Home Bonus Edilizia Cappotto termico condominio, soluzioni per non restringere i balconi aggettanti

Cappotto termico condominio, soluzioni per non restringere i balconi aggettanti

Non tutti sono d'accordo nel vedersi ridurre lo spazio calpestabile del balcone a causa dell'intervento di isolamento della facciata, che porta con sé un aumento di spessore delle pareti

2174

Il cappotto, croce e delizia della maggior parte degli gli interventi condominiali per i quali si punta al Superbonus, dato che spesso e volentieri la sostituzione della caldaia centralizzata non basta al salto di due classi. Ma l’intervento è anche quello sul quale il dibattito è più acceso quando l’edificio è dotato di balconi aggettanti, destinati necessariamente a restringersi a causa dell’aumento di spessore delle pareti. E poi ci sono casi in cui il cappotto esterno non è proprio ammesso dalle norme. 

Vediamo dunque cosa si può fare e a cosa prestare attenzione prima di presentare uno studio di fattibilità per questi lavori.

Cappotto termico condominio, soluzioni per non restringere i balconi aggettanti

Sì all’ampliamento delle dimensioni 

Il decreto Semplificazioni ha introdotto una serie di modifiche all’art. 119  del decreto Rilancio anche per quel che riguarda il cappotto. Al comma 3 è stato chiarito infatti che gli interventi di dimensionamento del cappotto termico non concorrono al conteggio della distanza e dell’altezza, in deroga alle distanze minime riportate all’articolo 873 del codice civile. Si può progettare, dunque, un intervento di questo tipo anche quando ci sono palazzi vicini, senza rischiare alcun tipo di contenzioso sulle distanze. 

Quando ci sono balconi aggettanti 

L’intervento di coibentazione per essere efficiente, d’altra parte, deve ovviamente prevedere un ampliamento di spessore di più di qualche centimetro per le facciate, per risultare determinante per il salto di due classi. Questo comporta necessariamente la riduzione dello spazio vivibile dei balconi, e non è detto che tutti i proprietari siano dell’idea, a prescindere dalla possibilità di ottenere un risparmio in bolletta. Difficile contestare i lavori quando sono partiti, perché in questo caso il giudice potrebbe dar ragione al condominio e ritenere prevalente l’interesse comune se i condomini non si sono attivati in anticipo, pur essendo a conoscenza delle relative problematiche.

Di questo tema ne abbiamo già parlato qui: Restringimento balconi cappotto termico superbonus.
Non può astenersi il singolo condomino

Diverso invece il caso in cui non sia presentato un progetto dettagliato: la delibera presa a maggioranza sarebbe nulla perché va ad incidere sulla proprietà privata. Quindi poiché oggi nessuno si azzarderebbe a presentare un progetto senza specificare la portata dell’intervento, qualunque proprietario di balconi ha il diritto di opporsi ai lavori e di bloccarli, semplicemente comunicando la sua intenzione di rivolgersi al tribunale per tutelare i suoi diritti.  

Ricevi direttamente le risposte dei nostri autori ai dubbi sui bonus edilizi.
>>> Clicca qui

Se il palazzo è d’epoca o nel centro storico

Inutile prospettare di effettuare il cappotto, poi, quando il palazzo è d’epoca, ossia costruito prima del 1945, oppure quando si trova nel centro storico o in una zona tutelata da vincoli paesaggistici. Anche con l’arrivo della nuova CILAS, infatti, è stato confermato che questo tipo di intervento non è ammesso senza il via libera della Sopraintendenza.

Dunque di fatto non è mai possibile nelle zone vincolate, dato che qui non è ipotizzabile un aumento delle dimensioni del palazzo, e in ogni caso qualora fossero consentiti interventi di questo tipo occorrerebbe salvaguardare i decori d’epoca, recuperandoli e riposizionandoli. E  se si volesse intervenire solo sulle facciate interne non visibili dalla strada? In questo caso l’agevolazione è ammessa a patto ovviamente che la superficie disperdente lorda da trattare superi il 25% del totale, cosa assai improbabile considerando che nei palazzi d’epoca il lastrico o il tetto copre direttamente gli appartamenti, e quindi la sua superficie rientra nel calcolo complessivo. 

Potrebbe interessarti: Cessione credito e sconto in fattura, 3 opzioni col bonifico parlante

Solo materiali certificati

A conti fatti, dunque, questo tipo di interventi è possibile nel caso di condomini più piccoli, di periferia e di piccole dimensioni, nei quali non ci sono balconi aggettanti, oppure nei grandi condomini composti da più palazzine. In ogni caso quando si decide per un intervento di questo possono essere utilizzati solo materiali isolanti dotati di adeguata certificazione, secondo quanto precisato da ENEA  che ha pubblicato una scheda ad hoc sul sito. Le certificazioni ovviamente sono obbligatorie anche nel caso di utilizzo di materiali prodotti all’estero.

Infine non va dimenticato che il tecnico asseveratore deve certificare anche  la rispondenza dei materiali ai CAM, ossia ai Criteri Ambientali Minimi previsti dal DM 11 ottobre 2017, requisito indispensabile come previsto dalla lettera a) del comma 1 dell’art. 119 del decreto Rilancio. Tra questi criteri ci sono anche quelli specifici relativi alla resistenza agli incendi.

>>> NOTA SULLA PRESTAZIONE DEI MATERIALI ISOLANTI 

Leggi: Il cappotto termico è ignifugo se della giusta classe

Consigliamo

quest’ottima guida pratica sulla cessione credito, sconto in fattura e Superbonus a cura di Antonella Donati, ricca di casi ed esempi utili al progettista così come a chiunque voglia usufruire delle agevolazioni edilizie.

Superbonus 110%

Superbonus 110%

Antonella Donati, 2021, Maggioli Editore

Il Superbonus 110%, prorogato al 2022, continua a essere fonte di dubbi e criticità anche in considerazione dei diversi interventi interpretativi dell’Agenzia delle Entrate. Il presente testo vuole essere uno strumento operativo per affrontare le questioni più problematiche...



Superbonus e condominio

Superbonus e condominio

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Maggioranza ridotta per l'approvazione delle delibere in materia di Superbonus. Questa la principale novità in questo scorcio d'anno per quel che riguarda l'attività dell'amministratore di condominio. Nell'ebook, in formato pdf di 71 pagine, una panoramica delle ultime...



Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

L’asseverazione o perizia tecnica asseverata è una particolare forma di perizia in cui il relatore afferma che tutto quanto viene riportato è veritiero: si assume la responsabilità della veridicità di tutto quanto viene riportato e, di conseguenza, risponde...



Foto: iStock/brizmaker


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here