Home Bonus Edilizia Superbonus e impianti di riscaldamento, tutti gli aggiornamenti

Superbonus e impianti di riscaldamento, tutti gli aggiornamenti

Il direttore dell'AdE, infatti, ha dato importanti delucidazioni riguardo l'argomento e non solo. Ecco i dettagli

886
superbonus

Chi possiede un immobile unifamiliare scaldato solo con un camino o una stufa a legna potrà usufruire del superbonus. Stufe e caminetti, infatti, possono essere considerati a tutti gli effetti impianti di riscaldamento.

A risolvere il problema una volta per tutte è stato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, nel corso di un incontro di Telefisco dedicato al Superbonus. Altri importanti chiarimenti sono arrivati poi sui limiti di spesa in riferimento al numero di unità immobiliari presenti condominio, e sugli immobili che possono essere considerati funzionalmente autonomi ai fini dell’accesso al Superbonus.

Ecco tutte le novità.

Sì al Superbonus anche con solo una stufa a legna

Nel corso dell’incontro il direttore dell’Agenzia delle Entrate, ha finalmente ha risposto in maniera diretta alla domanda relativa al diritto di ottenere il Superbonus in presenza di una semplice stufa a legna.

Una indicazione che apre la strada alla possibilità di avviare interventi di risparmio genetico in un numero decisamente più ampio di immobili, vale a dire l’ampia platea delle case nei piccoli centri soprattutto di campagna, magari ereditate, ma anche dei condomini al mare.

Chiaramente per ottenere l’agevolazione occorrerà garantire all’intero edificio il salto di due classi energetiche, e di conseguenza sarà necessario intervenire sostanzialmente con la coibentazione dell’immobile.

>> Superbonus, ora è possibile inviare le asseverazioni a ENEA <<

Il limite di spesa quando ci sono box e cantine

Proprio riferimento ai tetti di spesa applicabili per gli immobili plurifamiliari e con più proprietari è arrivata un’altra importante indicazione.

Nel corso dell’incontro, infatti, è stato chiarito che ai fini del conteggio vanno considerati non soltanto gli immobili per uso abitativo, ma anche le relative pertinenze, ad esempio box e cantine, essendo del tutto irrilevante il fatto che si tratti di unità immobiliari non allacciati all’impianto di riscaldamento.

In sostanza, quindi, se in un immobile sono presenti quattro appartamenti e quattro box, anche questi vanno conteggiati ai fini del complessivo calcolo del limite di spesa ammesso ad usufruire dell’agevolazione, così che il limite di spesa, ad esempio per la coibentazione, risulta non di 160.000 euro ossia € 40.000 però per quattro ma di 320.000, ossia € 40.000 per otto.

Per approfondire: Superbonus e proprietà di più immobili in capo a unico proprietario

Interventi trainanti e trainati fatturati dalla stessa ditta

Precisazione anche sulla documentazione necessaria per ottenere il Superbonus per gli interventi trainati. Per l’agevolazione, com’è noto, occorre che gli interventi trainati siano effettuati ” congiuntamente” agli interventi trainanti, ossia prima che questi ultimi vengano conclusi.

Per usufruire dell’agevolazione, quindi, è stato chiarito, è sufficiente che l’impresa che gli effettua attesti che questo limite temporale sia rispettato.

Potrebbe interessarti: Detrazione ristrutturazione o Ecobonus: documenti per la cessione credito

No al Superbous per il loft in condominio

Infine un chiarimento che non farà piacere ai proprietari dei loft che speravano, potendo contare sull’accesso diretto dalla strada e la presenza di un impianto di riscaldamento autonomo, di poter usufruire del Superbonus anche quando si tratta si tratta di unità immobiliari che fanno parte di un condominio.

La risposta, in questo caso, è stata negativa. Perché un immobile possa essere considerato “funzionalmente autonomo”, infatti, è necessario che abbia tre impianti totalmente privati: acqua, gas, luce. Se invece si usufruisce di impianti comuni l’immobile va considerato a tutti gli effetti come parte del condominio effettuati dal condominio.

La presenza di un impianto fognario comune, invece, non impedisce di usufruire dell’agevolazione a patto che, come detto, gli altri tre impianti siano totalmente autonomi.

Prontuario tecnico per l’Ecobonus 110%: guida passo passo per il professionista

Studio di fattibilità e progetto preliminare per gli interventi di risparmio energetico rientranti nel Superbonus 110%

Prontuario tecnico per l’ecobonus e il super ecobonus - eBook in pdf

Prontuario tecnico per l’ecobonus e il super ecobonus - eBook in pdf

Sergio Pesaresi, 2020, Maggioli Editore

Dopo il lockdown era necessario fare ripartire la filiera dell’edilizia, e il d.l. Rilancio (d.l. 19 maggio 2020, n. 34, convertito in legge 17 giugno 2020, n. 77) si propone di farlo lanciando una proposta coraggiosa e molto intrigante: un piano dal sapore keynesiano con il quale lo stato...



Cessione del credito

  • Quanto costa cedere
  • Cessione del credito o sconto in fattura
  • Le regole per la cessione de i crediti condominiali
  • La cessione per il condominio minimo e quando l’amministratore non c’è
  • La cessione del credito per gli incapienti
  • La Comunicazione per l’Agenzia delle Entrate
  • Le questioni ancora aperte
La cessione dei crediti

La cessione dei crediti

Antonella Donati, 2020, Maggioli Editore

Nell'ebook tutte le novità e le indicazioni per la compilazione del modello di comunicazione della cessione del credito. Superbonus 110%, Ecobonus, Sismabonus, Bonus facciate e Ristrutturazioni. Al via dal 15 ottobre la piattaforma per la cessione dei crediti per il Superbonus e tutti...



NOVITÀ CALCOLO APE

Ebook con i criteri per la nuova metodologia di calcolo APE + prescrizioni per nuovi edifici e ristrutturazioni + agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici aggiornate al Dl Rilancio e al Superbonus 110%
LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

LE NUOVE REGOLE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENZA NELL’EDILIZIA - eBook

Cinzia De Stefanis, 2020, Maggioli Editore

Il decreto legislativo n. 48 del 10 giugno 2020 (G.U. 10 giugno 2020, n. 146) recepisce nel nostro ordinamento le direttive Ue 2018/844 sulla prestazione energetica nell'edilizia e 2012/27 sull'efficienza energetica, modificando il d.lgs. 192 del 2005. Diverse e tutte importanti le...



Foto: iStock/isayildiz


Condividi

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here