Home Professionisti Concorsi Portale reclutamento PA, per il PNRR e non solo: come funziona

Portale reclutamento PA, per il PNRR e non solo: come funziona

Al via la nuova piattaforma di reclutamento della Pubblica amministrazione: si parte con i concorsi per le assunzioni legate al PNRR e poi si procederà con i concorsi pubblici ordinari. I dettagli

578
portale reclutamento pa brunetta

Con l’approvazione in Consiglio dei Ministri del Decreto Reclutamento – definito come il “terzo pilastro” per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza insieme alla progettazione della governance del PNRR e al recente Decreto Semplificazioni (finora abbiamo parlato del Decreto Semplificazioni soprattutto per quello che riguarda Superbonus e Codice dei Contratti) – può partire anche il progetto dell’atteso Portale Reclutamento PA, il già ribattezzato “LinkedIn italiano” che servirà a gestire i concorsi e il conferimento degli incarichi della Pubblica Amministrazione.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica fa sapere che questa nuova piattaforma di reclutamento “vedrà la luce entro l’estate con le prime funzionalità e poi andrà a regime, con il rilascio del sistema e la migrazione verso il cloud, entro il 2023“. Il ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta ha spiegato in conferenza stampa che la piattaforma opererà in due momenti: il primo riguarderà i concorsi pubblici per le assunzioni a tempo determinato legate al PNRR, poi si procederà con l’implementazione di tutti i concorsi pubblici ordinari.

>> Next Generation EU, Recovery Plan, PNRR: hai dubbi o vuoi aggiornamenti? Leggi qui <<

Si partirà quindi con un concorso pubblico per il reclutamento di 500 unità di personale non dirigenziale a tempo determinato (per un periodo anche superiore a 36 mesi, ma non eccedente la durata di completamento del PNRR, e comunque non oltre il 31 dicembre 2026) necessarie per la realizzazione del sistema di coordinamento istituzionale, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo del PNRR, che sarà bandito entro 30 giorni dall’entrata in vigore del nuovo decreto.

Vediamo intanto cos’è e come funzionerà il Portale Reclutamento Pubblica amministrazione, e come ci si potrà registrare.

Portale Reclutamento Pa: cos’è e come funziona

Nella presentazione fatta dal Dipartimento della Funzione Pubblica per illustrare il Decreto Reclutamento (>> puoi leggerla e scaricarla qui) si legge che il Portale è “il luogo dove si realizzerà l’incontro tra domanda e offerta di lavoro pubblico“, il tutto “garantendo la massima digitalizzazione e la massima trasparenza di ogni selezione”.

Il Portale rappresenterà, in pratica, la “porta virtuale unica di accesso alla Pubblica amministrazione” sia per i concorsi pubblici ordinari, sia per le procedure di reclutamento straordinarie legate all’attuazione del PNRR. Ci saranno quindi, come anticipato dal Dipartimento, domanda e offerta: le Amministrazioni pubbliche potranno inserire all’interno della piattaforma i propri fabbisogni, anche attraverso la creazione di skillmatrix (schede per la definizione delle caratteristiche dei profili professionali, delle competenze correlate e delle eventuali esperienze necessarie), e ai cittadini sarà invece possibile cercare tutti i concorsi pubblici attivi e fare domanda.

>> Intanto puoi consultare i Concorsi pubblici per professionisti tecnici attivi al momento in questa sezione del sito <<

Come registrarsi e utilizzare il Portale Reclutamento Pa

Andando più nel dettaglio, sul nuovo portale ogni cittadino potrà monitorare i bandi concorsuali delle amministrazioni su una mappa interattiva georeferenziata, registrarsi (attraverso SPID, CIE e Carta nazionale dei servizi), inserire il proprio curriculum vitae attraverso un form apposito, inviare le domande di partecipazione ai concorsi, pagare le tasse previste attraverso PagoPa e seguire tutte le procedure di selezione, dall’avvio fino alla pubblicazione delle graduatorie finali.

Ulteriori funzionalità riguarderanno poi la gestione di modalità di reclutamento diverse da quelle ordinarie, come i tirocini formativi, le procedure fast track previste dal PNRR o le esperienze di mobilità tra amministrazioni UE (a cominciare dal Blue Book Traineeship).

Portale Reclutamento Pa e Rete professioni tecniche

Inoltre, il Dipartimento della Funzione pubblica siglerà un protocollo d’intesa con la Rete delle professioni tecniche per creare banche dati specifiche dei professionisti iscritti agli Albi.

Nel Decreto Reclutamento si legge che all’interno del Portale verranno istituiti due diversi elenchi:

  • uno per professionisti ed esperti, per il conferimento incarichi di collaborazione con contratto di lavoro autonomo;
  • uno per personale in possesso di un’alta specializzazione per l’assunzione con contratto di lavoro subordinato, a tempo determinato.

Per quanto riguarda i professionisti e gli esperti iscritti agli Albi, l’inserimento sul Portale Reclutamento sarà vincolato al possesso di determinati titoli di qualificazione professionale. Per poter conferire gli incarichi di collaborazione, le Amministrazioni dovranno chiamare almeno tre professionisti in ordine di graduatoria e scegliere a chi attribuire l’incarico sulla base di un colloquio.

Per le alte specializzazioni (come ad esempio i dottori di ricerca o le persone con esperienze documentate di almeno 2 anni in organizzazioni internazionali e dell’UE), l’iscrizione nell’elenco dedicato avverrà a seguito di una procedura di selezione organizzata dal Dipartimento della Funzione pubblica e basata sulla valutazione dei titoli e su un esame scritto.

Inoltre, per raggiungere una platea ancora più ampia, il Dipartimento della Funzione pubblica attiverà una partnership anche con LinkedIn “per amplificare le occasioni di lavoro nella Pubblica amministrazione e raggiungere in maniera mirata i professionisti che lavorano in Italia e nel mondo”.

Portale Reclutamento Pa, concorso per il logo

Il nuovo Portale Reclutamento Pa non ha ancora un logo. Per la creazione del logo – che dovrà comunicare la filosofia della nuova “piazza” virtuale dove si incontreranno domanda e offerta di lavoro pubblico – il Dipartimento della Funzione pubblica ha bandito un concorso di idee (#IoLogo) riservato a studenti o professionisti di grafica, design e arti visive che non abbiano ancora compiuto 30 anni. È possibile partecipare al concorso fino al 7 luglio 2021. Alla proposta di logo originale che si classificherà prima nella graduatoria sarà riconosciuto un premio di 3 mila euro. Tutte le informazioni qui.

Potrebbero interessarti

Funzioni e responsabilità del RUP nell’ambito dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Funzioni e responsabilità del RUP nell’ambito dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Marco Agliata, 2021, Maggioli Editore

Le continue modifiche delle norme sui contratti pubblici investono tutte le figure coinvolte in questi processi con particolare riguardo per le mansioni, sempre più rilevanti, del Rup e che risultano ulteriormente rafforzate anche ai fini del coordinamento delle...



IL CONTRATTO BIM

IL CONTRATTO BIM

Andrea Versolato, Angelo Rota, Mario Caputi, 2019, Maggioli Editore

L’ebook “Il Contratto Bim - Tematiche e regole contrattuali per appalti eseguiti con la metodologia Bim” è un percorso che accompagna il lettore nella contrattualizzazione BIM: si inizia dalle norme e dal loro commento e si prosegue nella concreta regolamentazione...



Quiz di cultura generale per tutti i concorsi

Quiz di cultura generale per tutti i concorsi

A cura di Paolo Ammendola, 2021, Maggioli Editore

Il volume rappresenta un valido strumento di studio per affrontare le procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego, in particolare alle forze armate.  Il testo è strutturato sotto forma di quiz in modo che il candidato possa verificare il proprio livello di competenza;...



Immagine: funzionepubblica.gov.it


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here