Home Bonus Edilizia Assicurazioni e Superbonus 110%: cosa rischiano i professionisti in caso di asseverazioni...

Assicurazioni e Superbonus 110%: cosa rischiano i professionisti in caso di asseverazioni errate?

Per i lavori legati all'efficientamento energetico, il tecnico si deve avvalere di una buona copertura assicurativa nel caso di dichiarazioni errate o mendaci. Ecco un supporto per garantire il corretto risarcimento dei danni

379

Con l’introduzione del SuperBonus 110%, secondo il Decreto Rilancio i professionisti abilitati a certificare i requisiti tecnici e la congruità della spesa effettuata – gli asseveratori – sono obbligati a sottoscrivere una copertura assicurativa di Responsabilità Civile specifica. In particolare, i professionisti che possono rilasciare asseverazioni sui requisiti tecnici circa gli interventi di risparmio energetico agevolati sono quelli abilitati alla progettazione di edifici e impianti, quindi architetti, ingegneri e geometri.

Ma cosa succede se l’asseverazione richiesta al tecnico abilitato ai fini del riconoscimento del Superbonus 110% risulta errata? Quali sono le soluzioni assicurative più idonee?

Asseverazioni errate per Superbonus, la polizza assicurativa è fondamentale

In caso di asseverazioni errate o mendaci il tecnico, con la propria condotta, danneggerebbe i richiedenti e quindi potrebbe risultare soggetto a pesanti sanzioni penali e amministrative.

Per quanto riguarda i lavori di efficientamento energetico, il Decreto Rilancio impone all’asseveratore – già dotato di idonea polizza Professionale imposta dalla L.137/2012 – un’ulteriore copertura assicurativa dedicata esclusivamente alle finalità citate dal Decreto.

La normativa del Superbonus 110% stabilisce che, ai fini del rilascio delle asseverazioni, il tecnico abilitato sottoscriva e alleghi una polizza RC PROFESSIONALE che sia:

  • stipulata a proprio nome;
  • stipulata esclusivamente per le finalità di cui al D.L. 34/2020;
  • preveda un massimale adeguato al numero delle asseverazioni e comunque non inferiore a 500.000€.

È opportuno precisare, però, che con le asseverazioni per il Superbonus le verifiche fiscali potranno avvenire in un intervallo temporale di 8 anni, nel caso di cessione del credito, ed entro il 5° anno successivo alla presentazione della dichiarazione dei redditi, in caso di detrazione diretta, è quindi consigliabile per il professionista anche la sottoscrizione di una postuma della durata di 10 anni.  In sintesi, i tecnici incaricati delle asseverazioni dovranno integrare la propria assicurazione con un’appendice che garantisca il rispetto di questi punti o, in alternativa, dovranno stipulare una nuova assicurazione. I premi proposti dal panorama assicurativo italiano per una RC a copertura dell’intera asseverazione partono dai 300-400 Euro e vanno a salire a seconda del massimale richiesto, la durata della postuma, le condizioni specifiche come franchigie e scoperti.

>> Per essere tutelati su internet e non solo: Superbonus 110% e cyber risk: quali sono i pericoli per i professionisti edili?

Risarcimento dei danni e copertura adeguata anche nei casi meno standard di massimali

La polizza RC Professionale Asseverazione SuperBonus 110% di Lokky – primo broker assicurativo digitale per micro imprese, professionisti e freelance –  è dedicata a tutti gli asseveratori per garantirli dal risarcimento dei danni involontariamente cagionati ai propri clienti e al Bilancio dello Stato durante lo svolgimento dell’attività di asseverazione. La polizza può essere sottoscritta come copertura singola rispetto alla RC Professionale e, come da indicazione del Decreto Rilancio, il massimale minimo previsto è pari a € 500mila. È comunque possibile estendere il massimale fino a € 1,5mln.

>> Ti possono interessare approfondimenti come questo? Ricevi le nostre news!

In caso di massimali superiori gli esperti assicurativi sono a disposizione per offrire una soluzione disegnata sulle singole esigenze del cliente. Nel contesto di questa normativa è emersa, infatti, una criticità di mercato: le compagnie assicurative arrivano a valori di massimali non sempre adeguati che non superano i 5 milioni di euro; questo intermediario assicurativo, grazie alla competenza specifica acquisita e le relazioni con le compagnie, è in grado di offrire una copertura adeguata anche nei casi meno standard, con massimali che hanno raggiunto anche i 18 milioni di euro.

Per maggiori informazioni:

Lokky

Foto di copertina: Lokky


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here