Home Gli articoli dei nostri autori Presenza di amianto in condominio: verifica e comunicazione spettano all’amministratore

Presenza di amianto in condominio: verifica e comunicazione spettano all’amministratore

Qui spieghiamo il ruolo dell'amministratore in caso di segnalazione della presenza di amianto da parte di un condomino

470
Amianto in condominio amministratore

Non è raro che in condominio le il rivestimento o le coperture dei boxes o dell’edificio siano fatte di materiale contenente amianto. Nel caso in cui il condominio presenti una parte dell’immobile o un manufatto che sia composto da amianto, come deve procedere un condomino?

Prima di analizzare nel dettaglio cosa fare e qual è il ruolo dell’amministratore di condominio, ricordiamo che con il termine generico amianto, secondo il TUSL, si individuano alcuni minerali silicatici fibrosi di origine naturale, sfruttati commercialmente (Crisotilo, Crocidolite, Amosite, Tremolite, Antofillite e Actinolite).

>> Vorresti ricevere notizie come questa? Clicca qui, è gratis

Le caratteristiche tecniche dell’amianto e il costo contenuto, lo hanno reso, in passato, versatile per la realizzazione di diverse miscele, principalmente con cemento, plastiche, bitumi e vernici, ed alla lavorazione e produzione di oltre tremila tipologie di manufatti contenenti amianto con percentuali variabili tra il dieci e il novantotto per cento in peso.

Non perderti: Ok Superbonus per rimozione amianto

La classificazione dell’amianto a livello europeo

Come spiegato nel quaderno Inail “Bonifica da amianto: iter procedurali e figure professionali coinvolte”, a seguito di numerosi studi epidemiologici che hanno dimostrato, già a partire dagli anni ’60 del secolo scorso, la cancerogenicità di tali fibre, tutti i sopracitati minerali di amianto sono stati riconosciuti dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) come cancerogeni per l’uomo.

L’amianto è stato poi classificato dalla normativa europea in materia (Regolamento CE 1272/2008 inerente la “Classificazione, etichettatura ed imballaggio di sostanze e miscele”) in Categoria di pericolo 1A, Categoria di pericolo STOT RE 1 e le indicazioni di pericolo sono:

  • H350: può provocare il cancro;
  • H372: provoca danni agli organi in caso di esposizione prolungata e ripetuta.

La legge 257/1992 pur stabilendo il divieto di estrazione – importazione – esportazione – commercializzazione – produzione di amianto, di prodotti di amianto, di prodotti contenenti amianto, ha consentito l’utilizzo di quanto già prodotto fino al 2005 e tuttora non impone l’obbligo di dismissione di tale sostanza o dei materiali che la contengono in edifici, impianti, mezzi di trasporto, etc.

Pertanto, si può dire che i Materiali contenenti amianto (Mca) sono tutt’oggi presenti in diversi ambiti di vita e di lavoro. Una presenza , a detta dell’INAIL, ancora molto rilevante.

Leggi anche: Contaminazione suoli amianto. Come intervenire in questi casi?

Amianto in condominio: il ruolo dell’amministratore

Anche se la legge non richiede espressamente la bonifica, sono stati stabiliti numerosi provvedimenti normativi ed applicativi con il fine di definire modalità di censimento dei siti con presenza di amianto, di valutazione del rischio specifico, di gestione dei manufatti contenenti amianto, di attuazione degli interventi di bonifica, nonché di gestione e smaltimento dei Rifiuti contenenti amianto (Rca).

In particolare, per quanto riguarda il caso del condominio, va ricordato che l’amministratore ha la responsabilità delle parti condominiali comuni. L’articolo 1130, comma 1 n.4 del CC, prevede che l’amministratore compia gli atti conservativi relativi alle parti comuni dell’edificio pertanto in caso di inadempimento, risponde dei danni verso il condominio.

Nel caso in cui da parte di un condomino venga fatta una segnalazione sulla presenza di amianto in un edificio condominiale, spetta all’amministratore eseguire un censimento ed una mappatura dei manufatti in amianto presenti nelle parti comuni, dando l’incarico ad un tecnico abilitato.

La comunicazione all’assemblea dovrà quindi avvenire nell’immediato. L’assemblea dovrà poi optare per la bonifica o la rimozione.

Per evitare conseguenze penali, l’amministratore, inoltre, è obbligato al controllo dei manufatti interessati e dovrà quindi far presente la situazione alla Asl competente.

Consigliamo

E se durante i lavori si rinvengono materiali contenenti cemento amianto? Nella  Guida ai Piani di Sicurezza 2.0 sono presenti esempi di check-list per la verifica del cantiere da parte dell’impresa, un valido aiuto per orientarsi tra la moltitudine di adempimenti da rispettare.

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

La guida è aggiornata con il capitolo “Integrazione ai Piani di Sicurezza – Rischio Covid-19” a cura di Marco Ballardini e Carmine Moretti.

L’aggiornamento, completo di oltre 50 moduli editabili e personalizzabili, fornisce strumenti utili e indicazioni da seguire nella gestione dell’emergenza legata alla diffusione dell’infezione da COVID-19 nei cantieri.

Si è voluto dare al testo un taglio pratico, sulla base dell’esperienza maturata in questo periodo nella consulenza, con esempi precompilati di documenti specifici, di procedure, di protocolli, di check list, di segnaletica, utilizzabili per gestire il rischio di contagio da COVID-19 in cantiere.

Nell’aggiornamento vengono prese in considerazione TUTTE le attività operanti in una impresa edile e/o in un cantiere, suddivisi per comodità di consultazione in 3 gruppi: Artigiani, ditte individuali e lavoratori autonomi che operano in cantiere, senza lavoratori; Imprese edili che operano in cantiere, con lavoratori dipendenti o soci lavoratori dipendenti o soci lavoratori; Adempimenti del Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione

Questa nuova Guida ai Piani di Sicurezza 2.0, giunta alla seconda edizione, si rinnova e si aggiorna allo stato dell’arte tecnico e normativo per offrire un vero e proprio percorso guidato per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), del Fascicolo Tecnico (FT), del Piano Operativo di Sicurezza (POS) e del Piano Sostitutivo di Sicurezza (PSS), accompagnando il lettore passo per passo nella redazione, nell’organizzazione e nella gestione della documentazione.

Le schede delle lavorazioni e la modulistica, scaricabili dal cloud, sono editabili e personalizzabili secondo le specifiche esigenze e sono state aggiornate mantenendo l’impostazione grafica innovativa della precedente edizione, con l’aggiunta di alcune funzionalità per facilitare il lavoro.

È stata mantenuta e arricchita anche la segnaletica relativa ai DPI necessari per il corretto svolgimento delle lavorazioni.

In linea con le richieste esplicitate negli anni dagli organi di controllo, questa guida offre uno strumento operativo chiaro, comprensibile e preciso, ulteriormente migliorato e affinato dall’esperienza maturata dagli Autori nel corso di una pluriennale pratica professionale sui cantieri come responsabili e coordinatori della sicurezza.

Questa nuova edizione approfondisce ed estende la trattazione con ulteriori schede macchine, gruppi omogenei e schede di lavorazione, come per esempio:
• bonifica di ordigni bellici;
• incidenti stradali e sicurezza dei luoghi;
• scavi archeologici;
• allestimento segnaletica stradale;
• aggiornamento scheda bonifica amianto.

Inoltre, i contenuti delle schede macchine, dei gruppi omogenei e delle schede di lavorazione già presenti nella precedente edizione sono stati integrati con i rischi da esposizione a Campi Elettromagnetici (CEM) e da Radiazioni Ottiche Artificiali (ROA).

Rivestono particolare importanza, inoltre, le indicazioni riguardanti la gestione dei documenti durante le fasi del cantiere, specialmente per quanto concerne le modalità di aggiornamento.

Sono presenti chiare istruzioni per esercitare correttamente il coordinamento e il controllo di cantiere, mediante verbali, moduli e aggiornamenti: non solo delle interferenze e delle lavorazioni, ma anche delle imprese e dei lavoratori autonomi, sia dal punto di vista dell’impresa affidataria e/o esecutrice che del coordinatore.

Un’altra novità di questa guida è rappresentata dall’inserimento di una sezione dedicata alla modellazione e al BIM (Building Information Modeling) nella gestione della sicurezza in cantiere.

 

Luca Lenzi
Ingegnere della sicurezza, è docente e coordinatore presso l’Istituto Professionale Lavoratori Edili della Provincia di Bologna e docente a contratto presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna nonché titolare dello studio di ingegneria omonimo. In ambito cantieristico vanta un’esperienza ventennale nel Coordinamento sia in Progettazione che in Esecuzione e segue come consulente o RSPP importanti imprese operanti in ambito edile e del restauro.
Carmine Moretti
Ingegnere ambientale, è consulente aziendale e titolare dello studio TMA Srl di Bologna. Si occupa dal 2003 di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e ambiente. È consulente per aziende con sedi dislocate in varie regioni del territorio nazionale. Negli ultimi anni ha realizzato e curato diverse pubblicazioni in materia di sicurezza sul lavoro.
Francesco Loro
Ingegnere edile, è docente di progettazione, costruzioni, impianti e disegno tecnico presso istituti tecnici e professionali. Da sempre appassionato di modellazione dell’architettura, si occupa da anni di sicurezza aziendale e organizzazione del cantiere fornendo consulenza e collaborando con aziende e professionisti nell’ambito della progettazione e del cantiere.

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore
56.00 € 53.20 €

Da non perdere

L’e-book Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti è una guida idonea a fornire informazioni utili e pratiche per affrontare la gestione dei materiali con presenza di amianto (con una spiccata attenzione anche alle questioni permessualistiche) e si rivolge ad utenti pubblici, ma anche a privati, ad amministratori di condomini o a proprietari di edifici industriali.

Foto:iStock.com/ricochet64


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here