Home in evidenza Cappotto esterno e interno. Come evitare la condensa, superficiale e interstiziale?

Cappotto esterno e interno. Come evitare la condensa, superficiale e interstiziale?

Esistono degli accorgimenti pratici da mettere in atto. Vediamo nello specifico come si comportano dal punto di vista igro-termico una parete con cappotto esterno e una parete con cappotto interno e controparete.

490
cappotto come evitare condensa

Gli accorgimenti pratici tesi ad evitare la formazione di condensa superficiale e interstiziale si possono riassumere in questi quattro punti importanti.

  1. Diffusione del vapore attraverso l’involucro edilizio: quanto più possibile.
  2. Tenuta al vapore: nella misura richiesta dal progetto. Abbinata alla tenuta all’aria.
  3. Ventilazione, naturale e meccanica. Evitare la ventilazione “spontanea” (mediante tenuta all’aria).
  4. Buona coibentazione. Evitare e risolvere i ponti termici (geometrici e costruttivi).

Analizziamo nel dettaglio soprattutto i primi due aspetti e vediamo nello specifico come si comportano dal punto di vista igro-termico una parete con cappotto esterno e una parete con cappotto interno e controparete.

L’analisi è tratta dal volume Progettare gli edifici ad energia zero di Federico Arieti edito da Maggioli Editore.

Leggi anche: Cappotto termico esterno: come è fatto e come avviene la posa

Diffusione del vapore

Richiamiamo, delle quattro proprietà fisiche dei materiali da costruzione citate in apertura, quella di cui fin qui abbiamo meno discusso: μ, il fattore di resistenza al passaggio del vapore. Più basso è questo valore adimensionale, più permeabile risulta essere al passaggio del vapore un materiale.

Dal punto di vista igrometrico, la successione ideale dei materiali implica che si dispongano, da dentro a fuori, strati costruttivi progressivamente più aperti alla diffusione del vapore.

In tal modo il pacchetto stesso risulta aperto alla diffusione nella direzione lungo la quale il vapore diffonde (perlomeno in regime invernale). È consuetudine definire questa disposizione, per grado crescente di diffusione verso l’esterno, come una “V favorevole” (Fig.1).

evitare la condensa
Fig.1_Una stratigrafia semplificata, con i soli strati significativi, a titolo d’esempio. Materiali disposti, da dentro a fuori: da quello meno aperto a quello più aperto alla diffusione del vapore. Si tratta di una “V favorevole” alla fisiologica diffusione del vapore verso l’esterno attraverso il pacchetto (in regime invernale) ©Progettare edifici a energia zero – Maggioli Editore

Quali unità di misura definiscono questa apertura alla diffusione? Naturalmente il valore μ costituisce una proprietà dei materiali “nudi e crudi”. Ma all’interno di una stratigrafia, i materiali figurano con uno spessore definito. Va pertanto introdotta un’ulteriore grandezza, riferita allo specifico spessore dei materiali posti in stratigrafia: il valore sd, prodotto del μ di un materiale moltiplicato per il suo spessore, ed espresso quindi in metri.

Potrebbe interessarti: Superbonus: perché non usare il sughero per il cappotto?

Tenuta al vapore

Un pacchetto “diffondente” al vapore, in generale, dove possibile, è meglio di uno “chiuso alla diffusione”.

Ma una tenuta al vapore (“blanda”, “media”, o “totale” ch’essa sia) è comunque opportuna. Volendosi attenere, per comodità di trattazione, ad uno schema consueto, si possono indicare tre famiglie di tenute al vapore:

  • teli traspiranti → elevata permeabilità al vapore (elevata apertura alla diffusione);
  • freni al vapore → parziale permeabilità al vapore;
  • barriere al vapore → nessuna permeabilità al vapore (chiusura alla diffusione).

Queste tre tipologie si caratterizzano per range diversi di valore sd:

  • teli traspiranti → sd < 0,1 m;
  • freni al vapore → 1 < sd < 20 m;
  • barriere al vapore → sd > 20 m.

Lo strato di tenuta al vapore, per risultare efficace, dev’essere continuo e privo d’interruzioni. Generalmente, esso coincide con lo strato di tenuta all’aria interna. Si può realizzare, tecnologicamente, con elementi/materiali di vario.

Non perderti: Cappotto termico, cattive applicazioni e conseguenze

Caso pratico: parete con cappotto esterno

Vediamo nel dettaglio il funzionamento, dal punto di vista igro-termico, della parete in
figura 2. Se, ad esempio, immaginiamo che i materiali rappresentati siano:

  • laterizio forato, μ = 5,
  • cappotto esterno in lana di roccia, μ = 1,
  • possibilmente evitando l’intonaco plastico, poco traspirante, e prediligendo ad esempio la calce, il pacchetto funziona bene: i materiali traspirano, e sono collocati secondo la V favorevole.
evitare la condensa
Fig.2_Una parete con cappotto esterno ©Progettare edifici a energia zero – Maggioli Editore

E se, al posto della lana di roccia, supponiamo di mettere l’EPS, μ >/= 30? È chiaro che non stiamo più assecondando la V favorevole. Se ragioniamo anche in termini di sd, con gli spessori ipotizzati in figura 2, perveniamo alla medesima consapevolezza.

Ma questo non è di per sé sinonimo di una stratigrafia inammissibile: dovremo conferire una tenuta al vapore sull’interno, lievemente più corposa rispetto al caso in cui la V risulti favorevole. Nel caso specifico, tecnologicamente può provvedere l’intonaco.

È d’altra parte usuale riscontrare pareti in laterizio con cappotto esterno in EPS: esse di norma non risultano vittime della condensa, ciò a sostegno della nostra tesi.
In una parete come quella ipotizzata sopra, che sia stata sensatamente coibentata dall’esterno, nell’interfaccia tra laterizio e lana di roccia (supponendo si tratti di lana di roccia) la temperatura non è ancora scesa sotto 13,2°C, quindi non si rischia la condensa interstiziale (ipotizzate le “condizioni standard” introdotte prima).

Leggi anche: Cappotto termico per facciata, guida all’isolamento

Caso pratico: parete con cappotto interno e controparete

Consideriamo invece il caso tipico di un risanamento in cui si possa posare solo cappotto interno (fig.3). Qui l’interfaccia tra isolante e parete si troverà, con molta probabilità, ben al di sotto della temperatura di rugiada. Normalmente, in questi casi, in regime invernale occorre interdire completamente l’ingresso del vapore all’interno del pacchetto: stiamo dunque parlando dell’impiego di una barriera al vapore.

evitare la condensa
Fig.3_Una parete con cappotto interno e controparete ©Progettare edifici a energia zero – Maggioli Editore

Ma, a scanso d’equivoci, occorre a questo punto fare una precisazione. Il distinguo tra freno e barriera, accreditato dalla letteratura scientifica, non corrisponde necessariamente a soluzioni tecnologiche distinte, afferenti all’una o all’altra categoria in modo esclusivo.

Dal punto di vista tecnologico è infatti possibile impiegare teli igrovariabili. Come suggerito dal nome, essi sono in grado di modulare la propria permeabilità, in entrambe le direzioni, sulla base del gradiente pressorio. L’igrovariabilità è una potenzialità molto importante, per più ragioni. Eccone in sintesi alcune.

Se la logica della stratigrafia “diffondente” e della “V favorevole” risulta infatti ottimale in regime invernale, d’estate invece, essendo più fresco l’ambiente interno rispetto all’aria esterna, il gradiente pressorio tenderà ad invertirsi, con effetti tanto più pronunciati quanto più caldo è il clima esterno.

Ancora, durante la costruzione di un fabbricato è inevitabile che i materiali appena posati in opera contengano un carico di umidità (proveniente dalle malte impiegate, o anche solo acquisito durante lo stoccaggio) che sarà opportuno possano smaltire. In casi di questo tipo, la presenza di una barriera al vapore sul lato interno del pacchetto costruttivo risulta assai rischiosa, impedendo al vapore di abbandonare la stratigrafia stessa permeando all’interno (da dove è facile rimuoverlo, anche semplicemente con un’efficace ventilazione naturale notturna).

>> Non perderti nessuna notizia! Ricevi le nostre news

La presenza di un sistema igrovariabile, rispetto ad una barriera “pura”, consente di beneficiare di una barriera durante l’inverno, e di un telo traspirante durante l’estate, il tutto nel medesimo elemento tecnologico, evitando quindi i rischi, specie estivi, connessi all’impiego di quella che abbiamo definito una barriera “pura”.

Dove si faccia uso di una barriera al vapore, è particolarmente raccomandabile l’integrazione di un sistema di VMC (scelta normalmente indicata in tutti i casi in cui si voglia realizzare un edificio efficiente): quest’ultima provvederà costantemente a ventilare l’ambiente e quindi a rimuovere l’eccesso di vapore acqueo.

Lo strato di tenuta al vapore spesso può coincidere con un altro strato fondamentale: la tenuta all’aria interna.

A che cosa serve?

  • A ridurre le dispersioni energetiche per ventilazione “involontaria”;
  • a garantire un buon funzionamento della ventilazione meccanica controllata, se presente;
  • ad evitare la formazione di “vie di passaggio” al vapore attraverso l’involucro.

Continua a leggere dal volume

Progettare edifici a energia zero

Progettare edifici a energia zero

Federico Arieti, 2021, Maggioli Editore

Questo volume, giunto alla seconda edizione, pone base sul presupposto che realizzare un edificio ad energia zero ed elevato comfort ambientale non significa ragionare in termini di centimetri di coibente, né di mere tematiche “impiantistiche” (rilevanti, ma in seconda...



Preferisci acquistare il volume Progettare edifici a energia zero su Amazon? Lo trovi qui

Ti consigliamo anche

Gli isolanti termici in edilizia

Gli isolanti termici in edilizia

Massimo Rossetti, Domenico Pepe, 2020, Maggioli Editore

Il tema degli isolanti termici per l’edilizia rappresenta uno dei più importanti ambiti nel settore delle costruzioni contemporaneo. I livelli progressivamente crescenti nella richiesta di contenimento dei consumi energetici da un lato e le ricadute di...



Preferisci acquistare il volume Gli isolanti termici in edilizia su Amazon? Lo trovi qui

Foto: iStock.com/Pannonia


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here