Home Bonus Edilizia Superbonus, cambia a seconda della disponibilità finanziaria del richiedente?

Superbonus, cambia a seconda della disponibilità finanziaria del richiedente?

Se il contribuente detiene un cospicuo conto corrente e non possiedo redditi diversi oltre all'immobile, cambia qualcosa per la cessione credito? Potrebbe subire dei controlli?

966

Nuovo appuntamento settimanale con la rubrica DOMANDA D’AUTORE! La volta precedente abbiamo parlato di validità del Superbonus nel caso di proprietà di più immobili in capo a unico proprietario (>> Superbonus e proprietà di più immobili in capo a unico proprietari).

Oggi invece la nostra esperta Matilde Fiammelli (dottore commercialista e revisore contabile) tratterà il seguente quesito: Superbonus, cambia a seconda della disponibilità finanziaria di un richiedente che intende formalizzare la cessione credito? Cosa succede se ha un cospicuo conto corrente e non possiedo redditi diversi oltre all’immobile? Potrebbe subire dei controlli? Leggi la risposta.

>> Non perdere l’ultima risposta d’autore! Iscriviti alla nostra NEWSLETTER <<

Superbonus, cambia a seconda della disponibilità finanziaria?

Domanda
Sto avviando i lavori su un immobile di cui sono proprietaria. L’immobile è stato oggetto di una donazione di mio padre quando mi sono sposata, insieme a un conto corrente con una cospicua disponibilità di fondi.

Vorrei sapere se non avendo un reddito ma semplicemente possedendo tale immobile, che per altro è a oggi inutilizzato, posso comunque procedere alla cessione del credito, stante il mio cospicuo conto corrente e stante il fatto che non possiedo redditi diversi. Potrei subire dei controlli?

Leggi anche: Superbonus e impianti di riscaldamento, tutti gli aggiornamenti

Risposta
La norma di riferimento del Superbonus 110% non distingue, in materia di cessione o sconto in fattura, fra soggetti con o senza disponibilità finanziarie, ma fa semplicemente riferimento, come per altro anche chiarito dall’Agenzia delle entrate in occasione di un evento organizzato dalla stampa specializzata in materia, al fatto che la detrazione, al fine della sua cessione, sia potenzialmente fruibile dal contribuente.

Ciò significa che se nel contesto della dichiarazione si facesse valere la detrazione del 110%, questa sarebbe completamente persa, in quanto si immagina che l’imposta lorda derivante da un immobile, non abitazione principale, sia di gran lunga inferiore rispetto alla detrazione del 110% che scaturirebbe dall’effettuazione degli interventi.

> Sul tema: Detrazione ristrutturazione o Ecobonus: documenti per la cessione credito

Ci sono alternative?

Tuttavia, per il semplice fatto che la detrazione potrebbe tranquillamente essere fruita in dichiarazione in condizioni reddituali diverse da quelle della persona che propone il quesito, la norma ammette, giustamente, in alternativa di poter procedere alla cessione oppure allo sconto in fattura, ciò per garantire il medesimo beneficio.

Circa il cospicuo conto in banca, questo non rappresenta un problema, almeno per la vigente normativa in materia, in quanto sicuramente, come evidenziato dal quesito, la fonte dei fondi è certa e verificabile (donazione del padre) e quindi non deve costituire motivo per fare pensare all’amministrazione finanziaria che l’effettuazione dei lavori e la conseguente opzione per la cessione del credito possa rappresentare una manovra elusiva.

Potrebbe interessarti: Superbonus 110% e congruità dei prezzi, massima attenzione

Come funziona coi controlli?

In aggiunta, la norma relativamente al capitolo “controlli” non verifica, a oggi, tali tipologie di operazioni ma semplicemente attesta la bontà delle detrazioni in quanto a spettanza delle stesse.

> Sui bonus edilizia: Bonus facciate e interventi sul tetto, detrazioni separate o Superbonus 110%?

Risposta a cura di Matilde Fiammelli, dottore commercialista, revisore contabile, autore di volumi e articoli per le principali case editrici e testate del settore fiscale. Docente e relatore in convegni e webinar. Vive e lavora a Crema. 

 

 

Superbonus 110%, guida e casi concreti

Superbonus 110%: casi concreti

Superbonus 110%: casi concreti

70 Domande e risposte sul Superbonus 110% l'importante agevolazione, introdotta dal DL 34/2020, per coloro che, fatte salve le dovute caratteristiche necessarie, hanno effettuato determinati interventi sugli immobili, consistente nella possibilità di detrarre dall’imposta lorda, in cinque rate costanti, un importo pari al 110%
delle spese sostenute per taluni interventi inerenti:

il risparmio energetico
il sismabonus
l’installazione di impianti fotovoltaici
l’installazione di apparecchiature per la ricarica di veicoli elettrici (colonnine per la ricarica elettrica)
Il presente lavoro, eBook in pdf di 49 pagine, rappresenta un'utile raccolta di 70 risposte alle domande poste dai nostri lettori in materia di Superbonus 110%, suddivise per argomento:
• Adempimenti pratici
• Cessione del credito
• Cumulabilità dei bonus
• Immobili destinatari
• Interventi trainanti e trainati
• I controlli dell'Agenzia

Fiammelli Dott.ssa Matilde, Dottore commercialista, Revisore contabile. Iscritta all’albo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Crema

Leggi descrizione
Fiammelli Matilde, 2020, Maggioli Editore
14.46 € 12.29 €

Le asseverazioni del Tecnico per il Superbonus 110% – eBook in pdf

Guida operativa al Decreto Asseverazioni Ecobonus

Diagnosi e certificazione energetica

Diagnosi e certificazione energetica

Diagnosi e certificazione energetica

Il volume, giunto alla terza edizione, è un manuale teorico-pratico per le tre principali indagini strumentali per l’efficienza energetica in edilizia: la termografia, il blower door test di permeabilità all’aria, ed il termo flussimetro per la misura in opera della trasmittanza termica, essenziali per individuare difetti di costruzione, per la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e per il restauro conservativo degli edifici storici.

Questa nuova edizione contiene una trattazione estesa della nuova norma IEC 62446-3 per le indagini termografiche sugli impianti fotovoltaici, un’integrazione delle indagini sugli isolamenti a cappotto (UNI/TR 11715), l’analisi della corretta posa dei serramenti e il loro controllo termografico (UNI 11673), l’aggiornamento della norma tecnica sul blower door test (UNI EN ISO 9972) con un confronto con la precedente UNI EN 13829 e molto altro ancora.

Con numerose e nuove immagini derivanti da casi di studio reali sono fornite le basi scientifiche ed operative riguardanti la termografia a infrarossi, la permeabilità all’aria degli edifici ed il blower door test, l’isolamento termico e le misure di trasmittanza con termoflussimetro.

Ampio spazio è riservato alle modalità ottimali per l’esecuzione delle prove.

Sono inoltre presentate: normative straniere che forniscono conoscenze e metodi d’indagine più approfonditi di quelli attualmente disponibili in Italia; casi di studio reali con problemi di isolamento e di infiltrazioni d’aria riscontrati su pareti, tetti, serramenti, isolamenti a cappotto, distacchi di rivestimenti e sfondellamenti di solai; interpretazioni delle immagini termiche e dell’esito delle prove ed indicazioni sulle corrette soluzioni progettuali e costruttive.

Davide Lanzoni
Ingegnere, certificato al livello 3 in termografia, esperto in acustica ed in valutazione degli agenti fisici e del microclima, collabora con SAIGE, società che tiene corsi di formazione certificati UNI EN ISO 9712 in termografia ed è centro esame di primario ente accreditato.

Leggi descrizione
Davide Lanzoni, 2020, Maggioli Editore
52.00 € 49.40 €

Foto: iStock/Yuri_Arcurs


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here