Home Bonus Edilizia Ok al Superbonus per impianti sportivi in convenzione con Comune

Ok al Superbonus per impianti sportivi in convenzione con Comune

Gli interventi effettuati negli spogliatoi degli impianti sportivi di proprietà comunale possono accedere al Superbonus. Ecco a quali condizioni

83
superbonus impianti sportivi

Un nuovo chiarimento dell’Agenzia delle Entrate fa rientrare nel raggio di azione del Superbonus 110 gli interventi effettuati negli spogliatoi degli impianti sportivi in gestione ad Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) ma di proprietà di enti comunali.

Nel caso in questione (risolto dall’Agenzia Entrate con la risposta n. 114 del 16 febbraio 2021), un’Associazione Sportiva Dilettantistica – iscritta nel registro del CONI e finalizzata allo sviluppo e diffusione delle attività sportive, e alla gestione di attività agonistiche e ricreative – voleva sapere se la convenzione stipulata con l’ente comunale per la gestione del palazzetto dello sport di proprietà di quest’ultimo rappresentasse un titolo idoneo ai fini della fruizione del Superbonus per gli interventi effettuati su detto immobile.

Ti può interessare Superbonus: esempio pratico di studio di fattibilità

Superbonus impianti sportivi, per chi e per quali lavori

La circolare N. 24/E dell’8 agosto 2020, nel capitolo che tratta l’ambito soggettivo di applicazione del Superbonus (delineato al comma 9 dell’articolo 119 del Decreto Rilancio), fa rientrare nel Superbonus gli interventi effettuati “dalle associazioni e società sportive dilettantistiche iscritte nel registro istituito ai sensi dell’articolo 5, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 23 luglio 1999, n. 242”, limitatamente però “ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi”.

Con questo chiarimento l’Agenzia specifica che, anche in questo caso, l’agevolazione può essere fruita sia dal proprietario sia dai “meri detentori dell’immobile in virtù in un titolo idoneo, al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio”.

>>>> Non perderti nessun articolo! Ricevi le nostre news

Più precisamente, infatti, la circolare 24/E specifica che il beneficiario può:

  • essere titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto o uso) sull’immobile;
  • detenere l’immobile in base ad un contratto di locazione, anche finanziaria, o di comodato, regolarmente registrato, ed essere in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Nel caso in questione, la convenzione in atto tra ASD e Comune (“stipulata nella forma della scrittura privata non autenticata, soggetta a registrazione in caso d’uso”) secondo l’Agenzia può costituire titolo idoneo all’applicazione del Superbonus sugli interventi effettuati sull’immobile (o parte di esso) adibito a spogliatoio, ovviamente “previo assenso del Comune proprietario all’esecuzione dei lavori da parte del concessionario”.

Ti possono interessare

Superbonus 110% - software in cloud

Superbonus 110% - software in cloud

Alessandro Pegoraro Sistemassociati, 2021,

Abbiamo sviluppato Il software cloud Superbonus 110% per agevolare professionisti e cittadini nella simulazione del calcolo delle detrazioni spettanti per le diverse tipologie di interventi agevolabili al 110%. Il software cloud Superbonus 110% consente di:- Individuare gli interventi...



I Bonus Casa 2021: guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia - e-Book in pdf

I Bonus Casa 2021: guida alle agevolazioni e alle detrazioni in edilizia - e-Book in pdf

Antonella Donati, 2021, Maggioli Editore

Con la Legge di Bilancio 2021 i bonus e le agevolazioni per la casa cambiano con importanti novità e altrettante conferme. L’eBook fornisce una guida pratica snella e molto chiara sulle diverse opzioni a disposizione per effettuare spese e investimenti sugli immobili in parte finanziati...



immagine: iStock/f28production


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here