Home Permessi edilizi Distanze in Edilizia Casa a rischio di perdita del panorama? Si possono visionare i progetti...

Casa a rischio di perdita del panorama? Si possono visionare i progetti del vicino

Secondo il Tar Sardegna il privato può visionare i progetti edilizi del vicino, anche senza l’ipotesi di abusi

169
perdita panorama

Capita di frequente che la crescita di alberi o il sorgere di nuove costruzioni sui terreni confinanti la propria abitazione metta a rischio la visuale disponibilesi può intervenire? E se sì, come?

Secondo il Tar Sardegna il privato che veda minacciato il proprio panorama ha innanzitutto il diritto di visionare i progetti edilizi del vicino, anche senza che ci sia l’ipotesi di abuso edilizio (Sentenza n. 586 10 agosto 2021).

Tutela del panorama, il caso in questione

La questione è stata esaminata dal Tar Sardegna in occasione dell’istanza di accesso agli atti avanzata da un cittadino che vedeva minacciato il panorama della propria abitazione a causa di un imminente intervento edilizio su un terreno adiacente la sua proprietà.

L’esigenza di tutela del panorama è stata ritenuta indipendente dall’edificabilità urbanistica, e a difesa della bellezza della visuale goduta fino a quel momento, il privato ha potuto visionare i progetti edilizi del vicino, anche senza che si ipotizzassero abusi da parte sua.

>> Vuoi rimanere sempre aggiornato? Ricevi le nostre news!

Secondo il Tar, infatti, non appena vi è il sentore che una nuova costruzione possa diminuire la percezione del panorama va chiesto l’accesso agli atti: un ricorso che intervenga successivamente, con la visibilità già compromessa, sarebbe tardivo. La regola generale è quindi quella di garantire subito l’accesso agli atti, per favorire la partecipazione e assicurare imparzialità e trasparenza.

In caso dalla visione dei progetti emergano illegittimità (per quanto riguarda, ad esempio, altezze e cubature), sarà possibile contestare la costruzione con un ricorso, da presentare necessariamente entro 60 giorni dalla conoscenza del progetto.

Ad ogni modo, in assenza di abusi, si può tutelare il panorama impedendo la costruzione altrui solo se esiste una servitù di veduta tra due fondi (>> leggi anche Il diritto di veduta può incrinare il rapporto di vicinato). Se manca il titolo di servitù altius non tollendi (di non costruire “più in alto”), il vicino con apposito titolo edilizio può costruire e può piantare alberi di alto fusto (purché rispetti le distanze previste dal codice civile >> qui trovi un approfondimento sulle distanze tra piante e confini).

Consigliamo:

Il regime delle distanze in edilizia

Il regime delle distanze in edilizia

Romolo Balasso, Pierfrancesco Zen, 2019, Maggioli Editore

Questa nuova edizione del volume prosegue nell’obiettivo di tenere (doverosamente) aggiornato uno strumento di lavoro, qual è stato inteso, concepito e redatto il volume stesso, inerente un argomento che continua ad essere oggetto di controversie e/o registrare contrasti sia a livello...



Il Testo Unico dell’Edilizia: attività edilizia e titoli abilitativi dei lavori

Il Testo Unico dell’Edilizia: attività edilizia e titoli abilitativi dei lavori

Donato Palombella, 2021, Maggioli Editore

Il T.U.E. ha subito, negli anni, una serie di modifiche radicali.  L’opera, abbinando il dovuto rigore ad un taglio operativo, permette di individuare, per ogni singolo articolo, la norma e la giurisprudenza vigente tempo per tempo. Ciò risulta particolarmente...



Gli abusi edilizi

Gli abusi edilizi

Emanuele Montini, 2018, Maggioli Editore

La linea di demarcazione tra un’opera edilizia legittima e una abusiva è spesso di dubbia determinazione: errare nell’individuare la fattispecie o il relativo procedimento può portare a gravi conseguenze giuridiche e giudiziarie, talvolta penali. Questa apprezzatissima Guida, aggiornata...



Immagine: iStock/vuk8691


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here