Home Bonus Edilizia Ok Superbonus per rimozione amianto

Ok Superbonus per rimozione amianto

Ma è necessario che l'intervento sia effettivamente realizzato e che i costi siano strettamente collegati alla realizzazione degli interventi agevolabili

1304
Superbonus rimozione amianto

È possibile far rientrare nella super agevolazione le spese sostenute per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto, ma ad una condizione: i costi devono essere strettamente collegati alla realizzazione degli interventi agevolabili.

A dirlo è l’Agenzia delle Entrate in risposta all’interpello n. 672 del 6 ottobre 2021, dove l’istante chiede chiarimenti sui lavori da effettuare su un appartamento in condominio per accedere al Superbonus, che prevedono la coibentazione delle strutture opache, il cambio dei serramenti, la nuova installazione di impianto fotovoltaico con accumulo e l’installazione di sistemi BACS.

>> Vorresti ricevere notizie come questa? Clicca qui

Vediamo nel dettaglio cosa ne pensa l’Agenzia a proposito di Superbonus e rimozione amianto e quali sono le condizioni che devono sussistere.

Leggi anche: Bando ISI-INAIL 2021: in arrivo fondi per 273 milioni per la sicurezza

Superbonus per rimozione amianto: ecco quando è possibile

La possibilità di far rientrare nel Superbonus i lavori di rimozione e smaltimento amianto esiste, ma per le Entrate tali interventi ottengono il Superbonus se si dimostra che sono strettamente collegati ai lavori agevolabili, inoltre, è necessario che l’intervento a cui si riferiscono i lavori sia effettivamente realizzato.

Le Entrate si tirano indietro nel dare un parere sulla possibilità di collegare o meno lavori di questo tipo, difatti demanda la valutazione ad un competente tecnico abilitato, che ne attesti non solo la rispondenza ai pertinenti requisiti richiesti nei casi e nelle modalità previste dal decreto interministeriale 6 agosto 2020, ma anche la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

Potrebbe interessarti: Requisiti tecnici Superbonus: mappa degli allegati che servono

Da non perdere

L’e-book Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti è una guida idonea a fornire informazioni utili e pratiche per affrontare la gestione dei materiali con presenza di amianto (con una spiccata attenzione anche alle questioni permessualistiche) e si rivolge ad utenti pubblici, ma anche a privati, ad amministratori di condomini o a proprietari di edifici industriali.

Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti

Amianto: Guida pratica per la gestione dei manufatti

M.C. Di Cosimo, 2015, Maggioli Editore

Questo e-book si configura come una guida idonea a fornire informazioni utili e pratiche per affrontare la gestione dei materiali con presenza di amianto (con una spiccata attenzione anche alle questioni permessualistiche) e si rivolge ad utenti pubblici, ma anche a privati, ad amministratori di...



Superbonus e tetto

Nelle coperture dei tetti italiani possono esserci tracce di amianto, con l’occasione del Superbonus molti proprietari vorrebbero rifarlo prevedendo una giusta coibentazione, quindi rimuovere e smaltire il materiale fibroso.

>> Contaminazione suoli amianto. Come intervenire in questi casi?

Come ha precisato le Entrate è possibile usare la super detrazione ma è utile fare un riepilogo su quando e quali sono le principali condizioni affinché il superbonus sia riconosciuto per la coibentazione del tetto, ovvero è necessario:

  • che il tetto sia elemento di separazione tra il volume riscaldato e l’esterno;
  • che venga garantito il salto di due classi energetiche per l’edificio;
  • che in totale gli interventi di coibentazione eseguiti sull’involucro opaco incidano su più del 25% della superficie lorda complessiva disperdente.

Leggi anche questi articoli su superbonus e tetto:

>> Coibentazione tetto: sì al 110 se non si esegue anche quella del solaio sottostante

>> Superbonus. Nella superficie disperdente lorda, no superficie tetto se sottotetto non riscaldato

>> La coibentazione tetto è intervento trainato Superbonus

Tecnico abilitato e asseverazione

Ricordiamo che in caso di Superbonus sono necessari:

il visto di conformità – che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta, rilasciato dagli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni, nonché dai Caf;

un’attestazione o asseverazione – che asseveri non solo il rispetto dei requisiti tecnici necessari ai fini delle agevolazioni fiscali, ma anche la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

Ricordiamo a proposito del ruolo del tecnico abilitato che questi deve dichiarare il rispetto dei requisiti come indicato dal progetto, degli attestati di prestazione energetica preliminari e delle caratteristiche tecniche dei componenti acquistati, come segnalano anche le schede tecniche fornite dai produttori e le fatture allegate.

Dovrà inoltre dichiarare:

  • di voler ricevere ogni comunicazione con valore legale (per evitare eventuali contestazioni),
  • che il massimale della polizza assicurativa (che sarà allegato all’asseverazione, che altrimenti sarà priva di valore), è adeguato al numero delle asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi in oggetto.

Nei casi in cui l’asseverazione sia riferita a uno stato di avanzamento dei lavori (Sal), quest’ultimo deve essere di almeno il 30% del valore economico complessivo dei lavori preventivati per il primo Sal e del 60% per il secondo > leggi anche Superbonus, in un intervento con più bonus aumentano anche i SAL <

Tra l’asseverazione di stato avanzamento lavori e quella di chiusura degli stessi non possono passare più di 48 mesi > qui abbiamo raccolto tutte le info sull’asseverazione superbonus <

Consigliamo:

Il primo Manuale di progettazione per la riqualificazione energetica sugli aspetti fiscali del Superbonus 110. Indicazioni pratiche sulla progettazione dell’efficienza energetica al fine di garantire il doppio salto di classe e le performance richieste dalla normativa in materia.

Da non perdere:

L’ebook, Superbonus 110. Come evitare e gestire il contenzioso, analizza quello che potrà essere il contenzioso nascente dalle procedure di applicazione della normativa sul Superbonus.

Vengono trattati non sono gli aspetti civilistici – in particolare in tema di responsabilità delle diverse figure coinvolte – ma anche quelli tributari e penalistici.

Foto:iStock.com/ArjanL


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here