Home in evidenza Nuovo Decreto BIM progetti PNRR. Ecco le modifiche apportate al Decreto BIM...

Nuovo Decreto BIM progetti PNRR. Ecco le modifiche apportate al Decreto BIM n.560

Il Decreto MIMS del 2 agosto 2021, n.312 apporta alcune modifiche al Decreto BIM “padre” n. 560, adottato il 1° dicembre 2017. Ecco le novità

257
Decreto BIM 2021

Si tratta di un decreto attuativo, richiamato all’ Art. 48, comma 6 del Decreto Semplificazioni Bis (convertito in Legge e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2021), che porta la firma del Ministro del MIMS Enrico Giovannini e introduce nuove regole e specifiche per l’utilizzo del BIM negli appalti che rientrano nei finanziamenti del PNRR e del PNC.

Il Decreto MIMS del 2 agosto 2021, n.312 apporta alcune modifiche al Decreto BIM “padre” n. 560, adottato il 1° dicembre 2017 che stabilisce le modalità e i tempi di progressiva introduzione dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture.

>> Vorresti ricevere settimanalmente notizie come questa? Clicca qui

Le grandi novità riguardano l’introduzione dei punteggi premiali per l’uso nella progettazione dei metodi e strumenti elettronici (BIM) e la riprogrammazione delle scadenze temporali di applicazione obbligatoria del BIM per le opere di ordinaria manutenzione. Ma scendiamo adesso nel dettaglio e analizziamo quali modifiche apporta questo nuovo Decreto attuativo sul BIM al Decreto BIM n.560 e cosa c’entra con i progetti finanziati dalle risorse del PNRR e PNC.

Leggi anche: Avvio piattaforma BIM Demanio. Così scompariranno le consegne elaborati

Decreto BIM 2021 e le modifiche introdotte al n.560

Il Decreto BIM n.312 del 2 agosto 2021 si compone di soli due articoli.

L’art. 1 è interamente dedicato alle modifiche introdotte al decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 1° dicembre 2017, n. 560. Ecco cosa cambia per ciascun articolo del Decreto BIM “padre”:

  • Art.2 – le modifiche introdotte riguardano le definizioni. Vengono aggiunti i commi g-bis) e g-ter) dedicati rispettivamente al piano di gestione informativa (documento redatto dall’aggiudicatario sulla base dell’offerta di gestione informativa, da sottoporre alla stazione appaltante dopo la sottoscrizione del contratto e prima dell’esecuzione dello stesso e che può essere aggiornato nel corso dell’esecuzione del contratto) e al punteggio premiale (punteggio che le stazioni appaltanti attribuiscono ai criteri di aggiudicazione inerenti all’utilizzo dei metodi e strumenti elettronici);
  • Art.3 – introdotta la definizione di atto organizzativo che deve esplicitare il processo di controllo e di gestione delle singole fasi procedimentali, l’identità dei gestori dei dati e la proprietà degli stessi e le modalità di gestione dei conflitti;
  • Art.4 – circa l’interoperabilità, viene ridefinita la parola “modello” in “modello informativo”;
  • Art.5 – sull’utilizzo facoltativo dei metodi e strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture viene stabilito che le stazioni appaltanti possano procedere anche con la sola programmazione di adempiere alla formazione, acquisizione hardware e software e atto organizzativo e non necessariamente provvedere;
  • Art.6 – vengono introdotte modifiche all’importo dei lavori e alle scadenze temporali per le opere di ordinaria manutenzione e fissata l’obbligatorietà dell’utilizzo di metodi e strumenti informativi sopra la soglia del milione di euro (precedentemente inferiore).
  • Art.7 – vengono aggiunti i commi 5-bis) e 5-ter) che richiamano le norme tecniche europee e viene precisato che in assenza di tali norme tecniche si fa riferimento ad altre specifiche tecniche nazionali od internazionali di comprovata validità.

Non perderti: BIM gestione informazioni e cespiti immobili: ecco la UNI EN ISO 19650-3:2021

Decreto BIM e punteggi premiali

Con il Decreto BIM n.312 viene inserito l’articolo 7-bis al Decreto n.560 che introduce i punteggi premiali per l’uso di metodi e strumenti elettronici specifici nelle gare per servizi di ingegneria e lavori, nello specifico si parla anche di realtà aumentata e sistemi di monitoraggio e sensoristica.

>> Prelievi in remoto? La Realtà Aumentata arriva nel settore cementi e calcestruzzi

Il nuovo articolo contiene un elenco di possibili criteri di premialità tra i quali le proposte:

  • per integrare gli aspetti di gestione del progetto con la gestione della modellazione informativa;
  • per l’implementazione dell’offerta e del piano di gestione informativa in relazione alle esigenze di cantierizzazione, anche con strumenti innovativi di realtà aumentata e di interconnessione tra le entità presenti in cantiere;
  • volte a consentire un’analisi efficace dello studio, tra l’altro, di varianti migliorative e di mitigazione del rischio;
  • che consentano alla stazione appaltante di disporre di dati e informazioni utili per l’esercizio delle proprie funzioni ovvero per il mantenimento delle caratteristiche di interoperabilità dei modelli informativi;
  • per modalità digitali per la tracciabilità dei materiali e delle forniture e per la tracciabilità dei processi di produzione e montaggio, anche ai fine del controllo dei costi del ciclo di vita dell’opera;
  • volte ad utilizzare i metodi e gli strumenti elettronici per raggiungere obiettivi di sostenibilità ambientali anche attraverso i principi del green public procurement;
  • per strumenti digitali per aumentare il presidio di controllo sulla salute e sicurezza dei lavori e del personale coinvolto nell’esecuzione;
  • per modelli digitali che consentano di verificare l’andamento della progettazione e dei lavori e/o che consentano di mantenere sotto controllo costante le prestazioni del bene, compresi i sistemi di monitoraggio e sensoristica.

Vengono inoltre citati ulteriori criteri premiali per gli offerenti che impieghi metodi e strumenti digitali che consentano alla stazione appaltante di monitorare, in tempo reale, l’avanzamento del cronoprogramma e dei costi dell’opera.

Potrebbe interessarti: Contratto BIM: cosa c’è da sapere su consegna modello BIM e verifica committente?

Il BIM nei progetti PNRR – PNC

Il Decreto BIM n.312 è collegato all’art. 48, comma 6 del Semplificazioni Bis che introduce le “Semplificazioni in materia di affidamento dei contratti pubblici PNRR e PNC”, pertanto l’obiettivo è quello di riformare il sistema delle stazioni appaltanti e delle amministrazioni e procedere con la digitalizzazione della amministrazione pubblica.

Il BIM per la pubblica amministrazione

Il BIM per la pubblica amministrazione

Edoardo Accettulli, Pietro Farinati, 2020, Maggioli Editore

Unendo le conoscenze specifiche sulla metodologia BIM da un lato e la competenza in ambito lavori pubblici dall’altro gli autori hanno scritto un manuale pensato per il tecnico della pubblica amministrazione che si avvicina per la prima volta alla metodologia...



Per supportare i progetti e velocizzare le procedure che godono dei finanziamenti PNRR e PNC e dai programmi cofinanziati dai fondi strutturali dell’Unione europea viene previsto che le stazioni appaltanti che procedono agli affidamenti possono prevedere, nel bando di gara o nella lettera di invito, l’assegnazione di un punteggio premiale per l’uso nella progettazione dei metodi e strumenti elettronici specifici.

Si tratta di strumenti che utilizzano piattaforme interoperabili a mezzo di formati aperti non proprietari, al fine di non limitare la concorrenza tra i fornitori di tecnologie e il coinvolgimento di specifiche progettualità tra i progettisti.

Consigliamo:

eBIM: Existing Building Information Modeling per edifici esistenti

eBIM: Existing Building Information Modeling per edifici esistenti

Marcello Balzani, Luca Ferrari, Fabiana Raco, 2021, Maggioli Editore

La filiera delle costruzioni sta affrontando una profonda trasformazione come conseguenza della necessità di ripensare da un lato la propria competitività dall’altro l’effettiva sostenibilità, lungo l’intero ciclo di vita...



Nuove frontiere della progettazione BIM per l\'illuminazione

Nuove frontiere della progettazione BIM per l\'illuminazione

Gianluca Guarini, 2020, Maggioli Editore

Nell’ambito della progettazione Architettonica, il BIM (Building Information Modeling) è una procedura sempre più presente e, nel caso di appalti pubblici sopra un determinato importo, richiesta obbligatoriamente dalle pubbliche amministrazioni. È un importante strumento per condividere le...



IFC

IFC

Paolo Borin, Carlo Zanchetta, 2020, Maggioli Editore

L’industria delle costruzioni è caratterizzata da indici di innovazione tecnologica tra i più bassi nei settori industriali. Il processo edilizio si presenta come fortemente parcellizzato, a fronte di una variabilità geometrica e prestazionale dei propri...



Foto:iStock.com/Laurence Dutton


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here