Home Edilizia Sostituzione edilizia: una demolizione e ricostruzione che esce dai limiti

Sostituzione edilizia: una demolizione e ricostruzione che esce dai limiti

Pur sentendone parlare spesso, questo tipo di intervento non appare in legislazione, ma, in base alle caratteristiche dell'intervento, possiamo definirne le possibilità e le limitazioni. Ecco tutti i dettagli

418
sostituzione edilizia

Sostituzione edilizia, un termine che non troviamo in legislazione, eppure viene frequentemente usato da professionisti o anche all’interno delle sentenze.

In sostanza, il termine indica una demolizione e ricostruzione dove vengono apportate modifiche alla volumetria dell’edificio.

Essendo la sostituzione edilizia una definizione non ufficiale, come è possibile che sia possibile realizzarla come intervento?

Vediamo tutti i dettagli.

Sostituzione edilizia: una demolizione e ricostruzione che esce dai limiti

Come anticipato, il termine “sostituzione edilizia” non è riportato in legislazione: il D.P.R. n. 380/2001 (Testo Unico dell’Edilizia) non ne contiene una definizione.

Il termine, infatti, è una definizione usata tra professionisti del settore immobiliare per intendere la sostituzione dell’intera preesistenza edilizia di un lotto su cui realizzare un nuovo edificio diverso dal precedente.

In precedenza, l’articolo 3 del Testo unico dell’edilizia includeva nella definizione di ristrutturazione edilizia (lettera d): interventi di demolizione e ricostruzione con il solo limite che non comportassero l’aumento della volumetria del fabbricato esistente.

Le modifiche apportate dal Decreto semplificazioni (Dl 76/2020), invece, ha inserito nella definizione di ristrutturazione edilizia anche gli interventi di demolizione e ricostruzione con possibilità di modificare:
sagoma;
prospetti;
– caratteristiche planivilumetriche;
– caratteristiche topologiche;
sedime.

Non solo, è stata anche aggiunta la possibilità di incrementare la volumetria nei casi previsti dalla legge oppure dagli strumenti urbanistici comunali.

Approfondisci l’argomento: Proroga Superbonus 110% al 30 giugno 2022

Sostituzione edilizia, il limite

Naturalmente, come era lecito aspettarsi, un intervento del genere non è privo di limitazioni.

L’art. 10 comma 1 lettera C del T.U.E., categorizza “gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportino aumento di  unità  immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei  prospetti  o  delle  superfici,  ovvero  che, limitatamente agli immobili  compresi  nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della” come interventi di trasformazione urbanistica.

Questo tipo di interventi, quindi, sono soggetti al permesso di costruire.

In questo caso, l’intervento fuoriesce da qualsiasi intervento conservativo e diventa la costruzione di un nuovo edificio.

Attuando la sostituzione edilizia, quindi, sarà obbligatorio utilizzare indici e parametri indicati dal Piano Regolatore e Regolamento edilizio vigenti, nonché tutte le discipline aventi incidenza edilizia.

Leggi anche: Superbonus 110%, serve un nuovo modello 730

Edifici vincolati in centro storico e Sostituzione edilizia

Data la natura dell’intervento di sostituzione edilizia, se pur con sostanziali differenze, è accomunabile alla demolizione e ricostruzione.

A questo proposito, il Decreto semplificazioni contiene disposizioni estremamente restrittive per quanto riguarda gli edifici vincolati ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42/2004) o che si trovano nei centri storici.

Per questi immobili, è stato previsto che gli interventi di demolizione e ricostruzione sono qualificabili come ristrutturazione edilizia solo se vengano mantenuti:
sagoma;
prospetti;
sedime;
caratteristiche planivolumetriche e tipologiche.

Inoltre, non deve essere modificata la volumetria esistente.

Non solo, nei centri storici gli interventi di demolizione e ricostruzione sono consentiti esclusivamente nell’ambito dei piani urbanistici di recupero e di riqualificazione particolareggiati di competenza comunale.

Per questi motivi, gli interventi di demolizione e ricostruzione che riguardano immobili vincolati o ubicati in centro storico, che comportano modifiche agli elementi sopra citati, vengono considerati nuova costruzione.

Questo comporterà maggiori oneri di urbanizzazione e la soddisfazione di tutti gli indici fissati dai piani regolatori e dagli altri strumenti urbanistici per gli interventi di nuova costruzione.

In fine, l’intervento, pur rispettando tutti gli indici, sarà comunque realizzabile solamente se non esiste un divieto di costruire nuovi edifici in centro storico.

Potrebbe interessarti: Superbonus, sì alle spese accessorie rispetto all’intervento trainante

Sostituzione edilizia, l’accesso al Superbonus

Per gli interventi di demolizione e ricostruzione configurati come nuova costruzione (come nel caso della sostituzione edilizia) è impossibile accedere alle agevolazioni sul recupero edilizio, dato che questi ultimi sono previsti soltanto per gli edifici esistenti e non per quelli di nuova costruzione.

Tuttavia esiste una possibilità di sfruttare le detrazioni: se nello stesso titolo edilizio dovessero coesistere interventi di nuova costruzione con interventi di ristrutturazione edilizia, sarà possibile usufruire degli incentivi.

Manuale del progettista per gli interventi sull’esistente

Manuale del progettista per gli interventi sull’esistente e per la redazione di Due Diligence immobiliari

Manuale del progettista per gli interventi sull’esistente e per la redazione di Due Diligence immobiliari

Marco Campagna, 2020, Maggioli Editore

I professionisti tecnici svolgono un ruolo fondamentale per ciò che concerne i titoli edilizi e le procedure abilitative, assumendosi la responsabilità delle opere edilizie assentite sotto il profilo penale, deontologico, amministrativo e civile. Per...



Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% – eBook in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% - e-Book in pdf

Sergio Pesaresi, 2020, Maggioli Editore

L’asseverazione o perizia tecnica asseverata è una particolare forma di perizia in cui il relatore afferma che tutto quanto viene riportato è veritiero: si assume la responsabilità della veridicità di tutto quanto viene riportato e, di...



Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili – eBook in pdf

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Sismabonus ed Ecobonus: il collaudo degli interventi ammissibili - eBook

Pietro Salomone, 2020, Maggioli Editore

Ecobonus e Sismabonus al 110% sono i nuovi strumenti messi a disposizione dal legislatore italiano per l’efficientamento energetico e miglioramento sismico del patrimonio edilizio italiano. Il presente testo ha lo scopo di fornire una serie di informazioni utili per...



Foto: iStock/Franck-Boston

 


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here