Home News dalle aziende Micropali in acciaio con eliche discontinue: una nuova tecnologia

Micropali in acciaio con eliche discontinue: una nuova tecnologia

Una nuova tipologia di micropalo dotato di eliche discontinue, semplice da realizzare e molto rapido. Vediamone il funzionamento e l'applicazione con un caso pratico

101
micropali

I micropali rappresentano un’importantissima tecnologia per quanto riguarda il trasferimento di carichi strutturali per rinforzare le fondamenta degli edifici.

Con il passare degli anni, infatti, gli edifici in muratura tendono a presentare cedimenti differenziali che causano crepe su pareti, pavimenti, solai o travi portanti.

Non solo, questa tecnologia è fondamentale per dare stabilità a strutture che poggiano su terreni argillosi: in questo caso possono verificarsi movimenti di assestamento che portano a fessurazioni di diversa entità.

Si tratta infatti di un’evoluzione dei tradizionali pali, in questo caso, però, i micropali garantiscono migliori risultati, sia in termini di rilevanza dell’intervento che di tempi di realizzazione.

Inoltre, la modularità di quest’ultimi permette di raggiungere la profondità ideale per trovare il terreno più solido e compatto dove fissare la struttura.

Vediamo in dettaglio il loro impiego con l’ausilio di un caso pratico.

Micropali in acciaio con eliche discontinue: una nuova tecnologia

I Pali Elika® SYSTAB sono micropali modulari in acciaio in cui l’elemento di punta è dotato di 3 eliche discontinue di diametro compreso tra 300 e 350 mm. I successivi moduli del palo, possono essere o meno dotati di eliche, in funzione delle caratteristiche geotecniche del terreno e delle azioni agenti sul palo.

L’installazione avviene per rotazione con l’ausilio di una testa idraulica posta su di un mini-escavatore. L’infissione prosegue fino al raggiungimento della profondità stabilita e/o della portata richiesta.

Prima del collegamento finale palo – struttura, si possono eseguire prove di carico per il collaudo dell’opera.

Micropali in acciaio: il caso di applicazione

micropali

Progetto per la realizzazione di un piccolo ponte a campata unica, da realizzarsi senza opere in alveo, previa demolizione del ponte esistente.

Il nuovo ponticello sarebbe stato costruito impiegando travi prefabbricate di larghezza 1,2 metri, affiancate e solidarizzate mediante getto in opera.

Il ponticello suddetto è la via di accesso principale di una importante azienda agricola.

Obiettivo di Tecnici e Committenza era principalmente quello di garantire tempi molto rapidi di realizzazione e ripristino della viabilità per non compromettere l’attività ordinaria dell’Azienda Agricola.

L’Ing. Candotto Fabiano ha scelto i Pali Elika® dell’azienda SYSTAB. È stato infatti ritenuto il sistema di fondazioni più idoneo per risolvere ogni problematica tecnica ed operativa.

Per l’intervento sono stati impiegati 20 Pali Elika® con 9 eliche (3 nell’elemento di punta e 6 nelle successive 2 estensioni) che sono stati avvitati nel terreno senza preforo fino a 9 m di profondità.

Una volta messi in opera i pali, dieci per ogni sponda del canale, sono state realizzate due travi di fondazione in c.a. impostate sui pali.

Caratteristiche e vantaggi dei micropali Elika®

La realizzazione delle fondazioni profonde su micropali ad elica discontinua, per il sostegno delle spalle di un ponticello in provincia di Gorizia, è stata completata in 4 giorni lavorativi.

L’intervento presenta svariati vantaggi rispetto alle tradizionali tecniche di palificazione:
– impatto del cantiere molto ridotto;
– tempi di realizzazione veloci rispetto a tutte le tecniche tradizionali;
– non produce alcun materiale di risulta;
– la portata di ogni singolo micropalo viene collaudata;
– l’infissione non produce alcuna vibrazione.

Inoltre nelle casistiche in cui fosse opportuno, i pali possono essere rimossi. Questa caratteristica risulta molto interessante per le cosiddette opere provvisorie, come ad esempio strutture temporanee da realizzare in aree protette o demaniali.

micropali

Per maggiori informazioni

Pali Elika per realizzare le fondazioni profonde di un nuovo ponte


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here