Home Gli articoli dei nostri autori Bonus mascherine, tamponi e sanificazione: tutto nel Sostegni Bis

Bonus mascherine, tamponi e sanificazione: tutto nel Sostegni Bis

Sono agevolabili le spese sostenute per mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, prodotti igienizzanti, termometri e anche tamponi. Ecco come funziona e chi può beneficiarne

458
bonus mascherine tamponi sanificazione

Il Decreto Sostegni Bis (Decreto legge del 25 maggio 2021 n. 73) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.123 del 25 maggio 2021 e contiene le misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali.

Con il Sostegni Bis vengono stanziati circa 40 miliardi di euro con l’obiettivo di rafforzare e consentire al massimo l’impiego degli strumenti per contrastare la diffusione e il contagio da Covid-19.

Gli obiettivi del Decreto Sostegni Bis sono:

  • sostenere le imprese, l’economia e abbattere i costi fissi;
  • accedere al credito e dare liquidità delle imprese;
  • tutelare la salute;
  • sostenere il lavoro e le politiche sociali;
  • sostenere gli enti territoriali;
  • supportare giovani, scuola e ricerca;
  • applicare misure di carattere settoriale.

Nello specifico, il Decreto legge n.73 del 25 maggio 2021 introduce il bonus mascherine e sanificazione, ovvero viene istituito un credito di imposta del 30% per i dispositivi di protezione compresi i tamponi per Covid-19.

>>>> Vorresti essere aggiornato su notizie come questa? Ricevile direttamente

All’art. 32 del Decreto Sostegni Bis si legge che il credito d’imposta al 30% è valido per le spese sostenute nei mesi di giugno, luglio ed agosto 2021 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati e per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti, comprese le spese per la somministrazione di tamponi per Covid-19.

Il credito d’imposta spetta fino ad un massimo di 60 mila euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo di 200 milioni di euro per l’anno 2021.

Vediamo nel dettaglio a chi spetta e quali sono le spese agevolabili.

Leggi anche: Vaccinazioni Covid-19 sui luoghi di lavoro e nuovo protocollo sicurezza: tutte le novità

Bonus mascherine, tamponi e sanificazione: a chi spetta?

Il Sostegni Bis prevede tra i soggetti beneficiari del bonus:

  • esercenti attività d’impresa, arti e professioni;
  • enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore;
  • enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • strutture ricettive extra-alberghiere a carattere non imprenditoriale a condizione che siano in possesso del codice identificativo di cui all’articolo 13-quater, comma 4, del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58.

Non perderti: Corsi di formazione: le linee guida anti Covid-19 aggiornate Conferenza Regioni

Quali sono le spese agevolabili con il bonus mascherine, tamponi e sanificazione?

Il bonus è valido per:

  • la sanificazione degli ambienti nei quali è esercitata l’attività lavorativa e istituzionale e degli strumenti utilizzati nell’ambito di tali attività;
  • la somministrazione di tamponi a coloro che prestano la propria opera nell’ambito delle attività lavorative e istituzionali;
  • l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  • l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
  • l’acquisto di dispositivi di sicurezza, quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea, ivi incluse le eventuali spese di installazione;
  • l’acquisto di dispositivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

Potrebbe interessarti: Vaccinazioni Covid-19 in azienda: pubblicato documento tecnico con codici ATECO

Come usufruirne?

Per conoscere le modalità per la fruizione del credito di imposta, verrà emesso un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate sono stabiliti i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta.

Si legge nel Sostegni Bis che il credito d’imposta è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa ovvero in compensazione.

Cerchi uno strumento di supporto nella gestione del rischio Covid-19 in azienda? Ti consigliamo il software Sistema di gestione Covid-19.

Non si applicano i limiti di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre 2000, n. 388.

Inoltre, il credito d’imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Ti consigliamo

Sistema di gestione Covid-19

Sistema di gestione Covid-19

Sistema di gestione per il rischio legato al contagio da COVID-19 applicabile ad aziende di tutti i settori di attività

Carmine Moretti, Marco Ballardini, 2021, Maggioli Editore
89.00 € 84.55 €
Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Edizione aggiornata all’Emergenza Covid-19 e rischi di contagio nei cantieri edili 

• Percorso guidato per la realizzazione dei documenti
• Modelli e schede editabili e personalizzabili
• Strumenti per la gestione e la verifica del cantiere
• Utilizzo in cantiere delle nuove tecnologie
• Modellazione e BIM nella gestione della sicurezza in cantiere

MATERIALI ONLINE
Associata alla guida una completa modulistica aggiornata editabile per la redazione di PSC, POS, Fascicoli tecnici dell’opera e PSS personalizzabili per le specifiche  esigenze, oltre a importanti strumenti di lavoro editabili quali Gruppi Omogenei, Schede di Lavorazione, Schede Macchine, Moduli per la Gestione del Cantiere, foto e simboli. Capitolo aggiuntivo di aggiornamento “INTEGRAZIONE AI PIANI DI SICUREZZA RISCHIO COVID‐19” con esempi precompilati di POS e PSC e integrazione DVR per il cantiere edile, istruzioni operative, procedure e protocolli.

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore
56.00 € 53.20 €

Foto: iStock.com/Maridav


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here