Home Professionisti Linee guida collegio consultivo tecnico. Tutto su requisiti e compensi

Linee guida collegio consultivo tecnico. Tutto su requisiti e compensi

Il CCT ha una funzione preventiva di risoluzione di tutte le criticità che causano il rallentamento dell’iter realizzativo di un lavoro pubblico. Chi ne fa parte?

235
linee guida collegio consultivo tecnico

Con il documento “Linee Guida per l’omogenea applicazione da parte delle stazioni appaltanti delle funzioni del Collegio Consultivo Tecnico di cui agli articoli 5 e 6 del D.L. 16 Luglio 2020 n. 76, convertito in Legge 11 Settembre 2020, n. 120” viene regolamentato il nuovo organismo introdotto con la legge di conversione del Decreto Semplificazioni.

Il CCT nasce per supportare le stazioni appaltanti, gli operatori economici e gli attori del processo, nella risoluzione di controversie e dispute tecniche (ad es. su determinazioni delle caratteristiche delle opere, clausole e condizioni del bando o della Lettera di invito, verifica del possesso dei requisiti di partecipazione, criteri di selezione e di aggiudicazione, ecc.) che possono manifestarsi in fase di esecuzione di un contratto pubblico o nella fase precedente.

Il collegio viene istituito obbligatoriamente per lavori pubblici di importo pari o superiore alla soglia comunitaria (come stabilito dal Codice Appalti) e in via facoltativa, per lavori di qualsiasi importo, anche nella fase antecedente l’affidamento.

Per lavori di importo inferiore alla soglia comunitaria le parti sono tenute a precisare quali compiti intendono attribuire al CCT tra quelli previsti dalla legge. Restano esclusi da tale ambito gli affidamenti relativi a forniture e servizi.

Le linee guida collegio consultivo tecnico sono state redatte dal Gruppo di lavoro dedicato, nominato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Leggi anche: Il collegio consultivo tecnico e le controversie nella realizzazione di opere pubbliche

Quali sono le funzioni del CCT?

Il CCT ha una funzione preventiva di risoluzione di tutte le criticità che causano il rallentamento dell’iter realizzativo di un lavoro pubblico, ovvero quelle vicende che vanno ad influire sulla regolare esecuzione dei lavori, comprese quelle che possono generare o hanno generato riserve.

All’avvio dei lavori e fino al collaudo degli stessi, il CCT sovraintende all’intera fase di esecuzione informandosi sulle circostanze che possano generare problematiche incidenti sull’esecuzione attraverso riunioni periodiche.

Potrebbe interessarti: Opere pubbliche, ecco come accelerare l’attuazione degli interventi

Quali sono i requisiti dei componenti e del presidente?

A far parte del CCT sono ingegneri, architetti, giuristi ed economisti con esperienza e qualifica professionale adeguati alla tipologia dell’opera, al settore degli appalti, alle concessioni e degli investimenti pubblici.

Possono costituire titolo preferenziale per la scelta dei componenti, con riferimento al numero e all’importanza delle prestazioni professionali e nel rispetto del principio di rotazione degli incarichi, 10 anni di esperienza in ambiti e ruoli specificati nelle linee guida per ciascuno profilo di ingegnere, architetto ed economista.

Costituisce titolo preferenziale per la funzione di presidente:

  • per gli ingegneri e gli architetti, aver ricoperto il ruolo di dirigente di amministrazioni pubbliche, componente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, professore universitario di ruolo nelle materie attinenti la legislazione delle opere pubbliche e nelle materie tecniche attinenti, incarichi tecnici presso qualificati organismi, nell’ambito di affidamenti di contratti pubblici sopra la soglia comunitaria, di responsabile del procedimento, di direttore dei lavori, presidente di commissione di collaudo tecnico-amministrativo e presidente di commissione per l’accordo bonario. Costituisce inoltre titolo preferenziale l’iscrizione all’albo professionale degli ingegneri o degli architetti da almeno quindici anni.
  • per i giuristi, aver ricoperto il ruolo di magistrato ordinario, amministrativo o contabile, avvocato dello Stato, dirigente di amministrazioni pubbliche, componente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, professore universitario di ruolo nelle materie giuridiche attinenti, incarichi tecnici presso qualificati organismi, anche internazionali e, nell’ambito di affidamenti di contratti pubblici sopra la soglia comunitaria, di presidente di commissione di collaudo tecnico-amministrativo e presidente di commissione per l’accordo bonario. Costituisce inoltre titolo preferenziale l’iscrizione all’albo professionale degli avvocati da almeno quindici anni;
  • per gli economisti, aver ricoperto il ruolo di dirigente di prima fascia di amministrazioni pubbliche, componente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, professore universitario nelle materie economiche attinenti alla realizzazione delle opere pubbliche, incarichi tecnici presso qualificati organismi, anche internazionali e, nell’ambito di affidamenti di contratti pubblici sopra la soglia comunitaria, di presidente di commissione di collaudo tecnico.

Non perderti: Assunzioni tecnici Superbonus: fondi MISE per potenziare l’organico dei comuni

Quale compenso è previsto per presidente e componenti?

Il compenso per ciascun componente del CCT, è costituito:

a) da una parte fissa, comprensiva delle spese, proporzionata al valore dell’opera, calcolata ai sensi degli artt. 3 e 4 del d.m. Giustizia 17 giugno 2016, con riferimento alla prestazione di collaudo tecnico-amministrativo, ridotta del 50%. Per le parte eccedente il valore di € 100.000.000 di lavori si applica la riduzione del 90%.

b) da una parte variabile, per ciascuna determinazione o parere assunto, in funzione della relativa qualità, applicando:

> in caso di determinazioni o pareri a prevalente carattere tecnico, l’importo orario massimo previsto dall’art. 6, c. 2, lett. a), del d.m. Giustizia 17 giugno 2016, incrementato del 25%;

> in caso di determinazioni o pareri a prevalente carattere giuridico, quanto previsto per l’attività stragiudiziale di cui al Capo IV del d.m. Giustizia 10 marzo 2014, n. 55, come aggiornato dal d.m. Giustizia 8 marzo 2018, n. 37. 6.1.2.

Per il presidente è previsto un compenso pari a quello spettante agli altri componenti maggiorato del 10%.

>> Scarica il documento Linee Guida CCT trasmesso dal CNI <<

Ti consigliamo i volumi 

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

Andrea Barocci, 2020, Maggioli Editore

L’approvazione ad aprile 2020 delle Linee Guida per la verifica e il monitoraggio dei ponti stradali esistenti impegna le amministrazioni, gli enti gestori e i professionisti a fare un balzo in avanti per il miglioramento del nostro patrimonio infrastrutturale. Un testo all’avanguardia...



Il collaudo statico delle strutture

Il collaudo statico delle strutture

Pietro Salomone, 2019, Maggioli Editore

Il collaudo è un atto unilaterale complesso di natura tecnica, economica ed amministrativa, disposto dal Committente, al quale si perviene a conclusione dell’opera. Ha un duplice scopo: accertare la buona esecuzione dell’opera e liquidare il corrispettivo all’appaltatore con conseguente...



Preferisci acquistare tramite Amazon?

La sicurezza dei ponti stradali esistenti

Foto: iStock.com/Hispanolistic


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here