Home in evidenza Valutazione Impatto Ambientale veloce: nuove tempistiche con Dl Semplificazioni

Valutazione Impatto Ambientale veloce: nuove tempistiche con Dl Semplificazioni

I tempi vengono dimezzati passando dagli attuali 360 giorni della procedura ordinaria ai 175 giorni della procedura veloce

1009
valutazione impatto ambientale

Nel mirino dello snellimento e della semplificazione è finita anche la procedura per il rilascio della VIA – Valutazione di Impatto Ambientale. Difatti dopo il Decreto Semplificazioni i tempi vengono dimezzati passando dagli attuali 360 giorni della procedura ordinaria ai 175 giorni della procedura veloce.

Una necessità, quella di snellire l’iter procedurale, dettata dai nuovi obiettivi legati alla transizione energetica e dai tempi ristretti di attuazione dei progetti legati al PNRR.

Per fornire un quadro generale, il Dipartimento della Funzione Pubblica, ha rilasciato un documento esplicativo, dove vengono raccolte le novità introdotte dal nuovo Decreto Semplificazioni per snellire le procedure per:

  • la rivoluzione verde e la transizione energetica;
  • l’innovazione tecnologica e la transizione digitale;
  • l’appalto;
  • rafforzare il silenzio assenso e i poteri sostitutivi.

A proposito di VIA, si legge nel documento che l’attuale durata delle procedure di Valutazione Ambientale e di autorizzazione per gli impianti di produzione di energie rinnovabili è incompatibile con la transizione energetica. Si parla addirittura di tempi che vanno oltre due anni con punte che arrivano ai sei anni.

>> Valutazione Impatto Ambientale: chi la fa, requisiti e normativa

Sono invece 24 gli anni stimati, per raggiungere i target Paese – con riferimento alla produzione di energia da fonte eolica – e ben 100 anni per il raggiungimento dei target di fotovoltaico, secondo l’ENEL. Questo considerando l’attuale tasso di rilascio dei titoli autorizzativi per la costruzione ed esercizio di impianti rinnovabili.

Vediamo nel dettaglio cosa prevede il Decreto Legge Semplificazioni, pubblicato in Gazzetta il 31 maggio 2021, in materia di VIA.

Leggi anche: Edilizia universitaria: nuove risorse nazionali in aggiunta a quelle previste dal PNRR

Valutazione Impatto Ambientale veloce: quali sono le novità?

Come già accennato sopra, le tempistiche per il rilascio della VIA subiscono una riduzione dagli attuali 360 giorni della procedura ordinaria ai 175 giorni della procedura veloce.

La nuova procedura prevede quattro punti fondamentali (articoli dal 17 al 21):

  • la nomina di una Commissione ad hoc dedicata a tempo pieno ed esclusivo allo svolgimento dell’attività istruttoria necessaria al rilascio della VIA sui progetti PNRR e PNIEC;
  • lo svolgimento in parallelo dell’attività istruttoria della Commissione con quella consultiva gestita dalla competente direzione generale del Ministero della Transizione ecologica;
  • l’affidamento del potere decisionale al direttore della direzione generale competente del MiTE che lo esercita di concerto con il direttore della direzione generale competente del Ministero della Cultura, che assorbe anche l’autorizzazione paesaggistica (quando viene presentata la relazione paesaggistica) con un notevole risparmio di tempo e di denaro;
  • il riconoscimento automatico di un rimborso degli oneri istruttori pagati dal proponente nel caso di mancato rispetto del termine procedimentale e la previsione di un potere sostitutivo in caso di inerzia.

Non perderti: Novità Superbonus 110: le modifiche introdotte dal decreto semplificazioni

Commissione tecnica VIA progetti PNRR-PNIEC: chi ne fa parte?

La Commissione Tecnica PNRR-PNIEC è posta alle dipendenze funzionali del Ministero della transizione ecologica, ed è formata da un numero massimo di quaranta unità, in possesso di diploma di laurea o laurea magistrale, con almeno cinque anni di esperienza  professionale e con competenze adeguate alla valutazione tecnica, ambientale e paesaggistica, individuate tra il personale di ruolo delle amministrazioni statali e regionali, del CNR, del Sistema nazionale  a  rete  per  la protezione dell’ambiente di cui alla legge 28 giugno  2016,  n.  132, dell’ENEA e dell’ISS, ad esclusione del personale docente, educativo, amministrativo, tecnico ed ausiliario delle istituzioni scolastiche.

>>> Seguite con noi tutte le novità in materia

I componenti della Commissione Tecnica PNRR-PNIEC sono nominati con decreto del Ministro della transizione ecologica entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del Decreto Semplificazioni.

I componenti della Commissione Tecnica PNRR-PNIEC restano in carica cinque anni e sono rinnovabili per una sola volta.

Non perderti: Il Decreto semplificazioni cambia il Codice dei Contratti

Valutazione Impatto Ambientale e i “colli di bottiglia”

La VIA rientra tra i “colli di bottiglia” individuati dal Dipartimento Della Funzione Pubblica, in quanto si tratta di iter e/o documentazioni che potrebbero ritardare gli investimenti e l’attuazione dei progetti, mettendo a rischio l’intera strategia per il rilancio del Paese nel rispetto del cronoprogramma indicato nel PNRR.

Una riforma che rientra tra quelle che si pongono l’obiettivo di semplificare e accelerare le procedure direttamente collegate all’attuazione dei progetti PNRR in tempi rapidi.

>>>>>Ti interessano le novità sul Superbonus introdotte dal Decreto Semplificazioni? Scarica qui sotto la TABELLA con modifiche articolo 119
|| Nuovo Testo in vigore come modificato da dl 41/2021 e dl 77/2021.
Modifiche evidenziate

Download per scaricare il file devi essere iscritto alla newsletter: se sei già iscritto, inserisci l'indirizzo email, oppure registrati

Ti consigliamo

La Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) dopo il d.lgs. 104/2017

La Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) dopo il d.lgs. 104/2017

La nuova disciplina della Valutazione di Impatto Ambientale - VIA - è stata profondamente rinnovata a seguito della pubblicazione del d.lgs. 16 giugno 2017, n. 104. La norma non solo ha prodotto sostanziali modifiche alla struttura della VIA, ma ne ha anche stravolto le procedure. I numerosi cambiamenti (campo di applicazione, elaborati tecnici da produrre, raccordo con l’AIA e le altre procedure autorizzatorie ambientali) hanno offerto lo spunto per realizzare questo manuale che offre all’operatore un essenziale vademecum di riferimento e consente una lettura agevole e chiara della nuova disciplina. Oltre a evidenziare i cambiamenti procedurali della Valutazione di Impatto Ambientale, quest’opera chiarisce gli adempimenti cui sono tenuti i soggetti proponenti, nonché l’articolazione temporale delle diverse fasi.
Di pregevole fattura anche l’ampia rassegna di giurisprudenza (nazionale e comunitaria) che offre al lettore un “ventaglio” di principi di diritto utilissimi per orientarsi di fronte alle criticità e alle insidie interpretative insite in una materia così complessa. Il manuale si arricchisce di una completa raccolta di modulistica di supporto (scaricabile on
line) per l’elaborazione delle istanze di avvio delle procedure ed è corredato da numerose tavole sinottiche e schemi riassuntivi che agevolano l’attività degli operatori.

Alfredo Scialò, Avvocato e consulente legale nel campo delle opere pubbliche, specializzato in diritto dell’ambiente con particolare riferimento alle procedure autorizzatorie ambientali e alle discipline settoriali (scarichi idrici, emissioni in atmosfera, bonifiche, rifiuti, terre e rocce da scavo, ecc.) da applicare nella realizzazione ed esercizio di infrastrutture, impianti ed attività potenzialmente inquinanti. In tali ambiti, assiste imprese e stazioni appaltanti, sia in fase stragiudiziale che giudiziale; è docente in corsi di formazione nonchè autore di pubblicazioni nelle riviste specializzate di settore (www.studiolegalescialo.it).

Leggi descrizione
Alfredo Scialò, 2017, Maggioli Editore
24.00 €
Sistemi Fotovoltaici

Sistemi Fotovoltaici

Il volume è una guida completa i) alla progettazione degli impianti fotovoltaici grid-connected, anche dotati di sistemi di accumulo, ii) alla presentazione degli interventi di manutenzione per ottimizzarne le prestazioni, iii) alla trattazione delle tematiche inerenti agli ammodernamenti tecnologici eseguiti su impianti in esercizio (revamping e repowering), iv) alla generazione distribuita residenziale ed industriale e ai sistemi di potenza multimegawatt ed utility-scale. 

Il testo mostra l’architettura di un sistema fotovoltaico, fornendone gli elementi necessari per il corretto dimensionamento impiantistico, descrivendone approfonditamente l’ingegneria di sistema: dal gruppo di generazione fino al punto di connessione alla rete elettrica.

Il volume è aggiornato alla normativa elettrica vigente, anche con particolare attenzione alle recenti disposizioni normative in tema di implementazione dei sistemi di accumulo all’interno del sistemo elettrico.

Una parte del volume è dedicata all’esercizio in parallelo con la rete elettrica dei sistemi fotovoltaici, descrivendone le tipologie di connessione in bassa, media ed alta tensione, gli aspetti progettuali e l’iter TICA – dalla richiesta di connessione inoltrata al gestore di rete, fino alla realizzazione delle opere di rete. 

Il testo mostra le operazioni di manutenzione ordinaria standard, fino ad arrivare all’analisi termografica realizzata con droni. 

Sono illustrati casi di impianti fotovoltaici “under performing”, e mostrati nel dettaglio esempi di malfunzionamenti o guasti di moduli fotovoltaici ed altri componenti di impianto che comportano riduzione del performance ratio.

Il testo mostra tutti gli adempimenti burocratici a cui occorre ottemperare al fine di evitare sanzioni economiche e garantire il mantenimento del diritto all’incentivo e alle convenzioni GSE per impianti incentivati e impianti fotovoltaici eserciti in grid/market parity.

Di prezioso ausilio pratico risultano essere le 15 relazioni tecniche di impianti fotovoltaici, complete di schemi elettrici e calcoli progettuali – rilasciati nello spazio web a disposizione del lettore.

 

Alessandro Caffarelli
Ingegnere aerospaziale, è CTU presso il Tribunale Ordinario di Roma. Ha progettato e diretto lavori per oltre 700 MW di impianti fotovoltaici ed eolici. È socio fondatore di Intellienergia ed attualmente Business Development Manager per EF Solare Italia.
Giulio de Simone
Ingegnere meccanico, Ph.D. in Ingegneria dell’Energia e Ambiente. È socio fondatore e CEO di Intellienergia. Ha progettato e diretto lavori per oltre 500 MW di impianti di produzione di energia rinnovabile.
Angelo Pignatelli
Ingegnere elettronico, Ph.D. in Ingegneria dei Sistemi, PMP presso il Project Management. Ha progettato e diretto lavori per oltre 200 MW di impianti di produzione di energia rinnovabile. 
Kostantino Tsolakoglou
Ingegnere aerospaziale, MSc, si occupa di sviluppo, progettazione, asset management e O&M di impianti utility scale. È Head of Engineering presso una delle maggiori realtà europee in ambito fotovoltaico. Gli autori sono docenti per conto dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma.

Leggi descrizione
Alessandro Caffarelli, Angelo Pignatelli, Giulio de Simone, Konstantino Tsolakoglou, 2021, Maggioli Editore
69.00 € 65.55 €

Foto: iStock.com/mammuth


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here