Home Gli articoli dei nostri autori Edilizia universitaria: nuove risorse nazionali in aggiunta a quelle previste dal PNRR

Edilizia universitaria: nuove risorse nazionali in aggiunta a quelle previste dal PNRR

C'è grande attesa per i 960 milioni in programma nel PNRR, intanto dal MUR arrivano risorse da fondi nazionali per 256 milioni di euro

93
Edilizia universitaria

Il Mur ha sbloccato 256 milioni destinati all’edilizia universitaria, l’obiettivo è quello di migliorare e creare nuove infrastrutture edilizie e dotare di grandi attrezzature scientifiche e impianti sportivi le università statali, oltreché aumentare gli alloggi per gli studenti fuori sede.

Si tratta dell’ultima porzione rimasta dello stanziamento da 553 milioni, per investimenti pluriennali edilizi riferiti al periodo 2019-2033, messi a disposizione attraverso un Decreto Ministeriale.

Vediamo nel dettaglio tempistiche e tipologie di intervento previste e cosa invece è in programma per l’edilizia universitaria nel PNRR.

Vorresti conoscere tutte le novità sull’evoluzione del PNRR?

Qui trovi lo speciale dedicato con tutte le notizie sul tema

Il primo stanziamento da 400 milioni di euro

Il primo stanziamento è stato di 400 milioni, distribuito in più quote e con finalità e tempistiche individuate col Decreto Ministeriale n.1121 del 5 dicembre 2019, sono:

  • 270 milioni, finalizzati a progetti di livello esecutivo oppure a progetti di livello definitivo da realizzarsi secondo la formula dell’appalto di progettazione e costruzione in linea con la vigente normativa sui lavori pubblici, concernenti lavori di edilizia, da avviare entro il 2020;
  • 70 milioni, finalizzati a progetti di livello almeno definitivo secondo la vigente normativa sui lavori pubblici, concernenti lavori di edilizia da avviare successivamente al 2020 ma con almeno le procedure di affidamento avviate entro il 2022;
  • 50 milioni, finalizzati all’ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche e grandi attrezzature scientifiche da avviare entro il 2020;
  • 10 milioni, finalizzati a progetti di livello esecutivo oppure a progetti di livello definitivo da realizzarsi secondo la formula dell’appalto di progettazione e costruzione secondo la vigente normativa sui lavori pubblici concernenti lavori di edilizia per potenziamento dell’edilizia sportiva universitaria da avviare entro il 2020.

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Si vanno poi ad aggiungere alle risorse sopra citate, anche i 153 milioni provenienti da un ulteriore fondo, istituito dalla legge di Bilancio 2019. In totale si parla di 553 milioni, dei quali, 297 milioni è stata stanziata a fine 2020. L’erogazione dei finanziamenti, si conclude con l’ultimo provvedimento a firma della ministra Cristina Messa.

Non perderti: Decreto Fondone PNRR: nuove risorse per Eco e Sisma Bonus

A chi vanno le risorse?

I 256 milioni andranno a finanziare 43 progetti elencati in due graduatorie: una da 102,9 milioni e l’altra da 153,8. La porzione di risorse più sostanziosa è destinata alla Federico II Napoli, si parla di 36,3 milioni di euro.

Le tempistiche sono fondamentali e per non perdere le preziose risorse è necessario avviare le procedure di affidamento dei lavori previsti nel programma entro il 2022, così come previsto dal decreto.

Segue l’università campana, l’Università di Firenze che si aggiudica 31,5 miilioni di euro e l’Alma Mater di Bologna con 20 milioni euro. “Carlo Bo” di Urbino (66,45 punti che le valgono 3,2 milioni) registra il punteggio più alto assegnato ai singoli progetti, a seguire c’è il Politecnico di Milano (53,46 punti e 8,5 milioni di finanziamento) e l’Università di Pisa (che totalizza 53,33 punti e incassa 5,8 milioni).

Potrebbe interessarti: PNRR e infrastrutture sostenibili. Progetti entro 2026, ma bisogna correre

Boom edilizia universitaria con i 960 milioni del PNRR

Quelle sopra citate non sono, però, le uniche risorse in previsione da destinare alle Università. Difatti c’è grande attesa per i 960 milioni programmati nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR).

Le nuove risorse potranno portare un incremento degli alloggi per studenti da 40mila a oltre 100 mila entro il 2026. In merito a questo, nell’ultima versione del PNRR si legge la misura “Riforma 1.7: Alloggi per gli studenti e riforma della legislazione sugli alloggi per studenti” che si pone come obiettivo, quello di incentivare la realizzazione, da parte dei soggetti privati, di nuove strutture di edilizia universitaria attraverso la copertura anticipata, da parte del MUR, degli oneri corrispondenti ai primi tre anni di gestione delle strutture stesse.

Questa misura sarà resa possibile attraverso la revisione dell’attuale legislazione in merito alla realizzazione degli alloggi per studenti (L. 338/2000 e d.lgs. 68/2012). Le principali modifiche previste sono:

  1. apertura della partecipazione al finanziamento anche a investitori privati, o partenariati pubblico-privati;
  2. supporto della sostenibilità degli investimenti privati, con garanzia di un regime di tassazione simile a quello applicato per l’edilizia sociale, che però consenta l’utilizzo flessibile dei nuovi alloggi quando non necessari l’ospitalità studentesca;
  3. adeguamento degli standard per gli alloggi, mitigando i requisiti di legge relativi allo spazio comune per studente disponibile negli edifici in cambio di camere (singole) meglio attrezzate;
  4. agevolazioni per la ristrutturazione e il rinnovo delle strutture in luogo di nuovi edifici greenfield (prevedendo una maggiore percentuale di cofinanziamento, attualmente al 50 per cento), con il più alto standard ambientale che deve essere garantito dai progetti presentati;
  5. digitalizzazione della procedura per la presentazione e la selezione dei progetti. A proposito consigliamo la guida  eBIM: Existing Building Information Modeling per edifici esistenti

Ti consigliamo

Interventi locali su edifici esistenti

Interventi locali su edifici esistenti

Francesco Cortesi, Laura Ludovisi, 2019, Maggioli Editore

Questo manuale tecnico-pratico aiuta il progettista (architettonico, impiantista e strutturale) che si accinge a effettuare un intervento di tipo “locale” su un fabbricato esistente. Frutto dell’esperienza pluriennale degli Autori nell’ambito della progettazione sul...



Diagnostica delle strutture esistenti

Diagnostica delle strutture esistenti

Alessandro Battisti, 2019, Maggioli Editore

Il volume, concepito per essere utilizzato nella pratica quotidiana, sia dello studio professionale che della P.A. che si occupa di appalti e lavori pubblici, fornisce una guida di rapida e concreta consultazione dedicata alla diagnostica strutturale, per la corretta...



Foto:iStock.com/nirat


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here