Home Progettazione Appalti Cantieri e aumento prezzi rilevati dal Mims: in Gazzetta il Decreto con...

Cantieri e aumento prezzi rilevati dal Mims: in Gazzetta il Decreto con l’elenco dei materiali

I materiali da costruzione monitorati dal MIMS sono 56 e tra questi rientrano: ferro - acciaio tondo per cemento armato, acciaio corten e rame. Escluso il legno strutturale

10824
aumento prezzi materali

Aggiornamento del 13 dicembre 2021_Il MIMS interviene con una rettifica dell’allegato 1 e dell’allegato 2 del decreto 11 novembre 2021 caro materiali.

La rettifica è nel decreto 7 dicembre 2021 del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.294 dell’11 dicembre 2021 e interessa il prezzo medio annuo relativo al materiale Tubazioni in ghisa sferoidale per acquedotti.

Il termine di quindici giorni per la presentazione delle istanze di compensazione da parte delle imprese resta comunque quello stabilito con decorrenza dalla data di pubblicazione del decreto ministeriale 11 novembre 2021 nella Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 279 del 23 novembre 2021.

Così come il termine di sessanta giorni (22 gennaio 2022) per la presentazione delle istanze di accesso al Fondo.

**26 novembre 2021_Pubblicato in Gazzetta Ufficiale, del 23 novembre 2021, il secondo Decreto con la rilevazione dell’aumento dei prezzi. Il decreto si aggiunge a quello emanato il 30 settembre 2021 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 ottobre 2021) che stabilisce i criteri di ripartizione risorse e accesso al Fondo Adeguamento Prezzi >ne avevamo parlato meglio qui<

A meno di due giorni dall’uscita del secondo Decreto in Gazzetta, è stata emessa una circolare del MIMS che fornisce le indicazioni sulla procedura da seguire per riconoscere le compensazioni alle imprese di costruzioni > qui tutti i dettagli <

La Commissione Consultiva Centrale si era riunita il 10 novembre 2021 per analizzare la situazione prezzi dei materiali che hanno subito aumenti oltremisura nel primo semestre 2021, in confronto alla media dell’anno 2021.

L’obiettivo è quello di intervenire attraverso delle compensazioni a favore delle imprese.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

I materiali da costruzione, monitorati dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (MIMS), sono 56 e tra questi rientrano: ferro – acciaio tondo per cemento armato (+43%), lamiere in acciaio Corten (+50%), fili di rame conduttori (+32%), tubazione in PVC rigido (+21%).

Presenti alla riunione: i rappresentanti del MIMS e del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e i rappresentanti di Ance, Aiscat, Agenzia delle Entrate, Anas, Anci, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Finco, Federcasa, Istat, RFI, Unioncamere.

Un incontro che si è reso necessario anche in vista della pubblicazione del decreto (era atteso entro il 31 ottobre 2021 ma è stato pubblicato in Gazzetta il 23 novembre 2021) con il quale il MIMS rileva le variazioni percentuali dei singoli prezzi superiori all’8% intervenute nel primo semestre 2021 e dal quale, dunque, dipenderanno le compensazioni a favore delle imprese.

Ricordiamo che la ripartizione delle risorse tra piccole, medie e grandi imprese viene disciplinata dal Decreto Ministeriale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 settembre 2021.

L’istituzione del Fondo è avvenuta con il Decreto Sostegni-bis (Legge 106/2021) con l’obiettivo di calmierare la crescita continua dei prezzi delle materie prime in edilizia. Ne abbiamo parlato in maniera più approfondita in questo articolo > Rincaro materie prime, contro l’aumento dei prezzi arriva un Fondo di 100 milioni <

Potrebbe interessarti: Rincari e reperimento materie prime, rischi per Superbonus e risorse del PNRR

+ 8% per 36 dei 56 materiali monitorati

La documentazione trasmessa dal MIMS in vista della riunione della commissione prezzi rileva incrementi percentuali, calcolati come media ponderata dei dati forniti dai tre rilevatori – Provveditorati, Unioncamere e Istat – superiori all’8% per 36 dei 56 materiali oggetto della rilevazione (Allegato 1).

I 56 materiali sono gli stessi, sui quali il Ministero ha calcolato le variazioni percentuali anche per gli anni 2003-2019 per tener conto dei diversi anni di offerta (Allegato 2).

Le tabelle sono state approvate a maggioranza dalla Commissione e verranno poste alla base del decreto relativo al caro materiali del 1° semestre 2021.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2022: tutte le novità sui bonus edilizi

ANCE: gli aumenti sono maggiori e mancano alcuni materiali all’appello

Tuttavia ANCE ha evidenziato che per molti materiali gli aumenti rilevati sono di intensità molto inferiore rispetto alla realtà dei cantieri, per tale motivo l’associazione ha espresso la sua contrarietà all’approvazione delle tabelle.

L’ANCE, attraverso un comunicato stampa, ha fatto sapere che continuerà la sua azione in tutte le sedi opportune per far riconoscere alle imprese compensazioni all’altezza degli elevati incrementi di prezzo dei materiali registrati in questi mesi.

Per l’associazione occorre, inoltre, inserire per le rilevazioni alcuni materiali aggiuntivi all’attuale elenco dei 56 monitorati, ovvero: energia elettrica, calcestruzzo e gas naturale.

Non perderti: Asseverazione Bonus Facciate: le novità dopo il Decreto anti-frodi

Legno strutturale: il grande assente

Angelo Luigi Marchetti, presidente di Assolegno di FederlegnoArredo, ha evidenziato una problematica che rischia di causare una perdita per 60 milioni di euro: “140 cantieri, 60 milioni di perdita ed esuberi sino a 1.800 unità. Sono queste le cifre stimate per il comparto industriale legato al settore dell’edilizia in legno, qualora il decreto del Mims che regolerà la lista dei prodotti oggetto di compensazione in materia di caro materiali all’interno dei bandi pubblici, non contemplasse il legno”.

Per Marchetti “Se non verrà trovata quanto prima una soluzione, inquadrando con chiarezza la situazione del legname da costruzione all’interno del decreto, si potrebbe innescare un pericoloso effetto domino su tutto il settore delle costruzioniIn tal senso abbiamo avviato un costante e proficuo dialogo con le istituzioni che confidiamo porti a una risoluzione positiva del problema”.

>> Le capriate in legno, il sistema strutturale raccontato in un docufilm

Per il Presidente di di Assolegno, le perdite potrebbero essere ancora più ampie in quanto la situazione riguarderà tutte le opere in cui si prevede l’utilizzo del materiale legno, come ad esempio nella realizzazione di una copertura. Infatti, anche in questo caso la compagine appaltante avrà delle effettive difficoltà di accesso al fondo di compensazione previsto dal Governo. E dato che nel 2020 il legno da costruzione ha subito aumenti tra il 180% e 230% sono facilmente intuibili le conseguenze negative sia per la filiera che per la collettività in termini di servizi e infrastrutture non completate.

>> Stai seguendo un progetto? In questa sezione proponiamo soluzioni che possono aiutarti nella scelta di prodotti e tecniche da applicare in cantiere

“Ci sembra paradossale – conclude Marchetti – che proprio nel momento storico in cui la sostenibilità è obiettivo primario dell’Europa e perno delle politiche del governo nazionale, venga scarsamente considerato proprio il materiale sostenibile per eccellenza, ovvero il legno strutturale che, più di ogni altro è in grado di aiutare il settore edile nel processo di transizione ecologica che porti a considerare il comparto delle costruzioni non più fonte di emissione di CO2 ma possibile bacino di stoccaggio della stessa”.

Consigliamo

Pratica strutturale: edifici in legno realizzati in X-Lam

Pratica strutturale: edifici in legno realizzati in X-Lam

Con gli obblighi imposti dai recenti aggiornamenti normativi e in particolare dalle NTC 2018, è diventato necessario produrre calcoli strutturali anche per le strutture in legno, al pari degli altri materiali: questo nuovo Manuale offre al lettore gli strumenti indispensabili per affrontare la progettazione e le fasi successive, fino al collaudo.
Con un approccio operativo, il volume esplica la materia (dalle prescrizioni sui materiali al calcolo strutturale, passando per le verifiche sismiche, le connessioni e la fase esecutiva) ed approfondisce l’aspetto di direzione lavori di una struttura in X-Lam, la fase di collaudo e la manutenzione successiva.

Arricchita da un ampio repertorio di casi svolti e progetti realizzati, l’Opera comprende anche gli algoritmi base per le verifiche strutturali e un elenco essenziale di risorse per il calcolo strutturale reperibili sul web.

Andrea Costa, Titolare dello Studio XLam Architectures, specializzato in progettazione architettonica e strutturale edifici di legno, edifici certificati a basso impatto ambientale, opere civili, industriali e sportive di legno massiccio, lamellare e X-Lam. Collabora come libero professionista con imprese specializzate nel settore della bioedilizia e delle strutture di legno. Si occupa di progettazione specialistica di strutture in legno lamellare e massiccio; fattibilità strutturale di opere complesse e di grande luce, perizie di adeguamento e consolidamento strutturale; collaudi statici di opere in legno, acciaio, muratura e c.a.; verifiche di resistenza al fuoco di strutture in legno e in legno-acciaio; conferenze specialistiche finalizzate all’aggiornamento professionale di Ingegneri ed Architetti ed all’integrazione educativa di studenti di Facoltà tecniche.

VOLUMI COLLEGATI
• Norme tecniche per le costruzioni 2018,A. Barocci, I ed., 2018
• La progettazione strutturale su edifici esistenti, F. Cortesi, L. Ludovisi,V. Mariani, I ed., 2018
• Calcolo strutturale delle sezioni in cemento armato, S. Ferretti, I ed., 2018
• La certificazione delle strutture in acciaio secondo la norma UNI EN 1090, F. Manzone, I ed., 2018

Leggi descrizione
Andrea Costa, 2018, Maggioli Editore
33.00 € 31.35 €
Progettare strutture in acciaio

Progettare strutture in acciaio

Questo volume supporta il progettista di strutture in acciaio ad applicare correttamente le ultime novità normative in un settore in cui l’aggiornamento si sviluppa con velocità e complessità sempre maggiori.

L’opera tiene conto, infatti, delle norme tecniche per le costruzioni (NTC18), della circolare applicativa (7/2019) e delle attuali normative di progettazione ed esecuzione.

Il regolamento europeo sulle costruzioni “CPR” sta ampliando sempre più il proprio parco di norme armonizzate, rendendo di fatto obbligatorio un aggiornamento costante anche per chi progetta.

Queste novità non hanno cambiato l’obiettivo del volume che rimane quello di essere il testo di riferimento per i progettisti che, senza addentrarsi troppo nella teoria che sta alla base dell’Eurocodice 3 (anzi spesso per non appesantire troppo la trattazione si fa riferimento alla prima e più intuitiva versione dell’Eurocodice), vogliono capire gli strumenti che devono usare anche attraverso esempi di utilizzo dei codici di calcolo.

E sono proprio i numerosi esempi presenti nel volume che rendono il testo adatto non solo a progettisti con esperienza ma anche a chi si appresta ad entrare per la prima volta nel mondo della progettazione di strutture in acciaio. 

Rimangono dalla precedente edizione i file Excel allegati al volume che aiutano i progettisti nella pratica professionale sia nella verifica di strutture semplici sia nel pre-dimensionamento di strutture complesse da verificare poi con programmi di calcolo specifici.

È stata aggiunta completamente una parte che aiuterà il progettista ad interfacciarsi con le officine che poi realizzeranno le sue idee, focalizzando l’attenzione su alcuni nuovi temi come la marcatura CE dei componenti strutturali in acciaio e la classe di esecuzione dei componenti strutturali in acciaio.

Eugenio Berlini
Ingegnere nucleare, lavora presso Istituto Giordano S.p.A. Welding Engineer e II livello ISO 9712. Ispettore per le norme ISO 9001, ISO 3834, EN 1090 e PED. Responsabile qualifiche saldatori e procedimenti di saldatura. Vice direttore CPR.
Matteo Antonini
Ingegnere edile con pluriennale esperienza nell’attività di project management, controllo tecnico, progettazione e direzione dei lavori nel settore delle costruzioni edili.
Lorenzo Mussinelli 
Ingegnere libero professionista specializzato nella progettazione e direzione lavori strutturale e nel coordinamento della sicurezza di opere civili ed industriali.
Fulvio Re Cecconi 
Ingegnere, professore associato di Produzione Edilizia presso il Dipartimento ABC del Politecnico di Milano, autore di numerose pubblicazioni internazionali e nazionali.

 

Leggi descrizione
Fulvio Re Cecconi, Matteo Antonini, Eugenio Berlini, Lorenzo Mussinelli, 2020, Maggioli Editore
44.00 € 41.80 €
Tecniche di diagnosi, riparazione e miglioramento di strutture in calcestruzzo armato degradate

Tecniche di diagnosi, riparazione e miglioramento di strutture in calcestruzzo armato degradate

Il problema del degrado delle strutture ed infrastrutture in calcestruzzo armato in Italia ha assunto negli ultimi anni il carattere di vera emergenza. Il manuale tratta vari casi di interventi sulle strutture esistenti in calcestruzzo armato ponendosi quale ideale complemento del testo sul Degrado delle Strutture in Calcestruzzo Armato curato da Felitti e Mecca.

L’opera, illustrando alcuni interventi realizzati dagli stessi Autori nello loro ultraventennale attività professionale, offre suggerimenti e spunti di approccio ai problemi che il progettista ed il costruttore si trovano più comunemente ad affrontare. Per tutti i casi studio il testo accenna all’esigenza “storica” (in funzione del dettato normativo)
che influenza la capacità e l’accuratezza delle analisi sul comportamento del calcestruzzo armato, che nel tempo hanno visto il modificarsi sia delle tecniche di rilievo del danno e sia delle modalità di intervento. Allo stesso modo si sono modificati gli obiettivi progettuali passando dagli approcci prescrittivi a quelli prestazionali.

Vengono esaminati, con dovizia di immagini e schemi commentati, casi che riguardano interi sistemi strutturali e interventi locali (travi, pilastri, fondazioni, ecc.).

Matteo Felitti
Titolare dello studio tecnico ENGINEERING & CONCRETE CONSULTING, si occupa principalmente di calcolo strutturale, dissesti statici nelle costruzioni esistenti, degrado dei materiali e risoluzione contestazioni in collaborazione con lo Studio Legale dell’Avv. Paola Tucci.
Svolge, inoltre, attività di consulenza tecnologica presso importanti Aziende che operano nel settore della prefabbricazione e della fornitura di calcestruzzi prestazionali. Docente Esterno di “Calcolo Automatico delle Strutture” presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II (Titolare Cattedra: Prof. Francesco Marotti de Sciarra). Certificato Livello 2 per i metodi PND: ES-MG-MO-PC-SC-UT-VT. Certificato Livello 3 per i metodi PND: TT. Settore: Ingegneria Civile, Beni Culturali e Architettonici. Autore di testi e pubblicazioni per collane e riviste di settore.
Lucia Rosaria Mecca
Ingegnere strutturista, titolare dello studio MECCAINGEGNERIA nel quale si occupa prevalentemente di progettazione e direzione lavori di opere ed infrastrutture realizzate in ambito civile ed industriale. Svolge attività di consulenza negli ambiti dell’ingegneria geotecnica e strutturale per Professionisti, importanti Società ed Aziende operanti in ambito nazionale ed internazionale. È direttore tecnico e socio titolare della Geomonitor srl, società di Ingegneria specializzata nel settore delle prove, dei monitoraggi e dei controlli non distruttivi, per i quali possiede la qualifica di Esperto. Autrice di testi e pubblicazioni per collane e riviste di settore.

Leggi descrizione
Matteo Felitti, Lucia Rosaria Mecca, 2019, Maggioli Editore
29.00 € 27.55 €

Foto:iStock.com/inyoun


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here