Home Professionisti Concorsi Anas assumerà 370 tecnici altamente specializzati grazie al Sostegni bis

Anas assumerà 370 tecnici altamente specializzati grazie al Sostegni bis

Il Sostegni bis autorizza Anas S.p.A. ad assumere 370 unità di personale specializzato nei settori dell’ingegneria, dell’impiantistica, dell’elettrotecnica e della manutenzione delle infrastrutture stradali

336
370 tecnici anas

Come abbiamo visto, il 20 maggio scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Sostegni bis (>> qui ne abbiamo parlato a proposito dei nuovi contributi a fondo perduto introdotti per le partite iva). Uno specifico articolo del decreto – il numero 71, “Disposizioni urgenti per la funzionalità di ANAS s.p.a.” – autorizza Anas ad assumere, per gli anni 2021 e 2022, ben 370 unità di personale in possesso di alta specializzazione nei settori dell’ingegneria, dell’impiantistica, dell’elettrotecnica e della manutenzione delle infrastrutture stradali.

L’articolo 7 prevede la spesa di 35,5 milioni di euro per il 2021 e di 53,2 milioni di euro per il 2022 con la finalità di “garantire la sicurezza della circolazione stradale e la copertura degli oneri connessi alle attività di monitoraggio, sorveglianza, gestione, vigilanza, infomobilità e manutenzione delle strade inserite nella rete di interesse nazionale”. Con la stessa finalità, e per “assicurare l’attività di manutenzione ed ispezione della intera rete stradale“, il secondo comma dell’articolo prevede questa serie di assunzioni, che saranno con contratto di lavoro a tempo determinato.

Non sono ancora state chiarite le modalità di selezione, ma considerando che sono stati stanziati 38 milioni di euro specificatamente per queste assunzioni, di cui oltre 12 relativi all’anno in corso, prevediamo che ci saranno aggiornamenti a breve e che il processo sarà abbastanza veloce. Quello che si sa finora è che le nuove assunzioni avverranno comunque in più tranche.

>> Puoi consultare altri Concorsi pubblici per professionisti tecnici attivi al momento in questa sezione del sito <<

L’obiettivo di Anas è quello di utilizzare i nuovi tecnici altamente specializzati per garantire le attività di ispezione e manutenzione dell’intera rete stradale, con particolare attenzione ai 6500 chilometri di nuove arterie ricevute “in eredità” da enti locali e territoriali.

La misura punta infatti a rendere effettiva la garanzia degli standard di sicurezza e manutenzione delle strade inserite nella rete di interesse nazionale trasferite, con il Dpcm 21 novembre 2019, ad Anas dalle Regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana.

Leggi anche Monitoraggio e ispezioni infrastrutture: blockchain anche per ponti e gallerie

Ti potrebbero interessare

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

L’approvazione ad aprile 2020 delle Linee Guida per la verifica e il monitoraggio dei ponti stradali esistenti impegna le amministrazioni, gli enti gestori e i professionisti a fare un balzo in avanti per il miglioramento del nostro patrimonio infrastrutturale.

Un testo all’avanguardia che va dalla conoscenza al monitoraggio passando per le normative tecniche, con analisi multilivello per tenere conto anche di parametri sociali ed economici. Uno strumento fondamentale per aumentare la conoscenza, la consapevolezza e aiutare nelle scelte, necessarie e spesso coraggiose, sui nostri ponti esistenti.

Il volume è corredato dal testo integrale delle Linee Guida del Consiglio superiore dei lavori pubblici comprensivo di indice sistematico, inoltre, associato al manuale vengono fornite le schede editabili in formato Excel relative all’allegato B (schede ispezione ponti di livello 1).

Andrea Barocci
Ingegnere, fondatore di IDS-Ingegneria Delle Strutture, si occupa di strutture e rischio sismico sia in ambito professionale che come componente di Organi Tecnici, Comitati, Associazioni. Autore di pubblicazioni in materia e docente in numerosi corsi e seminari. Le schede allegate in Excel sono state realizzate da Matteo Vandi, laureato in Ingegneria civile, con una predisposizione sviluppata durante il percorso di studi per le strutture e ponti e una particolare attitudine al calcolo automatico.

Leggi descrizione
Andrea Barocci, 2020, Maggioli Editore
54.00 € 51.30 €
Il monitoraggio dinamico delle strutture

Il monitoraggio dinamico delle strutture

La diagnostica strutturale degli edifici riveste da anni un ruolo determinante per la conoscenza delle strutture civili, dalla caratterizzazione dei materiali con cui sono realizzate alla comprensione del loro comportamento statico.

Interventi come miglioramenti e adeguamenti sismici richiedono una conoscenza approfondita di queste strutture, sia dal punto di vista statico che dinamico.

Inoltre è sempre più utile e auspicabile utilizzare tecniche diagnostiche che siano poco distruttive, al fine di limitare l’invasività delle prove in situ.

Il monitoraggio dinamico degli edifici ha assunto negli ultimi anni un grandissimo interesse nel campo dei controlli non distruttivi (CND) grazie al fatto che questa tecnica risulta del tutto non distruttiva e non invasiva.

Un secondo aspetto che ha permesso la diffusione di questa tecnica consiste nel supporto che è in grado di fornire alla progettazione strutturale, al fine di calibrare i modelli numerici a elementi finiti (Finite Element Method – FEM) utilizzati dai progettisti per le analisi sismiche.

Il testo esamina i differenti aspetti del monitoraggio dinamico, dalle basi della teoria dei segnali agli algoritmi di identificazione dinamica, mostrando alcune semplici applicazioni e approfondendo le tematiche con casi studio su differenti tipologie strutturali.

Il libro tratta inoltre l’effetto delle vibrazioni sugli edifici e sull’uomo.

Tali tematiche sono al giorno d’oggi particolarmente sensibili in quanto le sorgenti di vibrazioni possono causare all’edificio danni cosmetici o strutturali, oltre che causare disturbo alle persone.

Anche su questa tematica viene fornita una panoramica sulle attuali normative e vengono mostrate alcune applicazioni su casi studio reali.

Verrà infine fatto cenno ad ulteriori applicazioni in ambito strutturale che appartengono alla famiglia delle indagini di tipo dinamico: la determinazione del tiro delle catene metalliche mediante la misura delle vibrazioni e le prove dinamiche sulle fondazioni profonde.

Alessio Pierdicca
Ingegnere libero professionista, dottore di ricerca in Ingegneria nell’ambito del monitoraggio dinamico. Opera nel campo della diagnostica strutturale degli edifici ed è specializzato nell’identificazione dinamica e monitoraggio delle strutture. Ingegnere progettista presso CapStudio srl, autore di numerose pubblicazioni scientifiche in riviste nazionali ed internazionali.
Fabio Mattiauda
Ingegnere libero professionista, esperto in diagnostica strutturale. Client Account Manager presso DRC Italia srl.

Leggi descrizione
Alessio Pierdicca, Fabio Mattiauda, 2021, Maggioli Editore
31.00 € 29.45 €

Foto: iStock.com/Blue Planet Studio


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here