Home Sicurezza Luoghi di Lavoro Quaderni INAIL: pubblicato il documento illustrato dedicato alle casseforme

Quaderni INAIL: pubblicato il documento illustrato dedicato alle casseforme

L’ultima pubblicazione INAIL è dedicata alle casseforme che garantiscono il contenimento del calcestruzzo durante le fasi di getto e maturazione.

189
casseforme

INAIL parla di sicurezza attraverso le immagini che corredano il nuovo quaderno dedicato alle casseforme di cantiere, con l’obiettivo di catturare l’attenzione e fornire indicazioni utili per tutelare la sicurezza dei lavoratori e prevenire il fenomeno infortunistico sui luoghi di lavoro.

La collana “Quaderni per immagini”, realizzata dalla Direzione centrale pianificazione e comunicazione e il Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici (Dit) nasce dopo i celebri “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” riguardante i dispositivi di protezione, le opere provvisionali e le attrezzature utilizzate dai lavoratori.

Nei nuovi quaderni INAIL è stato dato ampio spazio alle immagini, riducendo i testi tradotti in più lingue: italiano, francese, inglese, albanese e romeno superando così gli ostacoli delle barriere linguistiche.

Leggi anche: Vigilanza cantiere. Il coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione è responsabile?

Le casseforme: le tipologie presenti in cantiere

L’ultima pubblicazione INAIL è dedicata alle casseforme di cantiere utilizzate per contenere il calcestruzzo durante le fasi di getto e maturazione e imprimere forma e qualità desiderata. Le tipologie illustrate sono: prefabbricata a telaio, prefabbricata a telaio per pilastri, modulare componibile, modulare curvilinea prefabbricata, modulare componibile prefabbricata, modulare a ripresa prefabbricata, a telaio integrata da componenti specifici, specifica costituita da componenti prefabbricati.

La realizzazione e il disarmo di casseforme rientrano nelle fasi costruttive per la realizzazione di elementi verticali e orizzontali con il sistema costruttivo tradizionale, nel seguente ordine:

  1. costruzione casseforme per la realizzazione dei pilastri e delle travi;
  2. preparazione e posa in opera delle armature metalliche;
  3. posizionamento degli elementi del solaio;
  4. getto del calcestruzzo dei pilastri fino all’intradosso delle travi;
  5. getto del calcestruzzo delle travi e il completamento dei solai;
  6. eventuale disarmo delle casseforme.
Cassaforme
Cassaforma modulare a ripresa prefabbricata_©Quaderni per immagini-INAIL

È riduttivo considerare la cassaforma un semplice stampo perché questa rappresenta una vera e propria struttura provvisoria in grado di sostenere il proprio peso, oltre a quello del getto e degli altri carichi accidentali durante il lavoro (persone, materiali, ecc.). Per tale motivo è necessario che siano rigide e resistenti, stabili e possibilmente recuperabili.

Il lego è il materiale da sempre più utilizzato per realizzare le casseforme, tuttavia nuovi materiali si stanno affiancando al legno come il metallo e la plastica.

INAIL nel comunicato di presentazione del nuovo opuscolo, accenna ad una breve storia delle casseforme che rappresenta uno degli esempi più antichi è la scatola di legno dove i costruttori della Mesopotamia riponevano dell’argilla fresca per poi metterla ad essiccare al sole. Una volta solidificata, prendeva la forma che le veniva data dalla cassaforma. I romani invece usavano due murature parallele, tra le quali, gettavano del calcestruzzo, in modo tale che quando il materiale solidificava, i muri diventavano solidali con esso, fornendogli allo stesso tempo la cassaforma per il getto (il cosiddetto muro a sacco romano).

Potrebbe interessarti: Aggiornamento guida sicurezza Covid-19. Quali sono i protocolli per le imprese edili?

Quaderni per immagini INAIL: l’intera collana

Perché le immagini risultano più efficaci quando bisogna comunicare sulla prevenzione? I disegni chiari ed esplicativi in grado di richiamare l’attenzione sui comportamenti corretti da adottare sono studiati per raggiungere più lavoratori possibili in particolare quelli stranieri, a grande rischio, per gli evidenti problemi linguistici: di qui l’esigenza di creare una collana per immagini che divengono didascalia per istruzioni all’uso in grado di fornire ai lavoratori indicazioni e chiarimenti sui particolari e dettagli per prevenire e contrastare il fenomeno infortunistico.

>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Non solo casseforme, tra i “Quaderni per immagini” ci sono anche quelli dedicati ai ponteggi fissi, alle reti di sicurezza, agli ancoraggi, ai parapetti provvisori, ai trabattelli, alle scale portatili, ai sistemi di protezione individuale dalle cadute e ai sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto.

Tutti gli opuscoli consultabili e scaricabili gratuitamente dal portale INAIL e qui sotto.

Ti consigliamo

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Guida ai Piani di Sicurezza 2.0

Luca Lenzi, Carmine Moretti, Francesco Loro, 2019, Maggioli Editore

La guida è aggiornata con il capitolo “Integrazione ai Piani di Sicurezza – Rischio Covid-19” a cura di Marco Ballardini e Carmine Moretti. L’aggiornamento, completo di oltre 50 moduli editabili e personalizzabili, fornisce strumenti utili e indicazioni da seguire...



Costruire un edificio

Costruire un edificio

Valentina Puglisi - Matteo Cazzaniga, 2019, Maggioli Editore

Spiegare le fasi di costruzione di un edificio non è cosa semplice: l’architettura storicamente è sempre stata più una disciplina fortemente pratica che teorica. Nell’attività di progettazione, il professionista deve saper coniugare creatività,...



Sistema di gestione Covid-19

Sistema di gestione Covid-19

Carmine Moretti, Marco Ballardini, 2021, Maggioli Editore

Il Sistema di Gestione COVID-19 nasce dall’idea di fornire alle aziende un utile strumento – una sorta di cassetta degli attrezzi – che assicuri la corretta gestione del rischio legato alla diffusione del virus SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro. Si tratta di un vero e...



Foto: iStock.com/NATALIA NOSOVA


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here