Home in evidenza Autorizzazione paesaggistica: i motivi sul no del Consiglio di Stato

Autorizzazione paesaggistica: i motivi sul no del Consiglio di Stato

Si può costruire un nuovo insediamento commerciale e direzionale in un'area in cui c'è un vincolo paesaggistico? E se l'area in questione è già stata urbanizzata e antropizzata? Il Consiglio di Stato risponde con una sentenza

803

Vincolo paesaggistico: ricognitivo di legge

A ogni modo, tra le argomentazioni principali rimane la questione del vincolo paesaggistico di cui è soggetta l’area, considerato ricognitivo di legge, secondo l’art.142 del Dlgs 42/2004. Infatti, essendo vincolo ope legis viene riconosciuto a livello legislativo per cui non viene dato l’indennizzo e ha validità illimitata.

Ad ogni modo, la tutela del vincolo sussiste ancora, anche perché la sentenza della Corte costituzionale n.240 del 2020, ha annullato, come eccedente le attribuzioni regionali, la deliberazione n.5 del 2019, di approvazione del Piano stesso, non inficiando sull’efficacia della sua adozione.

>>Potrebbe interessarti anche: Superbonus Edifici Vincolati, per quali interventi<<

La sentenza in secondo grado del Consiglio di Stato

La sentenza di secondo grado afferma l’idea per cui l’avvenuta edificazione di un’area o il suo degrado non costituiscono ragione sufficiente per escludere l’imposizione di un vincolo, e inoltre si aggiunge il giudizio di incompatibilità di un intervento con il vincolo esistente, che in sintesi va a contenere altri possibili danni e a preservare quanto rimasto dell’originario valore paesaggistico. Gli organi che hanno come oggetto di lavoro la tutela dei vincoli paesaggistici o archeologici devono valutare come “salvare il salvabile”.

Da queste constatazioni si arriva quindi al capovolgimento della sentenza di primo grado e alla successiva conferma del provvedimento di diniego della Soprintendenza.

Recovery fund. Non solo Superbonus, ecco tutte le risorse per l’edilizia

Ti consigliamo

Il Testo Unico dell’Edilizia: attività edilizia e titoli abilitativi dei lavori

Il Testo Unico dell’Edilizia: attività edilizia e titoli abilitativi dei lavori

Il T.U.E. ha subito, negli anni, una serie di modifiche radicali. 

L’opera, abbinando il dovuto rigore ad un taglio operativo, permette di individuare, per ogni singolo articolo, la norma e la giurisprudenza vigente tempo per tempo.

Ciò risulta particolarmente utile, per esempio, ove sia necessario verificare il rispetto delle norme vigenti in un dato arco temporale al fine di stabilire la regolarità del manufatto (elemento peraltro necessario per poter godere dei Superbonus fiscali).

L’opera è indirizzata ai professionisti tecnici costretti a confrontarsi quotidianamente con norme di difficile interpretazione anche per gli esperti.

Il manuale esamina dettagliatamente la prima parte del Testo Unico dell’edilizia (articoli 1-51) focalizzata sull’attività edilizia e sui titoli abilitativi e presenta una serie di peculiarità che la differenziano da lavori analoghi:
- ogni articolo presenta il testo vigente e la versione storica, indicando la norma intervenuta;
- gli articoli sono arricchiti da un commento e da oltre 2.000 riferimenti giurisprudenziali;
- la giurisprudenza riporta: il riferimento (organo giudicante, Sezione, data e numero), un titolo per orientare il lettore e la massima.

Il testo del codice è aggiornato con oltre 35 provvedimenti legislativi a partire dalla legge Lunardi fino al decreto Semplificazioni.

In appendice sono presenti le c.d. definizioni standardizzate e il quadro dei principali lavori edilizi secondo la riforma Madia.

 

Donato Palombella
si è laureato in Giurisprudenza (laurea quadriennale) con il massimo dei voti e plauso della commissione, discutendo una tesi in Diritto amministrativo. Ha un Master per Giuristi d’Impresa ottenuto presso l’Università di Bologna con specializzazione in opere pubbliche; successivamente ha seguito numerosi corsi specialistici su temi giuridici, economici e finanziari. Ha acquisito esperienza ultra trentennale nel Diritto immobiliare, prima all’interno di studi professionali e poi in aziende operanti nel settore edile-immobiliare. Collaboratore storico di numerose testate specialistiche di rilevanza nazionale, partecipa al comitato scientifico di alcune riviste giuridiche. È autore di numerose opere in materia di Edilizia, Urbanistica, Tutela del consumatore in ambito immobiliare, Contrattualistica immobiliare e Condominio presenti presso le principali biblioteche universitarie e dei Consigli regionali.

Leggi descrizione
Donato Palombella, 2021, Maggioli Editore
49.00 € 46.55 €

 

Foto: iStock/Orietta Gaspari


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here