Home Progettazione Criticità sicurezza infrastrutture: per ANSFISA occorrono dati completi e più personale

Criticità sicurezza infrastrutture: per ANSFISA occorrono dati completi e più personale

ANSFISA segnala che sono praticamente indisponibili il numero e le informazioni tecniche delle opere stradali e autostradali, inoltre la dotazione organica dell'ente è insufficiente. È tutto nella relazione ANSFISA 2020

220
criticità sicurezza infarstrutture

La relazione ANSFISA 2020 è stata resa pubblica per fare un po’ il punto sull’andamento della sicurezza delle ferrovie, e non solo. Nel documento vengono anticipati i dati 2020 sull’incidentalità, che verranno consolidati nei prossimi mesi e presentati in un documento definitivo che l’Agenzia invierà entro il mese di settembre 2021 al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e all’Agenzia Europea per le Ferrovie.

Con la pubblicazione si sfrutta anche la circostanza per presentare l’ANSFISA dopo circa cinque mesi dall’avvio dell’operatività amministrativa, avvenuta il 30 novembre 2020.
Nello specifico viene fatto un focus su:

  • percorso di costituzione,
  • organizzazione interna,
  • attività svolte,
  • piani di lavoro attuali e futuri dell’ente, nato per promuove la sicurezza sulle strade, autostrade, ferrovie e impianti rapidi di massa con un raggio d’azione molto ampio che comprende la quasi totalità delle infrastrutture terrestri.

Ricordiamo che l’ANSFISA è nata con il Decreto Genova ed ha incorporato l’ANSF, l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie e nel 2020 è stato nominato il Direttore, Fabio Croccolo, definito lo statuto e regolamento di amministrazione e designati i Dirigenti Generali e gli organi di vertice.

Vediamo quali sono le criticità sicurezza infrastrutture riscontrate da ANSFISA e segnalate nella relazione annuale.

Non perderti: Ispezioni e monitoraggio per il controllo periodico della sicurezza dei ponti

Dati incompleti limitano la correttezza delle analisi

Un’ importante criticità segnalata nella relazione ANSFISA 2020, interessa i dati e le informazioni delle opere che al momento risultano carenti e incompleti, tali da limitare fortemente l’analisi relativa alle infrastrutture stradali gestite dalle amministrazioni locali (comunali, provinciali e regionali).

ANSFISA segnala che sono praticamente indisponibili il numero e le relative informazioni tecniche delle opere stradali e autostradali: ponti, cavalcavia, gallerie.
Un censimento è necessario e fondamentale al fine di individuare le opere d’arte presenti sul territorio italiano. Tuttavia i dati acquisiti in via diretta da ANSFISA, in un numero estremamente limitato, e la consultazione di quelli reperibili sulle banche dati esistenti (incompleti, datati ed a volte, come si è rilevato, non allineati tra loro) non consentono di avviare il censimento completo delle suddette infrastrutture stradali.

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Nella relazione ANSFISA 2020, si legge anche che da una preliminare analisi delle informazioni e dei dati disponibili sono emerse alcune evidenti criticità riguardanti la corretta classificazione amministrativa delle strade extraurbane (secondo l’art. 6. co. 2 del Codice della Strada suddivise in statale, regionale, provinciale, comunale), con possibili conseguenti problemi inerenti la gestione stessa dell’infrastruttura.

>> Livello 4 parte 2 – linee guida ponti esistenti: i livelli di conoscenza

A questo si aggiunge il fatto che negli ultimi anni, anche a seguito di specifici interventi normativi, la gestione delle strade ha subito numerosi cambiamenti, comportanti anche una parziale declassificazione del patrimonio stradale: molte strade sono state trasferite dallo Stato alle Regioni, alcune dalle Regioni alle Province e altre sono passate dalle Province ai Comuni.

> SEI INTERESSATO ALLE  infrastrutture STRADALI E AUTOSTRADALI? Non perdere Passaggi Sicuri 2021 <

Per far funzionare ANSFISA serve più personale

La dotazione organica di ANSFISA, come definita dalla norma istitutiva, è fissata a 569 unità, di cui 42 di livello dirigenziale non generale e 2 uffici di livello dirigenziale generale.
Tuttavia ad oggi è stata indetta una selezione pubblica per il primo contingente di personale che si attesta a 164 unità contro le 569 previste dalla legge, con oltre il 70% di carenza dell’organico.

Leggi anche: ANSFISA incontra i gestori: nuove procedure e più tecnici per le infrastrutture

I prossimi passi di ANSFISA per le infrastrutture stradali

Per rispondere al problema della raccolta dati e informazioni qualitative, fondamentali per la definizione di moderni Sistemi di Gestione della Sicurezza da parte dei gestori o dei proprietari, l’ANSFISA ha già avviato una prima grande ricognizione chiedendo il coinvolgimento degli enti locali nella rilevazione dei dati per la conoscenza della propria rete di competenza.

Potrebbe interessarti il volume >  Il collaudo statico delle strutture. Scopri di più!

Il prossimo passo, si legge nella relazione, dovrebbe essere la costituzione un moderno sistema di supervisione e monitoraggio della sicurezza delle infrastrutture. In questo ambito, va visto il lavoro di ANSFISA sulle linee guida per la certificazione dei Sistemi di Gestione della Sicurezza che verranno poste in consultazione a breve in un clima di collaborazione con i diversi stakeholder del settore.

Dopo questo passaggio, l’obiettivo è quello di emanare le linee guida riportanti gli schemi dei SGS e per il riconoscimento, da parte dell’Agenzia, degli organismi per la loro certificazione. L’emanazione di queste linee guida consentirà il completamento del ciclo delle attività di vigilanza, con l’adozione delle procedure di supervisione e controllo nei vari settori di interesse stradale, del tutto compatibili con quelle già in essere nel settore ferroviario, nel perseguimento dell’obiettivo di un unico sistema procedurale indipendente dalla modalità di trasporto.

>> Scarica il pdf della relazione ANSFISA 2020 <<

Ti consigliamo i volumi

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

Andrea Barocci, 2020, Maggioli Editore

L’approvazione ad aprile 2020 delle Linee Guida per la verifica e il monitoraggio dei ponti stradali esistenti impegna le amministrazioni, gli enti gestori e i professionisti a fare un balzo in avanti per il miglioramento del nostro patrimonio infrastrutturale. Un...



La robustezza strutturale delle costruzioni e delle infrastrutture

LA ROBUSTEZZA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E DELLE INFRASTRUTTURE

LA ROBUSTEZZA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E DELLE INFRASTRUTTURE

Matteo Felitti, Francesco Oliveto, 2020, Maggioli Editore

Il presente eBook affronta in maniera sistematica il problema della valutazione della Robustezza Strutturale delle costruzioni e delle infrastrutture, secondo le norme vigenti (NTC 2018 e circolare applicativa n. 7/2019). È diviso in tre parti: nella Prima Parte sono descritti i vari...



Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici

Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici

Valutazione della robustezza di sistemi strutturali e geotecnici

Matteo Felitti, Francesco Oliveto, 2021, Maggioli Editore

“Un testo che declina dettagliatamente un concetto che reputo alla base della progettazione strutturale” (Franco Bontempi).“Nel volume non ci si limita ad introdurre in modo semplice la problematica, ma si guida il lettore alla comprensione della...



iStock.com/ustino73


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here