici di costo per gli interventi sottoposti a dichiarazione del fornitore o dell'installatore
- Una circolare operativa redatta dagli esperti di Fisco & Tasse con un'analisi dettagliata delle regole anti frode in base alla recente circolare dell'Agenzia delle Entrate di dicembre 2021
Elenco delle attività che rientrano in edilizia libera. 

Antonella Donati
È giornalista professionista, ha al suo attivo diversi anni di giornalismo parlamentare con particolare attenzione all’approvazione delle misure di carattere finanziario e alle manovre di bilancio. In questo ambito si occupa espressamente di tematiche fiscali, contributive e previdenziali. È autrice di numerosi volumi, articoli e saggi in materia.
A cura di Antonella Donati, 2022, Maggioli Editore
24.90 € 23.66 €

Consigliamo anche

Manuale di progettazione per la riqualificazione energetica

Manuale di progettazione per la riqualificazione energetica

Questo manuale affronta il tema della riqualificazione e del risanamento energetico degli edifici esistenti dal punto di vista concettuale e tecnico, offrendo al lettore uno strumento operativo per progettare e porre in opera correttamente tutti gli interventi volti al miglioramento delle prestazioni energetiche dell’involucro edilizio.

Il testo affronta diversi argomenti, a partire dai concetti generali relativi a materiali e posa in opera.

In seconda battuta si analizzano i sistemi costruttivi, i sistemi di parete e i materiali isolanti, poiché è necessario conoscere i materiali, le loro caratteristiche e costi per poi riuscire ad applicarli al meglio.

Nella terza parte si trattano: l’isolamento interno e il cappotto esterno sempre nell’ottica della riqualificazione degli edifici con la relativa messa in opera e i possibili errori di posa.

Un focus fondamentale del testo è l’analisi dei ponti termici e la soluzione dei nodi fondamentali: parete-solaio, sbalzi, tetto, isolamento del tetto e ultimo solaio.

L’analisi degli elementi quali finestre, davanzali, serramenti e cassonetto, rappresenta il cuore dell’ultima parte del manuale.

Paolo De Martin
Architetto libero professionista, consulente energetico per l’Agenzia CasaClima dal 2002. Svolge per conto dell’Agenzia CasaClima e altri enti attività di formazione tecnica a convegni, seminari e fiere di settore in ambito nazionale e internazionale sul tema della progettazione energeticamente efficiente e sul risanamento dell’esistente.
Paolo De Martin, 2021, Maggioli Editore
52.00 € 49.40 €

Foto:iStock.com/aydinmutlu


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here