Home Bonus Edilizia Bonus facciate e parti private dei balconi

Bonus facciate e parti private dei balconi

C'è differenza tra balconi incassati e aggettanti? Sì, e a distinguerli è soprattutto la ripartizione delle spese. Ecco i dettagli e il ruolo dell'amministratore

3537

I criteri di ripartizione delle spese variano a seconda della tipolo­gia di balconi su cui dovranno essere posti gli interventi di manutenzione. In particolare, bisogna distinguere i balconi “incassati” rispetto ai balconi cosiddetti “aggettanti” (ovvero quelli che sporgono rispetto al fronte facciata).

Per quale motivo? Cosa cambia ai fini delle agevolazioni? E l’amministratore che ruolo ha? Vediamo la questione in dettaglio.

>> Superbonus, condomino contrario ai lavori: come fare rivalsa <<

Bonus facciate e parti private dei balconi

L’art. 1125 c.c. può essere applicato come criterio di ripartizione spese nel caso ci si trovi di fronte ai c.d. balconi “incassati”.

Tali tipi di balcone, come dice la parola stessa, non sporgono rispet­to ai muri perimetrali dell’edificio, restando incassati all’interno di quest’ultimo.

Leggi anche: Rifare i pavimenti con il Super Sismabonus

In questo caso si ritiene che la soletta dei balconi costituisca prolungamento del solaio stesso e, pertanto, svolga le funzioni di separazione, copertura e sostegno dei diversi piani dello stabile con­dominiale.

I balconi aggettanti, costituiscono un prolungamento della corrispondente unità immobiliare e appartengono, in via esclusiva, al pro­prietario di quest’ultima.

Pertanto, anche nei rapporti con il proprietario di analogo manu­fatto che sia posto al piano sottostante sulla stessa verticale, nell’i­potesi di strutture completamente aggettanti non può riconoscersi alla soletta del balcone funzione di copertura rispetto al balcone sottostante; del resto non è neppure possibile parlare di sostegno indispensabile per l’esisten­za dei piani sovrastanti e non può parlarsi di elemento a servizio di entrambi gli immobili posti su piani sovrastanti. In entrambi tipi di balconi (incassati o aggettanti) il titolare dell’appartamento a cui accede il balcone è tenuto a sostenere le spese di manutenzione del pavimento del balcone, nonché quella di manutenzione dei davanzali e della parte interna dei parapetti.

>> Bonus facciate, l’efficienza energetica è un requisito indispensabile?

Balconi e delibere nulle

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che il bonus facciate spetta per le spese sostenute per il rifacimento di parti di proprietà esclusiva del singolo condomino, quali la copertura del piano di calpestio che, a causa della rottura delle piastrelle, provoca infiltrazioni di acqua piovana, provocando il distacco dell’intonaco; per la sostituzione dei pannelli in vetro, rinforzati con una rete metallica interna, che costituiscono le pareti perimetrali del balcone; per la tinteggiatura delle intelaiature metalliche di sostegno dei pannelli di vetro.

Per queste opere private l’assemblea condominiale non potrà assumere valide decisioni con la conseguenza che è nulla la delibera assembleare che disponga in ordine al rifacimento della relativa pavimentazione dei balconi di proprietà esclusiva degli appartamenti (Cass. civ., sez. II, 12/03/2020, n. 7042).

Sul tema: Verande abusive, il problema nel Superbonus

Allo stesso modo deve essere dichiarata nulla quella decisione assembleare che non consente di distinguere con certezza se i lavori necessari si riferiscono alla struttura del balcone o a quelle parti da considerare comuni in quanto costituenti elementi decorativi dell’edificio (Trib. Roma, 09/07/2020, n. 9989).

In ogni caso, le spese relative alla manutenzione della pavimentazione o altre parti esclusive del balcone devono restare a carico del solo proprietario che vi accede e non possono essere ripartite tra tutti i condomini in base al valore della proprietà di ciascuno (Cass. civ., sez. II, 30/04/2012, n. 6624; Cass. civ., sez. II, 17/07/2007, n. 15913).

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Bonus facciate e ruolo dell’amministratore

Per quanto sopra per il rifacimento di queste parti private dovranno sorgere tanti distinti rapporti tra appaltatore e singoli condomini: in altre parole saranno stipulatialmeno due contratti di appalto: uno dal condominio, per il rifacimento di parti comuni (la facciata) e l’altro, stipulato dai singoli condomini, relativo al rifacimento di parti di proprietà esclusiva (oppure potrebbero esserci tanti contratti quanti sono i proprietari di balconi). In tal caso, ai sensi dell’articolo 1188 c.c., il pagamento di tali opere private deve essere fatto al creditore – appaltatore o al suo rappresentante, ovvero alla persona indicata dal creditore o autorizzata dalla legge o dal giudice a riceverlo.

Potrebbe interessarti: Colonnine elettriche in condominio: obbligo, disciplina e agevolazioni

Se per le stesse opere non condominiali il singolo condomino effettua dei pagamenti all’amministratore, sempre ai sensi dell’articolo 1188 c.c., secondo comma, il pagamento fatto a chi non era legittimato a riceverlo libera il debitore, se il creditore lo ratifica o se ne ha approfittato. È possibile, però, che l’amministratore sia munito del mandato da parte dei singoli proprietari e, in relazione a tali spese, sia stata esclusa dal contratto d’appalto ogni forma di sussidiarietà della collettività condominiale: in tal caso il creditore (appaltatore) può ricevere quanto dovuto dal proprietario del balcone, tramite l’amministratore.

>> Vuoi provare a calcolare il Superbonus? Usa questo Software >> INFO E DEMO GRATUITA

In ogni caso merita di essere ricordato che il condominio si pone, verso i terzi, come soggetto di gestione dei diritti e degli obblighi dei condomini, attinenti alle parti comuni, sicché l’amministratore è rappresentante necessario della collettività dei partecipanti, sia quale assuntore degli obblighi per la conservazione delle cose comuni, sia quale referente dei relativi pagamenti (Cass. civ., sez. VI, 17/02/2014, n. 3636).

>> Sei interessato alle notizie sul condominio? Qui trovi tutte le ultime novità

Articolo di Giuseppe Bordolli, consulente legale condominialista.

Ti consigliamo i volumi

Manuale operativo del condominio

Manuale operativo del condominio

Massimo Serra (a cura di), 2020, Maggioli Editore

Il volume risulta essere unico nel suo genere nel panorama editoriale. Nella filosofia Maggioli il testo è stato concepito per essere fruito rapidamente da operatori del settore e non, fino a fornire nozioni giuridiche sempre con finalità pratiche. La...



Preferisci acquistare il Manuale Operativo del Condominio su Amazon? Lo trovi qui

Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento  dei fornitori

Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento dei fornitori

Gianfranco Di Rago, 2021, Maggioli Editore

Il recupero delle quote di spesa per la gestione dei beni e dei servizi comuni dai condomini morosi è un problema di stretta attualità e con chiari riflessi pratici nell’attività dell’amministratore di condominio.  Che fare, allora? Questo...



Preferisci acquistare Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento dei fornitori su Amazon? Lo trovi qui

Guida alla ripartizione delle spese condominiali

Guida alla ripartizione delle spese condominiali

Giuseppe Bordolli, 2021, Maggioli Editore

Il presente volume, con riferimento costante al dato normativo e alle decisioni più recenti dei giudici, offre al lettore le conoscenze per utilizzare al meglio i principi generaliche sono alla base della ripartizione degli oneri condominiali e del recupero crediti. In...



Preferisci acquistare la Guida alla Ripartizione delle Spese Condominiali su Amazon? La trovi qui

Foto: iStock/adisa


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here