Home Permessi edilizi Abusi Edilizi Abusi edilizi, Google Earth va a caccia delle irregolarità

Abusi edilizi, Google Earth va a caccia delle irregolarità

Attenzione alle foto acquisite dal software: la Cassazione ne convalida la validità come prova documentale, anche in sede penale

941

La sentenza n. 37611 dello scorso 29 dicembre 2020 parla chiaro: è possibile utilizzare il software Google Earth per la prova documentale della data di realizzazione di un abuso edilizio, e i fotogrammi sono pienamente utilizzabili anche in sede penale.

Non è la prima volta che viene riconosciuto il valore indiziario della documentazione fotografica estratta da Google, ma questa volta il caso è diverso, in quanto vede la realizzazione di una piscina in muratura in assenza del permesso di costruire, per la quale i ricorrenti erano stati condannati in primo grado – con conferma in appello.

>> Verande abusive, il problema nel Superbonus <<

Abusi edilizi, Google Earth va a caccia delle irregolarità

Il ricorso alla Cassazione si è fondato sui seguenti motivi:
– mancanza di attività istruttoria, dato che il teste del P.M. non ha eseguito accertamento sui luoghi, ma si è affidato soltanto alle immagini di Google Earth (a parere del ricorrente, prive di rilevanza giuridica);
– impossibilità di fare riferimento alla data di inizio lavori, collocata dagli incaricati del Comune sulla scorta delle immagini riportate da Google Earth;
– l’opera contestata appare ultimata, utilizzata e funzionale. In tal senso sembrerebbe realizzata in data antecedente a quella riportata, e ciò renderebbe plausibile la ricorrenza del dubbio fondante l’estinzione dei reati per prescrizione.

Potrebbe interessarti: Pergolato coperto, se considerato tettoia non serve permesso di costruire

Cosa ha contestato il ricorrente?

Il ricorrente ha contestato in Cassazione la Corte di Appello, che aveva deciso di collocare la data di inizio lavori sempre sulla base delle immagini riportate da Google Earth. Secondo il ricorrente, infatti, da tali immagini non è possibile dedurre lo stato di usura dei materiali, l’eventuale utilizzo del bene, o l’esistenza di materiale edile da cui potrebbe desumersi la sussistenza di lavori in corso e/o la recente o meno realizzazione delle opere stesse.

La Cassazione ha però ribadito che grava sull’imputato l’onere di allegare gli elementi in suo possesso che possano testimoniare la data di inizio del decorso del termine, diversa da quella risultante dagli atti. Mentre i giudici hanno utilizzato il programma Google Earth per la verifica della data di inizio lavori, il ricorrente avrebbe potuto allegare elementi dai quali ricavare una diversa (e anteriore) datazione tale da condurre a ritenere superato il termine di prescrizione.

Superbonus 110% per ricostruire un edificio collabente

I ricorrenti non hanno però presentato alcuna documentazione, e preso atto dell’accertamento della presenza del manufatto tramite Google Earth, hanno solamente contestato, senza porre in discussione la data dell’accertamento, che dalle foto potesse desumersi lo stato di usura dei materiali e, quindi, la recente o meno realizzazione delle stesse, senza dunque adempiere all’onere loro imposto.

In conclusione il ricorso è stato respinto e la sentenza della Corte di Appello confermata.

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% – eBook in pdf

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili – eBook in pdf

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Ecobonus e Sismabonus al 110% sono i nuovi strumenti messi a disposizione dal legislatore italiano per l’efficientamento energetico e miglioramento sismico del patrimonio edilizio italiano.

Il presente testo ha lo scopo di fornire una serie di informazioni utili per professionisti

tecnici operanti in tale settore. Il manuale è diviso in due parti principali: la prima riguarda

il collaudo degli interventi che rientrano nell’Ecobonus, la seconda parte riguarda gli interventi possibili del Sismabonus ed infine la parte finale con la raccolta di modelli e check list da poter utilizzare durante le attività tecniche di collaudo.

L'opera analizza,a nche con l'ausilio di diversi schemi e immagini esplicative, le attività tecniche di collaudo su:
• impianti fotovoltaici 
• impianti di climatizzazione
• strutture 
• fondazioni

Pietro Salomone
Ingegnere civile specializzato in project management e sicurezza del patrimonio edilizio. Attualmente lavora nella p.a., dove si occupa di lavori pubblici e manutenzione. Collabora con riviste nazionali ed internazionali nella redazione di articoli tecnici ed è docente in numerosi seminari e convegni su tutto il territorio nazionale. 

 

Pietro Salomone, 2020, Maggioli Editore
15.90 € 13.52 €

Manuale del progettista per gli interventi sull’esistente

Manuale del progettista per gli interventi sull'esistente e per la redazione di Due Diligence immobiliari

Manuale del progettista per gli interventi sull'esistente e per la redazione di Due Diligence immobiliari

I professionisti tecnici svolgono un ruolo fondamentale per ciò che concerne i titoli edilizi e le procedure abilitative, assumendosi la responsabilità delle opere edilizie assentite sotto il profilo penale, deontologico, amministrativo e civile.

Per supportare i tecnici nasce dunque l’idea di quest’opera, che si configura come un manuale pratico di rapida consultazione e approfondimento sulle verifiche da effettuarsi nelle fasi preliminari progettuali di interventi edilizi su edifici esistenti: dalle procedure edilizie alla verifica della conformità, dalle analisi vincolistiche alla pianificazione delle complessità fino alla individuazione delle criticità.

Lo scopo è quello di offrire uno strumento utile al tecnico professionista che deve farsi carico, in qualità di progettista, della procedura autorizzativa di opere di trasformazione di edifici esistenti, ovvero del tecnico che deve redigere una due diligence immobiliare focalizzata, anche, sulla verifica della conformità edilizia dell’immobile.

 

Marco Campagna
Architetto libero professionista. Nel corso degli anni ha avuto modo di approfondire i temi dell’urbanistica applicata agli interventi edilizi, sia svolgendo pratiche in prima persona, sia operando come consulente o come perito, sia per conto di privati che per società, eseguendo parallelamente progettazioni e direzioni lavori per diversi interventi di recupero e di valorizzazione immobiliare. È attualmente componente della Commissione Urbanistica dell’Ordine degli Ingegneri di Roma, formatore e docente in svariati corsi di aggiornamento e approfondimento professionale presso il medesimo Ordine e presso altre realtà. Autore del blog “Diari di un Architetto” (architetticampagna.blogspot.it), luogo di approfondimento dei temi di urbanistica, di edilizia e argomenti direttamente collegati, di cui cura in prima persona sia i post che le risposte ai numerosi commenti; il blog è diventato nel tempo un luogo di scambio di competenze professionali ed è fonte di approfondimento tanto per l’autore quanto per i numerosi lettori.

Marco Campagna, 2020, Maggioli Editore
30.00 € 28.50 €

Preferisci acquistare tramite Amazon?

Manuale del progettista per gli interventi sull’esistente e per la redazione di due diligence immobiliari


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here