Home Progettazione Impianti Danni raccordo tubazioni acqua: a carico di chi sono in condominio?

Danni raccordo tubazioni acqua: a carico di chi sono in condominio?

Come viene considerato uno dei collegamenti tra impianto idrico condominiale e tubo del singolo condomino? A carico di chi sono i danni conseguenti alla rottura del raccordo tra le tubazioni? Le risposte nell'articolo.

1827
Danni raccordo tubazioni acqua

Un condomino, a seguito di infiltrazioni d’acqua verificatesi nel suo appartamento, richiedeva in giudizio il risarcimento dei danni al proprietario dell’appartamento soprastante ed al condominio.

Si costituivano i convenuti chiedendo l’autorizzazione a chiamare in causa le rispettive compagnie di assicurazione e, in ogni caso, il rigetto della richiesta di risarcimento; successivamente il CTU, all’esito delle osservazioni dei luoghi, riteneva che le infiltrazioni fossero state causate dalla rottura di un tratto della rete di scarico destinato a raccogliere sia le acque meteoriche provenienti dalla copertura sia le acque di scarico provenienti dalla cucina dell’appartamento soprastante. Tale accertamento tecnico non veniva contestato dal condominio né in sede di CTU, né in comparsa conclusionale.

Vediamo cosa è emerso dalla sentenza del 5 marzo 2021, n. 1908 del Tribunale di Milano. Il riferimento normativo è l’art. 2051 c.c. mentre i precedenti giurisprudenziali a cui si fa riferimento nell’articolo è la Sentenza del 01/06/2016 n. 948 del Tribunale di Pescara.

Sei interessato alle notizie sul condominio? Qui trovi tutte le ultime novità

I danni raccordo comune tubazioni acqua sono a carico del condominio?

La questione è: i danni conseguenti alla rottura del raccordo su cui si inseriscono sia il tubo proveniente da un appartamento sia il tubo condominiale che raccoglie l’acqua piovana proveniente dalla copertura comune sono a carico del condominio?

Il Tribunale ha ritenuto che la responsabilità per le infiltrazioni e i conseguenti danni patiti dall’attrice andassero ascritti esclusivamente al condominio poiché il perito, all’esito delle osservazioni dei luoghi, aveva ritenuto che le infiltrazioni fossero state causate dalla rottura di un tratto della rete di scarico che raccoglieva sia le acque meteoriche provenienti dalla copertura sia le acque di scarico provenienti dalla cucina dell’appartamento di proprietà della convenuta, cioè un tratto di tubazione da considerare di proprietà condominiale.

Secondo lo stesso giudice, la colpevolezza del condominio era risultata chiara sia in considerazione della mancata contestazione delle conclusioni del CTU, sia dal fatto che i condomini avevano spontaneamente provveduto a riparare lo scarico prima dell’instaurazione del giudizio. Di conseguenza il giudice milanese ha affermato la responsabilità ex art. 2051 c.c. del condominio, derivando i danni subiti dall’attrice da una bene di proprietà condominiale sulla quale i condomini esercitano poteri di custodia.

In ogni caso è stata accolta la domanda subordinata del condominio di manleva nei confronti della compagnia di assicurazioni per l’intero danno liquidato, in quanto è risultata provata l’esistenza di una polizza a copertura del rischio di responsabilità civile del condominio anche nei confronti dei singoli condomini.

Potrebbe interessarti

Preferisci acquistare il Manuale del CTU, dell’esperto stimatore e del perito su Amazon? Lo trovi qui

Prima della legge di riforma, ai sensi dell’articolo 1117 c.c., n. 3 nella sua originaria formulazione, i canali di scarico erano oggetto di proprietà comune solo fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva, esclusi quindi i relativi collegamenti (cioè le braghe).

Secondo il “nuovo” articolo 1117 c.c., n. 3, invece, sono oggetto di proprietà comune gli impianti fognari, compresi i relativi collegamenti (prima non menzionati dal vecchio articolo 1117 c.c.) fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini.

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Per tale ragione è stato affermato che se il punto di rottura della braga non ha riguardo al tratto di tubi a servizio dei singoli appartamenti ma si trova nella sua parte bassa, cioè nel punto in cui tale braga è strutturalmente collegata al tratto verticale dello scarico (del quale costituisce parte essenziale, senza la quale lo scarico verticale non sarebbe in grado di svolgere la sua funzione) le spese per la riparazione ed i danni sono a carico del condominio (Cass. civ., sez. III, 19/01/2012, n. 778).

Questo nuovo orientamento giurisprudenziale è stato seguito da alcune decisioni di merito (ad esempio (Trib. Verona 12 aprile 2016, n. 930). La Cassazione, però, nel 2018 ha ribadito che, a norma dell’art. 1117 c.c., n. 3 (nella precedente formulazione applicabile ratione temporis alla fattispecie che ci occupa, ma il principio non è stato modificato), si presumono comuni i canali di scarico solo “fino al punto di diramazione” degli impianti ai locali di proprietà esclusiva.

Si è osservato che, mentre la proprietà comune condominiale è tale perché serve all’uso (e al godimento) di tutti i partecipanti, la braga, invece, serve soltanto a convogliare gli scarichi di pertinenza del singolo appartamento, a differenza della colonna verticale che, raccogliendo gli scarichi di tutti gli appartamenti, serve all’uso di tutti i condomini (Cass. civ., sez. II, 17/01/2018, n. 1027).

Nella decisione in commento, però, si afferma ancora una volta che è da considerare condominiale uno dei collegamenti tra impianto idrico condominiale e tubo del singolo condomino.

Articolo di Giuseppe Bordolli, consulente legale condominialista.

Ti consigliamo i volumi

Manuale operativo del condominio

Manuale operativo del condominio

Il volume risulta essere unico nel suo genere nel panorama editoriale.

Nella filosofia Maggioli il testo è stato concepito per essere fruito rapidamente da operatori del settore e non, fino a fornire nozioni giuridiche sempre con finalità pratiche.

La tematica condominiale è solita essere analizzata con poca attenzione ma oggi è stata trattata come una vera e propria branca del diritto civile e come tale merita di essere esaminata completamente.

Dalla lettura dei singoli capitoli emergono chiari i concetti e lo stile esplicativo raggiunge l’obiettivo di implementare la conoscenza individuale.

L’opera riesce a dare una nozione completa e non vi è argomento che sia trattato parzialmente.

Infatti dopo l’inquadramento del condominio e delle proprietà dello stesso si passa alla trattazione dei rapporti tra condominio e terzi e tra i condomini, fino ad avere chiarezza sulla ripartizione delle spese e sulle tabelle millesimali, con la esaustiva trattazione della figura dell’amministratore, sui vizi delle assemblee e sulla modalità della videosorveglianza.

L’appendice a cura del Presidente della ASS.I.A.C., Concetta Cinque, esamina le possibilità che l’ordinamento concede ai condomini per svolgere le assemblee sotto l’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

Il testo risulta un vero e proprio strumento indispensabile per chi vuole o deve essere sempre aggiornato sul condominio.

La formula unica dell’esposizione delle tematiche fa di quest’opera un fondamentale compagno per il “viaggio lavorativo” ed un prezioso testo formativo, necessario ad ogni livello di conoscenza.

 

Massimo Serra
Curatore e Coautore dell’opera, Avvocato Cassazionista del Foro di Roma, titolare e fondatore dello studio legale S.L.S., con esperienza ultra ventennale nel settore condominiale e dei diritti reali in genere. Cultore di diritto privato e formatore in seminari specialistici con riguardo alla figura dell’avvocato nella difesa del condominio e relazioni tra difesa, amministratore, controparte e condomini. Docente in scuole, centri di studi giuridici di diritto privato e penale e membro del comitato editoriale di rivista
sul diritto dell’internet. Esperto di riscossione del credito con pubblicazioni sul credito condominiale e sulla solvibilità del condominio. Partecipazione in qualità di relatore a
conferenze sulla mediazione e sulla negoziazione assistita in ambito condominiale. Partecipazione ad appuntamenti di studio. Ha curato il manuale del condominio oltre a pubblicare monografie ed edizioni scientifiche sullo stesso tema ed altri istituti collegati e connessi quali la multiproprietà, la comunione, la locazione, gli appalti e la responsabilità nel mandato.

Leggi descrizione
Massimo Serra (a cura di), 2020, Maggioli Editore
54.00 € 51.30 €

Preferisci acquistare il Manuale Operativo del Condominio su Amazon? Lo trovi qui

Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento  dei fornitori

Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento dei fornitori

Il recupero delle quote di spesa per la gestione dei beni e dei servizi comuni dai condomini morosi è un problema di stretta attualità e con chiari riflessi pratici nell’attività dell’amministratore di condominio. 

Che fare, allora?

Questo manuale risponde alle necessità del professionista e offre un supporto teorico e pratico su come agire correttamente e con successo per recuperare le quote dei condomini inadempienti e gestire il pagamento dei fornitori.

A testimonianza dell’impronta operativa, sono associati al volume una raccolta di formulari pronti per l’uso e una rassegna di giurisprudenza, essenziale per delineare le strategie più corrette nella messa in pratica delle procedure di recupero.

Alla fine di ogni capitolo sono proposte delle tabelle di sintesi che forniscono “per punti” gli elementi essenziali della trattazione e gli argomenti sono facilmente reperibili grazie all’utile indice analitico per argomenti, posto al termine dell’opera.

Tra i temi trattati nel manuale, si evidenziano in particolare: 
• i ruoli, le competenze e i poteri in capo all’amministratore e all’assemblea; 
• l’individuazione dei soggetti chiamati a partecipare alle spese (dai proprietari agli inquilini, senza dimenticare gli usufruttuari) e i casi particolari (p.es. il decesso di un proprietario); 
• gli strumenti e le modalità per il recupero delle spese in via giudiziale ed extra giudiziale o tramite l’istituto della mediazione; 
• le obbligazioni nei confronti dei fornitori.

Gianfranco Di Rago
Avvocato in Milano, abilitato al patrocinio presso la Suprema Corte di Cassazione, si occupa di diritto civile (www.studiolegaledirago.it). È altresì Giudice onorario del Tribunale Civile di Genova. È stato mediatore civile e formatore accreditato presso il Ministero della giustizia in base al D.M. 180/2010. È altresì formatore in materia di diritto condominiale ed è stato Responsabile Scientifico in numerosi corsi di formazione e aggiornamento per amministratori condominiali in base al D.M. 140/2014. Affianca all’attività professionale quella di ricerca ed editoriale. Da quasi 20 anni collabora con il quotidiano “ItaliaOggi”, per il quale cura la sezione immobiliare, e con numerose altre riviste giuridiche. È autore di numerosi volumi in materia di condominio e locazioni, nonché di articoli e note a sentenza.

Leggi descrizione
Gianfranco Di Rago, 2021, Maggioli Editore
18.00 € 17.10 €

Preferisci acquistare Il recupero delle quote dei condomini e il pagamento dei fornitori su Amazon? Lo trovi qui

Guida alla ripartizione delle spese condominiali

Guida alla ripartizione delle spese condominiali

Il presente volume, con riferimento costante al dato normativo e alle decisioni più recenti dei giudici, offre al lettore le conoscenze per utilizzare al meglio i principi generali
che sono alla base della ripartizione degli oneri condominiali e del recupero crediti. 

In particolare il volume affronta il tema della variegata terminologia utilizzata dal legislatore per le spese condominiali in generale, analizzando i criteri generali che presiedono alla ripartizione, ponendo in luce la loro derogabilità.

Nella seconda parte del volume si affronta, in modo esaustivo, la disciplina della ripartizione delle spese delle diverse parti comuni, delle scale, del solaio, del lastrico e della terrazza a livello di uso esclusivo e degli impianti comuni.

Particolare attenzione viene dedicata al problema del riparto delle spese di riscaldamento dopo il passaggio alla termoregolazione e contabilizzazione di calore secondo le indicazioni contenute nella legge, tenendo conto delle novità contenute nel nuovo d.lgs. 102/2014, modificato dal d.lgs. 14 luglio 2020.

Non poteva mancare poi un’analisi dello “spinoso” tema delle spese di manutenzione e ricostruzione dei balconi.

L’ultimo capitolo tratta in modo diretto e pratico dei principali temi legati al recupero crediti, affrontando tutte le principali problematiche legate al rapporto tra creditori e debitori nel settore condominiale.

 

Giuseppe Bordolli
Mediatore e docente in corsi di formazione per le professioni immobiliari, è esperto di Diritto immobiliare con pluriennale esperienza in attività di consulenza per amministrazioni condominiali e società di intermediazione immobiliare. È collaboratore del Quotidiano condominio 24 ore, di Diritto.it e di varie riviste di diritto immobiliare. Autore di numerose pubblicazioni in materia.

Leggi descrizione
Giuseppe Bordolli, 2021, Maggioli Editore
34.00 € 32.30 €

Preferisci acquistare la Guida alla Ripartizione delle Spese Condominiali su Amazon? La trovi qui

Foto: iStock.com/grinvalds


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here