Home Soluzioni progettuali Inglese per architetti: 10 consigli per migliorarlo

Inglese per architetti: 10 consigli per migliorarlo

Un piccolo vademecum per i professionisti tecnici per riuscire a stare al passo con l'inglese nel mondo del lavoro. Ecco 10 consigli utili

65

Ormai l’inglese serve in ogni professione; ma se siete liberi professioni è imprescindibile. E non parliamo solo di una generica conoscenza, seppur di alto livello; vi servirà conoscere un inglese tecnico. Se siete un architetto e volete puntare su un curriculum prestigioso, oppure puntare a lavorare anche all’estero, dovete imparare l’inglese che parlano i vostri colleghi all’estero. É un obiettivo cui puntare anche se non state pianificando di trasferirvi lontano dalla madre patria.

Conoscere l’inglese tecnico della vostra professione vi può essere di aiuto in ogni caso. Vi sarà utile per esempio per:

  • utilizzare la versione aggiornata dei più recenti programmi per architettura, anche prima che siano tradotti;
  • seguire professionisti di caratura internazionale su social e blog;
  • partecipare a conferenze di livello internazionale;
  • scrivere articoli o saggi che possano essere diffusi anche all’estero.

Come migliorare il proprio inglese tecnico

Ovviamente dovrete cercare le risorse giuste; corsi online, insegnanti one to one, lezioni streaming e anche materiale gratuito. Ma la prima cosa che davvero serve, è il giusto atteggiamento. Se avete deciso di fare questo passo, non tergiversate; affrontatelo come un corso di aggiornamento, ponendovi scadenze e obiettivi.

Diversamente, rischiate di partire con grande entusiasmo, fare qualche progresso e poi perdervi fra il ritmo frenetico degli appuntamenti quotidiani. Individuate quindi giorni e orari da dedicare a questo progetto, anche se pensate di farlo in autonomia.

In questo caso, vi saranno utili questi 10 consigli per migliorare il vostro inglese da architetti.

>> Ti piacciono articoli come questo? Ricevili direttamente!

1. Trovate il corso giusto

In internet ci sono corsi di ogni genere e di ogni livello, anche gratuiti. Ma se state cercando di migliorare il vostro inglese professionale in un campo ben determinato, dovrete trovare le risorse più adatte. Intanto, difficilmente potrete accontentarvi di quelle gratuite. E poi individuate quello che sia in grado di rispondere alle vostre esigenze. Ci sono corsi proprio per approfondire l’inglese tecnico nel campo dell’architettura; puntate su quelli assicurandovi che rispondano al vostro settore.

2. Contattate uno studio all’estero

Un buon modo per esercitarvi, e anche per cominciare a instaurare rapporti di lavoro proficui, è quello di contattare degli studi all’estero. Potreste presentarvi per offrire una collaborazione o dare dei consigli sulla professione in Italia; intanto comincerete a comprendere quali espressioni sono maggiormente utilizzate.

3. Manuali in inglese

Probabilmente avete ancora i manuali che avete usato all’università; può essere una buona idea acquistarli e studiarli in inglese. Questo vi permetterà di affrontare un testo tecnico che già conoscete e quindi sarà più facile coglierne le sfumature.

4. Workshop in inglese

Il web accorcia le distanze e permette ciò che un tempo non si poteva fare. Iscrivetevi a un corso di approfondimento o di aggiornamento in inglese, anche di quelli che si svolgono all’estero, o solo online. Magari all’inizio sarà difficile seguirlo, ma potrete puntare poi sulle dispense o video di ripasso.

5. Riviste di settore

Che siano cartacee oppure online, leggete articoli sul vostro lavoro in lingua inglese. E’ un ottimo modo per cominciare ad avere familiarità con i termini tecnici prima di cominciare a memorizzarli oppure a usarli.

6. Create presentazioni

Il vostro obiettivo è avere dei clienti in inglese o lavorare per una azienda estera? Allora fate come se fosse già successo. Prendete una presentazione che avete fatto e riscrivetela in inglese. Fatela poi vedere a qualche collega e analizzatela insieme; quando vi capiterà di doverlo fare davvero, almeno avrete rotto il ghiaccio.

7. Le keyword della vostra professione

Quali parole o espressioni usate più spesso? Fatene un elenco, e poi imparate la relativa espressione inglese. Memorizzate e cominciate a usarle quotidianamente, anche se il resto del discorso è in italiano. Saperle è fondamentale; potrete anche fare qualche errore di grammatica, ma sul vostro lavoro dovrete essere impeccabili.

8. Migliorate l’ascolto

Detto tutto ciò, dovete anche ricordare di non concentrarvi solo sull’inglese tecnico. In fondo dovrete anche sapere intrattenere colleghi e clienti, presentare voi stessi, sostenere un qualsiasi dialogo. Quindi per prima cosa migliorate la vostra capacità di comprensione: film in lingua e serie possono essere un primo passo. Quando poi riceverete una telefonata da oltre oceano, almeno non vi coglierà di sorpresa.

9. Buttatevi a parlare

Come detto sopra: continuate a esercitare l’inglese. Potrete sapere a memoria la vostra presentazione o scrivere un perfetto articolo, ma vi capiterà di dover rispondere a domande impreviste. Cercate di essere sciolti il più possibile; vi salverà in molte occasioni.

10. Utilizzate una app

Di app per studiare le lingue ce ne sono molte. Potreste cercare quella più adatta agli architetti, ma anche una generica. In realtà la funzione principale è quella di ricordarvi di esercitarvi quotidianamente. Anche solo quindici minuti, ma ogni giorno, tengono il cervello concentrato sull’inglese.

Per maggiori informazioni:

Preply

Foto di copertina: iStock/zeynep boğoçlu


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here