Home Bonus Edilizia Ristrutturazione con ampliamento e Superbonus, solo sull’esistente

Ristrutturazione con ampliamento e Superbonus, solo sull’esistente

Lo afferma l'Agenzia delle Entrate, ma c'è un'eccezione, l'impianto fotovoltaico potrà essere detratto per l'intero immobile. Ecco tutti i dettagli

11854
ristrutturazione con ampliamento

Per interventi di ristrutturazione con ampliamento, senza demolizione, del volume riscaldato, si ha diritto alla detrazione Superbonus 110% solamente per la parte preesistente.

L’ampliamento, quindi, inquadrato come nuova costruzione, non beneficerà in nessun modo delle detrazioni al 110%.

L’eccezione riguarda solamente l’impianto fotovoltaico, per cui si potrà beneficiare della detrazione per l’importo dell’intera spesa: quella sostenuta per la parte esistente e quella per la nuova costruzione.

Lo stesso concetto vale per gli interventi di demolizione e ricostruzione con aumento volumetrico. Anche in questo caso, non sarà possibile richiedere la detrazione, a meno che si sia in possesso del titolo abitativo che autorizza i lavori e attesta la spettanza del Superbonus.

Vediamo gli interventi in dettaglio con il supporto di due casi pratici tratti da due risposte dell’Agenzia delle Entrate.

Ristrutturazione con ampliamento e Superbonus, solo sull’esistente

Come abbiamo visto poco fa, per gli interventi di ristrutturazione senza demolizione, ma con ampliamento, l’incentivo Superbonus 110% può essere richiesto solamente per gli interventi che riguardano la parte esistente.

L’ampliamento, essendo inquadrato come nuova costruzione, non rientra tra gli interventi ammessi alla detrazione, fatta eccezione per l’impianto fotovoltaico.

La precisazione arriva dall’Agenzia delle Entrate attraverso la risposta 28 dell’8 gennaio 2021.

Leggi anche: Come fare l’Asseverazione per edifici plurifamiliari e singoli appartamenti

In questo caso infatti la domanda dell’istante riguarda un’abitazione funzionalmente indipendente con accesso esclusivo da via pubblica. Il proprietario dichiara di voler effettuare un intervento di ristrutturazione senza demolizione con ampliamento del volume riscaldato.

Oltre a ciò, verranno realizzati interventi di efficientamento energetico (cappotto termico, pompa di calore e impianto fotovoltaico) sulla parte esistente, che permetteranno un miglioramento di due classi energetiche.

In risposta al quesito, l’Agenzia delle Entrate precisa che: per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio (articolo 16-bis del Tuir) in caso di ristrutturazione senza demolizione con ampliamento del fabbricato, la detrazione compete solo per le spese riferibili alla parte esistente in quanto l’ampliamento configura, comunque, una nuova costruzione.

In conclusione, nella risposta viene precisato che l’istante potrà fruire del Superbonus 110% mantenendo le due fatturazioni separate, una per la ristrutturazione e una per l’ampliamento. In alternativa, l’istante potrà farsi rilasciare un’apposita attestazione dell’impresa di costruzione o ristrutturazione con gli importi per ciascuna tipologia di intervento.

Potrebbe interessarti: Edificio collabente, ricostruirlo con il Superbonus 110%

Demolizione e ricostruzione con ampliamento? Per il Superbonus serve l’abilitazione

Per un intervento di demolizione e ricostruzione con ampliamento volumetrico di un’unità abitativa non sarà possibile fruire dell’agevolazione. In assenza del titolo abilitativo che autorizza i lavori e che attesta la spettanza del Superbonus, infatti non sarà possibile richiederlo.

Per gli interventi di riduzione del rischio sismico riguardanti un edificio demolito e ricostruito con aumento volumetrico, le detrazioni Superbonus, spettano solo se i lavori di ristrutturazione con l’ampliamento dei metri quadri risultino autorizzati dal titolo amministrativo che vaglia i lavori per i quali il contribuente intende beneficiare delle agevolazioni.

Così l’Agenzia delle Entrate risponde a un interpello tramite la Risposta n. 11 del 7 gennaio 2021.

Approfondisci: Permesso di costruire in 15 giorni, per prima l’Emilia Romagna

L’istante, in questo caso, affermava di voler demolire e ricostruire la propria abitazione, che verrà ricostruita spostandola di sedime per rispettare le distanze dai confini e sfruttare al meglio la bioclimatica.

Oltre ad essere spostata di sedime, l’edificio presenterà una maggiore volumetria per un migliore adeguamento sismico.

A questo proposito l’istante chiese se potrà beneficiare delle detrazioni fiscali al 110%.

Demolizione e ricostruzione con ampliamento, no abilitazione no incentivi

Stando alle richieste del contribuente, l’Agenzia delle Entrate ricorda che, in base alle novità del DL 76/2020, rientrano tra gli interventi di ristrutturazione edilizia “gli interventi di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche, con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico. L’intervento può prevedere altresì, nei soli casi espressamente previsti dalla legislazione vigente o dagli strumenti urbanistici comunali, incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana”.

Potrebbe interessarti: Certificato di agibilità, cosa fare se non si possiede prima della vendita?

Diventa quindi di fondamentale importanza il permesso di costruire o altro titolo abilitativo a supporto.

L’Agenzia precisa inoltre che l’agevolazione spetta anche a fronte di interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione inquadrabili nella categoria della ristrutturazione edilizia ai sensi dell’art.3, comma 1, lettera d) del dpr 380/2001.

In ogni caso, il contribuente che ha posto il quesito non ha ancora richiesto il titolo abilitativo e “pertanto, non risulta dimostrato se l’intervento di demolizione e ricostruzione che l’Istante intende effettuare rientri tra le opere di ristrutturazione edilizia definite dall’articolo 3, comma 1, lettera d) del d.P.R. n. 380 del 2001″.

Leggi anche: Il Sismabonus 110% traina il Bonus mobili, anche senza recupero del patrimonio edilizio

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% – eBook in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2021, Maggioli Editore

L’asseverazione o perizia tecnica asseverata è una particolare forma di perizia in cui il relatore afferma che tutto quanto viene riportato è veritiero: si assume la responsabilità della veridicità di tutto quanto viene riportato e, di conseguenza, risponde...



Calcola il Superbonus 110 con il software cloud

Superbonus 110% - Calcolo del beneficio

Superbonus 110% - Calcolo del beneficio

Revisal, 2021, Maggioli Editore

Obiettivi del software:Abbiamo sviluppato Il software cloud Superbonus 110% per agevolare professionisti e cittadini nella simulazione del calcolo delle detrazioni spettanti per le diverse tipologie di interventi agevolabili al 110%. Il software cloud Superbonus 110% consente di: - Individuare...



Interventi locali su edifici esistenti

Interventi locali su edifici esistenti

Interventi locali su edifici esistenti

Francesco Cortesi, Laura Ludovisi, 2019, Maggioli Editore

Questo manuale tecnico-pratico aiuta il progettista (architettonico, impiantista e strutturale) che si accinge a effettuare un intervento di tipo “locale” su un fabbricato esistente. Frutto dell’esperienza pluriennale degli Autori nell’ambito della progettazione sul...



Preferisci acquistare il volume Interventi locali su edifici esistenti da Amazon? Lo trovi qui

Foto: iStock/Branislav


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here