Home in evidenza Rifare il pavimento del viale di condominio

Rifare il pavimento del viale di condominio

Un condomino contrario può bloccare i lavori? Anche solo per motivi di alterazione estetica, dato che si vuole usare asfalto colorato (economico e facile da mantenere)? Leggi cosa fare e i permessi necessari

660

Oltre ai grandi lavori agevolati dal Superbonus e Bonus facciate, nei condomini è ci si sta dando grande da fare per sistemare le pavimentazioni esterne e i vialetti interni. Ma spesso ci sono problemi relativi a permessi da richiedere e condomini contrari ai lavori, non solo per motivi economici.

Nello specifico, oggi risponderemo al seguente quesito: è possibile rifare la pavimentazione con asfalto colorato su base cementizia (che comporterebbe un minore costo, una maggiore durata e una più facile manutenzione) data la maggioranza di legge per le opere straordinarie, o tutto può essere bloccato dall’opposizione anche di un solo condomino, basata sul fatto che si verrebbe a creare una variazione estetica?

>> Bonus pavimenti: come ottenere la detrazione al 110% <<

Rifare il pavimento del viale di condominio

DOMANDA

Il supercondominio ove abito è composto da sei palazzine con un viale interno di proprietà per l’accesso veicolare ai vari fabbricati, realizzato con betonelle colorate di cemento. Il viale, che già scontava una cattiva esecuzione iniziale dei lavori, si è progressivamente dissestato per il traffico di automobili e anche di mezzi pesanti.

Dovendo rifare la pavimentazione, è possibile realizzarla con asfalto colorato su base cementizia (il che comporterebbe un minore costo, una maggiore durata e una più facile manutenzione) con la maggioranza di legge per le opere straordinarie, o tutto può essere bloccato dall’opposizione anche di un solo condomino, basata sul fatto che si verrebbe a creare una variazione estetica?

Lo sai che la pavimentazione esterna non è attività edilizia libera?

RISPOSTA

A quanto sembra, l’opera descritta dal quesito rientra fra quelle di manutenzione straordinaria, e non di innovazione. Infatti, per costante giurisprudenza le modificazioni di un bene condominiale, per qualificarsi come innovazioni, devono comportarne l’alterazione dell’entità sostanziale e il mutamento dell’originaria destinazione (fra le altre, Cassazione civile, 26 maggio 2006, n. 12654). Modificare la pavimentazione del viale comune può quindi costituire un intervento straordinario, per cui è richiesta al massimo la maggioranza di cui all’articolo 1136, secondo comma, del Codice civile (maggioranza degli intervenuti e metà del valore dell’edificio).

Leggi anche: Cappotto termico in condominio: come si ripartiscono le spese?

Il problema dell’alterazione del decoro architettonico potrebbe sì essere sollevato, ma, per contestare sotto questo profilo i lavori deliberati, il condomino dissenziente dovrà dimostrare il pregiudizio economico per i condòmini a causa della perdita di valore dell’edificio. Si veda, fra le altre sentenze, Tribunale Bari, sezione III, 24 febbraio 2016, n. 1000, secondo cui, «in tema di condominio, la tutela del decoro architettonico è stata apprestata dal legislatore in considerazione della diminuzione del valore che la sua alterazione arreca all’intero edificio e, quindi, anche alle singole unità immobiliari che lo compongono.

>>>> Bonus facciate e parti private dei balconi

Pertanto, nelle relative controversie, il giudice del merito, per stabilire se in concreto vi sia stata lesione di tale decoro, oltre ad accertare se esso risulti leso o turbato, deve anche valutare se tale lesione o turbativa determini o meno un deprezzamento dell’intero fabbricato, essendo lecito il mutamento estetico che non cagioni un pregiudizio economicamente valutabile o che, pur arrecandolo, si accompagni a un’utilità la quale compensi l’alterazione architettonica che non sia di grave e appariscente entità».

>> Non perderti nessun quesito! Ricevi le nostre risposte

Ti consigliamo
Danni e difetti delle pavimentazioni da esterno e da interno

Danni e difetti delle pavimentazioni da esterno e da interno

Questo manuale descrive le possibili patologie riferite alle pavimentazioni da esterno e da interno offrendo una panoramica generale su metodologie progettuali e di intervento. La scelta di una pavimentazione deve essere la naturale conclusione di un processo decisionale che analizzi diversi aspetti.
La finalità di questo libro è quella di descrivere danni e difetti per saper prevenire, riconoscere e risolvere le problematiche che possono manifestarsi nel breve e lungo termine.
Progettare in modo lungimirante significa investire sulla sicurezza ed essere consapevoli che ogni pavimentazione rappresenta un elemento di permanenza.
Nel libro si illustrano i principali materiali attualmente utilizzati rendendo il lettore consapevole che non esiste una pavimentazione perfetta ma solo quella che si adatta meglio ad un particolare contesto e funzione.
Si focalizza l’attenzione verso una metodologia progettuale e di posa attenta e responsabile. Valorizzare il benessere abitativo o lavorativo all’interno degli ambienti passa attraverso accorgimenti utili che vengono inseriti nel corso della trattazione. Nel libro è presente una ricca rassegna di fotografie di patologie edilizie, di pavimentazioni esistenti e di materiali generici attualmente sul mercato. Un capitolo è interamente dedicato alla manutenzione che garantisce continuità di esercizio e cura del bene.
Sono stati descritti nell’opera anche i rivestimenti verticali in quanto significativi per fornire un’argomentazione completa.


Monja Marini
Ingegnere nel settore civile e ambientale. Ha svolto il percorso universitario in Ingegneria Edile Architettura presso l’Università degli Studi di Pavia ottenendo la laurea magistrale nel 2005. Appassionata di architettura e benessere abitativo svolge la propria attività nel territorio milanese e lombardo occupandosi in particolare di progettazione edilizia e comunicazione tecnica.

Leggi descrizione
Monja Marini, 2019, Maggioli Editore
29.00 € 23.20 €
Il controllo qualità nei pavimenti rigidi in calcestruzzo - Marzo 2021

Il controllo qualità nei pavimenti rigidi in calcestruzzo - Marzo 2021

Questa raccolta di schede in formato Excel e di modelli in formato Word costituiscono la parte operativa e applicativa illustrata nel volume "Controllo qualità nei pavimenti rigidi in calcestruzzo" di Umberto Stegher. 

Questo strumento composto da una raccolta di 60 schede personalizzabili, realizzato dall'Autore facendo tesoro della sua ultraventennale esperienza nel campo delle pavimentazioni industriali in cls, consente di monitorare e controllare la qualità:
- delle attività propedeutiche all'apertura del cantiere (riscontrabili a quanto disposto dall’art 26, comma 8 del D.Lgs. 81/2008, come attività di fase preliminare del Direttore dei Lavori che deve interagire con l'Esecutore); 
- della attività di cantiere (relative alle funzioni di controllo del Direttore dei Lavori con riferimento esplicito ai lavori affidati in subappalto); 
- delle attività successive al getto (comprende tutte le attività di controllo sulla corretta e conforme esecuzione delle pavimentazioni in calcestruzzo, la verifica ed il monitoraggio delle mancate conformità con gli eventuali ripristini, lo smaltimento dei rifiuti di cantiere e la chiusura dei lavori con la consegna al cliente.).

Le schede sono organizzate in capitoli:
Procedure operative
Attività propedutiche
Cantiere
Operazioni di getto
Controlli post getto
Materiali
Letteratura
Ammaloramenti e difetti
Ripristino giunti
Programma delle manutenzioni

Leggi descrizione
Umberto Stegher, 2021, Maggioli Editore
25.00 € 20.00 €

Foto: iStock/Afonkin_Yuriy


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here